Home Moda e bellezza Woman festeggia il suo 30° anniversario a Ibiza con una sfilata che...

Woman festeggia il suo 30° anniversario a Ibiza con una sfilata che vede protagonisti 14 creatori di moda Adlib

82
0

Judit Mascó è stata incaricata di aprire la Woman Ibiza Parade con cui questa iconica rivista internazionale ha festeggiato il suo 30° anniversario e che ha anche sfilato in passerella con altri grandi ‘top models’ spagnoli: Martina Klein, Veronica Blume e Laura Sanchezche ha mostrato le collezioni 2023 di 14 designer del marchio Adlib Ibiza. il troppo la modella e dj Cristina Tosio si è occupata della realizzazione della colonna sonora alla parata.

L’atto, in cui hanno agito come ospitato dal presidente e vicepresidente di stampa ibericaJavier Moll e Arantza Sarasolache ha pronunciato il discorso di apertura dell’evento, ha partecipato il presidente del governo delle Baleari, Francina Armengol; del presidente del Consiglio Insulare di Ibiza, Vincenzo Mari e il sindaco della città di Ibiza, Raffaello Ruiztra le altre autorità. Anche i direttori di Prensa Ibérica e rappresentanti del mondo degli affari e sociale di Ibiza si sono uniti a questa festa con la moda.

La sfilata, che si è svolta nei giardini del Diario de Ibiza, è stata presentato dalla giornalista Silvia Tomás ed è stato frequentato anche da personaggi popolari come Mar Flores, Rubén Cortada, Fonsi Nieto, Helen Lindes, Esther Doña, Carla Hinojosa, María José Suárez, Álvaro Muñoz Escassi, Sonia Ferrer, Nerea Garmendia o Fiona Ferrer, tra gli altri, che non ha voluto mancare a questo incontro nazionale.

Il Consell Insular de Ibiza, Ibiza Travel, Toyota, Iberia Express, Catrice Cosmetics, Real Techniques, Instax Instant Photography, Newblue, Ziaja, Gold Collagen, Grupo Pacha Y Rowenta sono stati gli sponsor principali di una sfilata che, rendendo omaggio allo slogan e allo spirito della moda ibizenca, ha dimostrato la qualità e l’artigianalità del marchio Adlib Ibiza, noto a livello internazionale per la sua libertà e buon gusto. “Valori che sono gli stessi che difendiamo da 30 anni in Woman con un giornalismo serio e di riferimento che valorizza i marchi spagnoli”, ha affermato il direttore di questa rivista, Mayka Sanchezche ha chiuso questa sfilata insieme ai vertici che hanno occupato molte delle sue copertine.

Rivista La donna ha così festeggiato il suo 30esimo anniversario con una sfilata in Diario di Ibiza organizzato dal Gruppo stampa ibericoa cui appartengono entrambe le pubblicazioni, a cui hanno partecipato 14 designer del marchio Adlib Ibiza, sponsorizzato dal Consell Insular. Elisa Pomar, S72 Hat, Estrivancus, Dolors Miró Ibiza, Espardenyes Torres, K de Kose kose, Piluca Bayarri, Monika Maxim Ibiza, Ivanna Mestres, Ibiza Stones, Virginia Vald, Vintage Ibiza, Tony Bonet e Ibimodache ha mostrato un totale di 36 modelli Ispirazione mediterranea.

Vedi anche:  Tre piante da interno per eliminare muffe e umidità in casa

La rivista Woman è nata a Barcellona nel 1992 ed è l’unica pubblicazione mensile di moda creata a Barcellona, ​​​​che è cresciuta ogni anno nelle edicole fino a diventare la principale rivista spagnola di moda e bellezza che riflette ‘il lusso di essere donna’. Nel suo 30° anniversario come media specializzata nelle ultime tendenze del lifestyle, Woman ha cercato di mostrare la potenza e la qualità dei capi e degli accessori artigianali con una sfilata esclusiva che vede protagonista questa azienda con denominazione di origine.

I modelli SS23 della passerella Donna

Il disegnatore Elisa Pomar ha aperto la sfilata con la sua collezione ‘Figlie prodighe di Ibiza’un inno alla magia e all’energia dell’isola che ha visto nascere e crescere la stilista, sia personalmente che professionalmente, in cui ha presentato gioielli artigianali realizzati con oro e argento bianco, mettendo in risalto filigrana e colore fini.

S72HAT ha presentato la sua collezione più personale, ‘Victoria’una selezione di cappelli in paglia naturale e feltro, realizzati con strass e pizzo, in cui predominavano nastri ricamati.

ARTTemporal’ era il nome che accompagnava gli ‘espardenyes’ di Ibiza, unici ed esclusivi Estrivancoa base di fibre naturali e coloranti vegetali lavorati a mano, in cui ha incorporato colori come il blu notte e il verde pino.

Il disegnatore Dolors Mirò Ibizache si distingue per il recupero dell’artigianato dei tradizionali ‘senallons’, ha presentato ‘Sentiment Eivissenc’, una rivisitazione di borse, cestini e cesti, trasformandoli in accessori esclusivi grazie all’utilizzo di pizzi, perle, ricami e carta applicata.

Espardenyes Torres scommetti su reinventare e aggiornare le calzature tradizionali contadino con proposte da sposa e da sera grazie al suo uso magistrale di zeppe e risorse decorative come i fiori, che hanno dato vita alla sua collezione ‘Genesis’.

K per Kose Kosel’etichetta più all’avanguardia della famiglia Adlib, ha dato vita ad ‘Antología Ad libitum’, un viaggio attraverso i look più iconici dell’azienda, in cui hanno reso omaggio all’avanguardia, al folklore e alle tradizioni dell’isola, con accessori contemporanei e copricapo firmati.

Vedi anche:  Capri (Versace, Michael Kors) batte tutti i record

Piluca Bayarri ha espresso il suo concetto di libertà con ‘Ibiza Arcoíris’, una collezione di capi versatili in cui ha unito le sue collezioni Resort, Tenerife, Safari, La Palma e Malibu, piene di trame e colori trasparenti, che simboleggiavano glamour, seduzione e libertà.

Monica Maxim Ibiza ha presentato la sua collezione ‘Sargantana’, ispirata allo stile di Ibiza e ai costumi tradizionali del folclore dell’isola, con tessuti bianchi pieni di pizzi, tomboli e uncinetto.

‘Ballando con le meduse’ è stato il particolare tributo che lo stilista Ivanna Mestre ha fatto l’universo marino, attraverso capi con tagli a strisce sia nelle gonne che nelle maniche, e con tessuti vaporosi che imitavano un’autentica danza con le meduse.

‘Tramonto senza tempo’ è stato l’insieme dei capi presentati dall’azienda Pietre di Ibizain cui predominavano sagome fluide e ariose, decorate con strass e borchie lucide, e in cui veniva dato particolare risalto ai toni dorati della cosiddetta “ora blu ibizenca”.

Con ‘Kenia’, il designer Virginia Vald ha ricreato i suoi viaggi nel continente africano con capi realizzati con tessuti riciclati per promuovere un consumo responsabile della moda, dove seta, tulle e ricami broccati con strass hanno dato vita a una collezione in cui ogni capo rappresentava un animale.

Ibiza d’epoca ha presentato ‘Brave Heart’, una collezione composta da abiti di stile boho chic con un’aria Adlib che rifletteva lusso, passione e romanticismo, insieme a creazioni maschili per uomini bohémien e informali.

‘Yo femina’ era il particolare tributo all’universo ‘nuziale’ di Tony Bonnet, che, nel rispetto delle sue radici più pure, ha optato per mix innovativi e trasgressivi, con un disegno di pattern molto attento incentrato sul patchwork di pizzo.

Da parte sua, l’azienda ibimoda ibizache da oltre 25 anni si dedica al mondo della modellistica e dell’abbigliamento, è stata l’azienda incaricata di chiudere questa sfilata con la sua collezione “Estels”, ispirata ai campi, alle coste e ai tramonti di Ibiza, attraverso tessuti come guipure o il ‘voile’, con tagli romantici e dettagli floreali.

Articolo precedenteEnagás non convince RBC: ratifica il consiglio di ‘sottopeso’
Articolo successivoI bianchi di Emilio Moro, ideali per assaporare l’estate