Home Moda e bellezza Zalando incespica in discesa dopo il picco del Covid

Zalando incespica in discesa dopo il picco del Covid

124
0

Shutterstock.com

Sebbene Zalando servito il 5% in piĂą di clienti lo scorso trimestre, il mercato della moda ha perso vendite e ha subito una perdita. Improvvisamente, le vendite sono crollate e l’e-tailer di moda tedesco si è trovato incapace di reagire.

Tuffati nel rosso

Zalando sta diventando sempre piĂą una piattaforma di moda in cui marchi e consumatori si trovano, piuttosto che essere principalmente un rivenditore stesso. Nel primo trimestre dell’esercizio finanziario dell’azienda, il numero di marchi affiliati e rivenditori è nuovamente aumentato notevolmente, assicurandosi che Zalando debba giĂ  il 32% di tutte le vendite ai fornitori di piattaforme.

Il numero di clienti attivi è aumentato del 5,2% nell’ultimo trimestre, ma il fatturato è rimasto fermo a 2,2 miliardi di euro, rappresentando solo l’1% in piĂą di vendite (volume lordo) e persino un calo dell’1,5% nelle vendite nette. Anche il rivenditore di moda tedesco è tornato in rosso con un EBIT rettificato di – 51,8 milioni di euro, o un margine di profitto di – 2,4%.

Vedi anche:  In questo modo eviterai dolore ai piedi quando indossi i tacchi

Crollo improvviso della domanda

All’inizio del trimestre, Zalando ha improvvisamente visto la domanda precipitare, ha detto il co-CEO Robert Gentz ​​in una conferenza stampa. L’azienda ha quindi aumentato le spese di marketing, ma anche quella si è rivelata inutile. Quindi da allora, le promozioni sono state nuovamente ridotte.

I prezzi elevati dell’energia e la carenza di manodopera hanno anche portato a costi di adempimento piĂą elevati. Ogni ordine ora costa a Zalando il 10% in piĂą rispetto a un anno fa. Gentz ​​vuole quindi imporre un volume minimo di ordini, che è giĂ  in vigore in nove paesi, anche ad altri mercati.

Il co-CEO conferma anche che l’assortimento offerto dalla sua azienda non era adatto al ritorno dei dipendenti in ufficio. Zalando ora ha molte scorte in eccesso di vestiti “casual” e ha dovuto rapidamente acquistare altri prodotti tramite il commercio all’ingrosso.

Vedi anche:  Questo è il superfood che ferma raffreddore e influenza sul loro cammino

“L’e-commerce può ancora crescere”

Tuttavia, i dati non dovrebbero sorprendere dopo l’eccezionale picco durante la pandemia di Covid. I lockdown e le restrizioni Covid hanno fatto sì che i consumatori dovessero ricorrere all’e-commerce, ma ora c’è di nuovo piĂą scelta. Anche il mercato è estremamente volatile, sottolinea Gentz: la guerra in Ucraina ha lasciato le persone con altre cose per la testa e i problemi della catena di approvvigionamento stanno giocando un ruolo.

Tuttavia, la societĂ  non prevede alcun impatto a lungo termine. Zalando mantiene le sue ambizioni di raggiungere oltre 30 miliardi di euro di fatturato entro il 2025 e quest’anno si espande in Ungheria e Romania. “Come piattaforma, siamo piĂą agili”, Gentz ​​vede ancora molto potenziale per rimuovere le inefficienze dalla vendita al dettaglio di moda europea e crede fermamente che l’e-commerce non sia ancora maturo.

Articolo precedenteGli americani comprano il marchio Karl Lagerfeld
Articolo successivoAdidas dimostra la dipendenza occidentale dal mercato cinese