Home Economia Wall Street prevede un rimbalzo regolare dopo aver chiuso aprile con perdite...

Wall Street prevede un rimbalzo regolare dopo aver chiuso aprile con perdite molto forti

43
0

Wall Street prevede un lieve rimbalzo che inizierà a maggio, dopo chiudi aprile con perdite molto forti. Il S&P 500 è sprofondato di oltre il 3% venerdì scorso e ha chiuso il mese con un ribasso dell’8,8%, il suo Aprile più basso dal 1970 e il più negativo da marzo 2020quando è scoppiata la pandemia di Covid-19.

Inoltre, il calo del 13,3% da inizio anno lo è il più grande che ha sofferto in questo periodo in qualsiasi anno dal 1939. Le cose sono andate peggio nasdaqche ha chiuso aprile con un calo 13,3%il peggior aprile dal 2000, quando è scoppiata la bolla tecnologica, e il suo mese più basso da ottobre 2008.

“Molti dei titoli tecnologici americani hanno accumulato cali di oltre il 50% rispetto ai loro massimi recenticon i loro contributi fortemente penalizzati dal forte rimbalzo dei rendimenti obbligazionari a lungo termineche riducono sostanzialmente il valore attuale dei loro flussi di cassa futuri e, quindi, le loro valutazioni”, spiegano da Link Securities.

RIUNIONE FED

Uno dei motivi per spiegare questo comportamento negativo di Wall Street è che il mercato americano è rimasto senza il supporto monetario della Federal Reserve (Fed)che questo mercoledì prevede di aumentare i tassi di interesse di 50 punti base e annunciare i dettagli per ridurre il suo saldo di circa 100.000 milioni di dollari al mese.

Vedi anche:  Il gigante russo Gazprom minaccia di interrompere le forniture di gas all'Europa

Est Inasprimento quantitativo della Fed contenere l’elevata inflazione giunge in un momento delicato per l’economia americana, che sta affrontando un periodo di rallentamento della crescita a causa della guerra in Ucraina, come dimostra il Contrazione del PIL registrata nel secondo trimestre. Gli investitori dubitano che la Fed possa impedire un atterraggio duro dell’economia in questo scenario.

DEBOLEZZA ECONOMICA IN CINA

Come se non bastasse, il confinamenti e forti restrizioni alla mobilità derivato dal politica covid zero cinese stanno provocando una significativa contrazione economica nel colosso asiatico, come ha dimostrato il ultimi dati pubblicati per il mese di aprile.

“Il rallentamento dell’economia cinese è un altro fattore di rischio molto rilevante per i mercatipoiché indubbiamente peserà sulla crescita economica globale”, sottolineano da Link Securities. Inoltre, sottolineerà la catena di approvvigionamento globale e manterrà alte le pressioni inflazionistiche sulle economie occidentali, che sono già sotto pressione dalla guerra in Ucraina.

Vedi anche:  Il petrolio Brent si aggira intorno ai $ 100 durante il blocco di Shanghai

PIÙ FATTORI DI RISCHIO

Sulla guerra in Ucraina, il Unione europea sta discutendo nuove sanzioni alla Russia che potrebbero includere una sorta di accordo iniziare un graduale embargo sul petrolio russo. Il cambio di postura Germania ha aperto le porte alle misure contro il Cremlino per salire di livello.

“Il dollaro continua a rafforzarsi e funge da bene rifugio in un momento in cui tensione geopolitica non molla, con il taglio delle forniture di gas russo a Bulgaria e Polonia, il possibile ingresso di Finlandia e Svezia nella NATO e il timore che anche la Moldova possa essere attaccata”, indicano gli esperti di Bankinter.

Il barile di greggio Texas occidentale in calo del 2,9% ($ 101,62) e del barile Brent scende del 2,6% ($ 104,35), mentre il Euro si deprezza dello 0,2% (1,0519). Oltre al oncia d’oro in calo dell’1,6% ($ 1.880). Infine, il bitcoin avanzato del 2,6% ($ 38.855); e la redditività di Obbligazione statunitense di 10 anni sale al 2,942%.

Articolo precedenteForte volatilità e ribassi per l’Ibex 35 e l’Europa dopo l’ultimo crollo di Wall Street
Articolo successivoTre pietre miliari che mostrano la punizione subita da Wall Street lo scorso aprile