Home Economia Wall Street chiude la settimana con segno misto e anticipo su tutti...

Wall Street chiude la settimana con segno misto e anticipo su tutti gli indici

94
0

Wall Street ha chiuso venerdì con segno misto (Dow Jones: +0,44%; S&P 500: +0,51%; Nasdaq: -0,16%), ma con i tre indici principali in crescita per la seconda settimana consecutiva. Il Dow Jones è avanzato dello 0,31% negli ultimi cinque giorni, mentre l’S&P 500 e il Nasdaq sono aumentati dell’1,97%, rispettivamente a 4.543,06 punti e all’1,98%.

Il L’S&P 500 si è apprezzato di oltre l’8% rispetto ai minimi recenti di inizio mese. Il rimbalzo è arrivato nonostante nessun segno concreto di progresso nella guerra in Ucraina e la scorsa settimana la Federal Reserve (Fed) ha segnalato che si aspetta molti altri rialzi dei tassi quest’anno.

Il presidente della Fed, Girolamo Powellha rafforzato questa idea questa settimana lasciando la porta aperta, nel suo intervento alla conferenza annuale della National Association for Business Economics (NABE), per un aumento del tasso di 50 punti base alla prossima riunione.

La settimana è stata ancora una volta segnata, come potrebbe essere altrimenti, dalle notizie legate alla guerra in Ucraina. Gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno raggiunto un accordo aumentare le esportazioni di gas naturale liquefatto dai primi ai secondi. L’obiettivo è ridurre la dipendenza energetica dell’UE dalla Russia e su questo si è concentrato molteplici vertici di leader che si sono svolti in questi giorni.

Vedi anche:  "Il riacquisto di azioni CaixaBank sarà compreso tra 1.500 e 2.000 milioni"

Anche questo venerdì La Russia ha assicurato che la prima fase della sua operazione militare è stata completata in Ucraina e ha spiegato che ora si concentrerà sulla “liberazione” del Donbas, la regione dell’Ucraina in cui si trovano le sedicenti repubbliche riconosciute da Putin di Donetsk e Lugansk.

Puoi consultare qui la trasmissione speciale in diretta di ‘Bolsamanía’ sulla guerra.

Anche il rialzo dei rendimenti obbligazionari ha fatto notizia negli ultimi giorni. Il prestito obbligazionario americano a 10 anni ha segnato massimi dal 2019 mentre la Fed continua con i suoi piani per inasprire la sua politica monetaria.

Questo venerdì, dall’altra parte dell’Atlantico, il Indice del sentimento dei consumatori dell’Università del Michigan, che si attesta a 59,4 punti, leggermente al di sotto delle previsioni di consenso, che la collocano a quota 59,7 punti. Le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione pubblicate lo scorso giorno erano al livello più basso degli ultimi 53 annimentre anche i PMI preliminari sono stati migliori del previsto.

Vedi anche:  Substrate AI, società specializzata in AI, si quota in borsa per 95 milioni di euro

ALTRI MERCATI

In altri mercati, il Petrolio Ha rallentato la sua crescita negli ultimi giorni. Tuttavia, la botte Texas occidentale ha continuato a salire, questa volta dello 0,28%, a 112,68 dollari; mentre la canna di Greggio Brent è rimbalzato dello 0,23% a $ 119,30.

Anche il Euro si passa a 1,0982 dollari (-0,12%). Da parte sua, lui oRovvero è sceso a 1.954 dollari (-0,37%) e il argento 1,14% ($ 25,62) è stato lasciato.

Inoltre, il bitcoin è avanzato dell’1,14%, a 44.509 dollari, e il ethereum ha guadagnato lo 0,16% a $ 3.119.

Infine, il rendimento dell’obbligazione statunitense a 10 anni è salito dello 0,14% al 2,486%.

Articolo precedenteCosmetici da Oscar
Articolo successivoDue asset alternativi che riducono la volatilità e l’effetto dell’inflazione