Home Economia Wall Street prevede ribassi con particolare attenzione all’inflazione e alla Federal Reserve

Wall Street prevede ribassi con particolare attenzione all’inflazione e alla Federal Reserve

90
0

Wall Street prevede cali dopo il lunedì festivo del Giorno dell’Indipendenza e dopo la chiusura la scorsa settimana con perdite che vanno dall’1,28% per il Dow Jones, al 2,2% per l’S&P 500 e al 4,1% per il Nasdaq.

A giugno, il Dow Jones ha perso il 7,4%, l’S&P 500 il 9,3% e il Nasdaq il 10,4%. Le perdite nel primo tempo sono state 15% per il Dow, 20,5% per l’S&P e quasi il 30% per il Nasdaq.

COSA SUCCEDERÀ NEL SECONDO SEMESTRE?

Uno dei primi semestri peggiori della storia per le azioni statunitensi, che affronteranno i prossimi mesi con molte incertezze all’orizzonte.

Dal gestore obbligazionario Pimco, vieni”un alto rischio di recessione nei prossimi due anniche riflette un maggiore potenziale di conflitti geopolitici, a inflazione ostinatamente alta che riduce il reddito disponibile reale delle famiglie e l’intensa concentrazione delle banche centrali sulla lotta all’inflazione in primis, che aumenta il rischio di incidenti finanziarioltre al forte inasprimento delle condizioni finanziarie già osservato”.

DOVE POSSONO ESSERE I LIVELLI DI INGRESSO?

Nonostante questo scenario complicato che attende i mercati nella seconda metà dell’anno, gli investitori devono essere molto vigili, perché i mercati azionari scontano sempre le recessioni in anticipo e il punto di ingresso nel mercato apparirà quando il il sentimento negativo è estremo e gli investitori capitolano.

Vedi anche:  Wall Street rimane chiusa questo lunedì per il Presidents' Day

Romualdo Trancho, direttore di Allianz Global Investors, ha spiegato che “la redditività del futuro si ottiene acquistando in momenti come il presente“.

Dal canto loro, gli analisti di Bank of America hanno ricordato che, storicamente, “i mercati ribassisti durano 289 giorni e provocano cali medi del 37%”. Sulla base di questa statistica, il mercato ribassista finirebbe 19 ottobre 2022, con l’S&P 500 a 3.000 punti. Inoltre, questi esperti aggiungono che “i mercati rialzisti durano 64 mesi e mostrano guadagni del 198%”, quindi l’S&P 500 salirebbe a 6.000 punti nel febbraio 2028.

D’altra parte, Bank of America ritiene che “si sia innescato un sentimento ribassista estremo, con l’88% degli indici al di sotto della media di 200 giorni”un segnale di acquisto dalla teoria dell’opinione contraria“che potrebbe innescare un rally rialzista e una chiusura di short che spingerebbe l’S&P 500 sopra i 4.000 punti nelle prossime settimane.

Pertanto, non è affatto escluso che i mercati azionari organizzano un violento rally rialzista durante l’estateper dopo crash di nuovo a settembre e ottobrequando di solito sono contrassegnati i grandi livelli di mercato.

ECONOMIA E ALTRI MERCATI

Il migliori quotazioni economiche per i prossimi giorni sarà il Servizi ISM giugno e il verbale dell’ultima riunione della Federal Reserve (mercoledì), il Indagine sull’occupazione di giugno ADP (giovedì) e soprattutto il Rapporto sull’occupazione di giugno negli Stati Uniti (Venerdì).

Vedi anche:  Il tribunale nazionale persegue Iberdrola per aver alterato i prezzi dell'elettricità nel 2013

Gli investitori monitoreranno da vicino i dati per vedere se ci sono segnali di rallentamento economico da un lato, anche se dall’altro monitoreranno anche qual è il evoluzione dei prezzi nel settore dei servizi e dei salari Nel mercato del lavoro.

Come fattore positivo, il Il vicepremier cinese Liu He e il segretario al Tesoro americano Janet Yellenmartedì ha tenuto una convocazione virtuale su questioni macroeconomiche, secondo le dichiarazioni ufficiali di entrambe le parti, con l’obiettivo di mantenere aperte le linee di comunicazione tra i due paesi.

In altri mercati, il barile di petrolio Texas occidentale aumenta dello 0,6% ($ 109,71) e il Brent scende dello 0,5% ($ 112,93), mentre il Euro si deprezza dell’1% ($ 1,0328) e segnare minimi di 20 anni contro il ‘biglietto verde’. Oltre al oncia d’oro in aumento dello 0,1% ($ 1.803); e il bitcoin in rialzo dello 0,5% ($ 19.862). Infine, la redditività di Obbligazione statunitense di 10 anni sale al 2,93%.

Articolo precedenteBankinter interrompe i suoi consigli su Ryanair a causa dello sciopero e dell’impatto della guerra
Articolo successivoWatchdog indaga sull’affare tra Ter Beke e Imperial Meat