Home Economia Wall Street cade duramente dopo l’inizio degli attacchi della Russia all’Ucraina

Wall Street cade duramente dopo l’inizio degli attacchi della Russia all’Ucraina

86
0

Wall Street rimane intorno al 2%, con il Dow Jones come il più colpito, dopo Russia hanno lanciato a attacco militare all’Ucrainaproprio come aveva avvertito stati Uniti negli ultimi mesi.

all’alba, Vladimir Putin ha giustificato l’invasione: “Ho deciso di effettuare un’operazione militare speciale. Il loro obiettivo è proteggere le persone che sono state oggetto di abusi, il genocidio del regime di Kiev per otto anni”.

Inoltre, il presidente russo ha affermato che l’obiettivo della Russia è “smilitarizzazione e denazificazione dell’Ucrainacosì come da assicurare alla giustizia coloro che hanno commesso numerosi crimini sanguinosi contro i civilicompresi i cittadini della Federazione Russa”.

“Qualsiasi responsabilità per un possibile spargimento di sangue ricadrà interamente sulla coscienza del regime ucraino“, ha aggiunto Putin. Inoltre, ha ricordato che la Russia è una delle potenze nucleari più potenti del pianeta, quindi “nessun potenziale aggressore dovrebbe avere dubbi sul fatto che sarà completamente sconfitto“.

Infine, ha avvertito che «chiunque tenti di fermarci deve saperlo La Russia è pronta a qualsiasi risultato e avrà conseguenze mai viste nella storia“.

Per la sua parte, Joe Biden ha accusato Vladimir Putin per iniziare un “attacco ingiustificato e non provocatocontro l’Ucraina e ha avvertito che avrà conseguenze “catastrofiche”.

“Il presidente Putin ha iniziato una guerra premeditata che causerà perdite catastrofiche in vite umane e sofferenze umane. Solo la Russia è responsabile della morte e della distruzione che questo attacco porterà. e gli Stati Uniti ei loro alleati e partner risponderanno con decisione. Il mondo riterrà la Russia responsabile di questa sfacciata aggressione“, ha detto Biden.

Vedi anche:  L'indice Hang Seng di Hong Kong è salito di oltre il 3% guidando i guadagni dell'Asia

In un comunicato, il presidente americano ha aggiunto che “ci coordineremo con i nostri alleati della NATO per garantire una risposta forte e unita per dissuadere qualsiasi aggressione contro l’Alleanza”.

Biden si incontrerà questo giovedì mattina con il gruppo delle potenze del G-7 e si rivolgerà al popolo americano alle tre del pomeriggio, ora spagnola, per annunciare “pene severe“che gli USA e i loro alleati imporranno a Mosca per un”atto di aggressione non necessario contro l’Ucraina e la pace e la sicurezza globale“.

CONSEGUENZE DELL’ATTACCO

Le conseguenze dell’attacco sono state dirette. Il Le borse europee crollanoMentre La Borsa di Mosca crolla del 40% e registra il calo più grande della sua storia.

Il Il petrolio rompe i 100 dollari per la prima volta dal 2014 dopo l’attacco all’Ucraina. Il barile del West Texas è in rialzo del 6,67% ($ 98,77) e anche il barile di Brent è in rialzo del 7,32% ($ 104,16).

Nel mercato dei cambi, il il rublo segna i minimi storici contro il dollaro (89,89) dopo il crollo del 10%, mentre la redditività del Obbligazione statunitense di 10 anni fino a 1,896%. Inoltre, il bitcoin affonda del 5,88% ($ 35.423) e l’oncia d’oro sale dell’1,8% ($ 1.944).

James Athey, direttore di Investments di abrdn, commenta che “questa situazione è più complicata e potenzialmente dannosa a causa del possibile ciclo di feedback che esiste tra l’escalation delle tensioni nel Donbas e il prezzo del petrolio. Ciò costituisce un fattore chiave per l’inflazione nel mondo occidentale, in un momento in cui le banche centrali stanno già recuperando terreno”.

Vedi anche:  "I rischi di un aumento duraturo del petrolio sono aumentati notevolmente"

“C’erano grandi speranze che questa situazione con la Russia potesse essere gestita di nuovo diplomaticamente. Tuttavia, il respingimento che abbiamo visto da parte russa conferma i timori di molti: L’obiettivo della Russia di quello che equivale a un veto sulla politica estera ucraina Non è un risultato accettabile per i leader dell’Occidente”, aggiunge questo esperto.

“Gli investitori devono affrontare una possibile realtà che includa il confronto militare, ulteriore apprezzamento del prezzo del petrolio e, quindi, aumento dell’inflazionecrescita più bassa e politica monetaria più restrittiva in Occidente”, conclude Athey.

Questo giovedì, invece, sono stati pubblicati alcuni dei principali riferimenti economici della settimana. Da una parte, PIL USA è cresciuto del 7% nel quarto trimestre 2021 nonostante l’influenza della variante Omicron; I dati confermano il miglioramento rispetto a leggero aumento del 2,3% nel terzo trimestre dall’anno scorso.

È stato anche pubblicato disoccupazione settimanale nel Paese nordamericano, che soddisfa le previsioni di consenso e si attesta a quota 232.000. Si tratta di un leggero calo rispetto ai 248.000 registrati sette giorni fa.

I licenziamenti dovrebbero essere minimi in un mercato del lavoro ristretto in cui i datori di lavoro continuano a lottare per attrarre lavoratori”, commentano da Oxford Economics.

Articolo precedenteTre potenziali rischi per i mercati dopo lo scoppio della guerra
Articolo successivoSantander annuncia un dividendo di 5,15 centesimi e più riacquisti di azioni