Home Sport Voce sul trasferimento di Paul Pogba: una mossa del Manchester City rivitalizzerebbe...

Voce sul trasferimento di Paul Pogba: una mossa del Manchester City rivitalizzerebbe la carriera del centrocampista del Manchester United?

50
0

Paul Pogba potrebbe scambiare i lati del Manchester? Secondo il Daily Mail, Il Manchester City è interessato a firmare Pogba quando il suo contratto con il Manchester United scadrà alla fine dell’anno. L’insider di CBS Sports Fabrizio Romano aggiunge che non c’è ancora nulla di avanzato nella saga e che il PSG è una squadra che sta corteggiando anche Pogba. Anche il Manchester City sta monitorando Frenkie de Jong, ma dovrebbe pagare una forte quota di trasferimento per l’olandese invece di ingaggiare un giocatore a titolo gratuito, un fattore che potrebbe essere importante dato che il City è anche uno dei principali contendenti per ingaggiare la superstar del Borussia Dortmund l’attaccante Erling Haaland questa estate.

Pogba è stato una figura volubile durante i suoi sei anni al Manchester United e il suo impegno per il club è stato messo in discussione poiché ha cercato di trasferirsi quasi ogni estate da quando è arrivato al club dalla Juventus per la quota di trasferimento da far venire l’acquolina in bocca di quasi £ 180 milioni. Ma tenendo conto del fatto che lo United ha impiegato quattro allenatori durante il mandato di Pogba (cinque se non puoi l’arrivo di Erik ten Hag che subentrerà quest’estate) mentre lottavano per il successo in campionato e nel continente, è facile capire dove alcuni di Anche la frustrazione di Pogba è venuta da.

Pogba è stato fondamentale per la squadra vincitrice dell’Europa League di Jose Mourinho, dove ha operato principalmente come centrocampista difensivo, ma dal momento che è stato storicamente più un giocatore in stile box-to-box, non sembrava godersi la mancanza di libertà e alla fine è stato messo da parte da Mourinho nella seconda stagione dell’allenatore con il club.

Vedi anche:  Liverpool-Villarreal: live streaming Champions League, canale TV, come guardare online, notizie, quote

Lo schema si ripeterebbe da manager a manager. Ci sono stati degli allungamenti, come quando Ole Gunnar Solksjaer è subentrato a Mourinho, quando Pogba era titolare regolare e collaboratore influente, ma sono stati inevitabilmente seguiti da allungamenti in cui il francese è stato emarginato per scelta o per infortunio.

A causa della mancanza di tempo di gioco di Pogba e degli infortuni che ha subito negli ultimi anni, è difficile dire se abbia ancora lo stesso tipo di raggio di passaggio e mobilità dei suoi anni più giovani, ma c’erano preoccupazioni simili intorno a un giocatore come il centrocampista Ilkay Gungogan quando si è trasferito al City dal Borussia Dortmund. Gundogan è un paragone azzeccato qui perché è il giocatore più vicino a Pogba, un centrocampista che è sia un forte passante sulla palla sia che è abile nel salire in campo e nell’area come minaccia da rete.

Tuttavia, entrare in un sistema Pep Guardiola sarebbe una sfida unica. Pogba non è sempre stato un pressore volenteroso come centrocampista, ma non è nemmeno necessariamente la responsabilità difensiva che è ritratto. Quando è in nazionale con la Francia, accanto a N’Golo Kante, gioca come un tradizionale fulcro difensivo responsabile. Circondato dai migliori giocatori del mondo come ai tempi della Juventus, è possibile che Guardiola possa ottenere il francese Paul Pogba su base settimanale.

Una cosa che Pogba può portare è una natura un po’ anticonformista in campo. Quando il gioco si fa duro per il City, pochi giocatori rompono il sistema di Guardiola e mentre questo potrebbe essere un lato di Pogba che farà impazzire il famoso manager di controllo a volte, è anche un lato che forse darebbe loro un aspetto diverso quando ne hanno bisogno (come dire quando si cerca di rimontare contro il Real Madrid ai supplementari dopo aver subito due gol nei minuti di recupero nelle semifinali di Champions League). Jack Grealish fornisce quel tipo di elettricità con la palla ai suoi piedi sulla fascia, ma Pogba potrebbe, potenzialmente, fare la stessa cosa al centro del campo.

Vedi anche:  Scelte d'angolo: migliori scommesse, quote, pronostici per Manchester United-Tottenham, Arsenal-Leicester e altro ancora

E le cose che Pogba fa bene, lo fa ancora molto, molto bene. Dalla stagione 2017, solo cinque giocatori hanno raccolto più assist dei 34 di Pogba e questo nonostante abbia giocato almeno 20 partite in meno di ogni persona davanti a lui. Il leader sarebbe il suo compagno di squadra se il trasferimento al City si realizzasse a de Bruyne con 56. La possibilità di combinare quel tipo di creatività al centro del parco non capita spesso, quindi ha senso che il City stia facendo la dovuta diligenza qui.

Certo, c’è un rischio che deriva dall’aggiunta di Pogba alla squadra, ma la maggior parte di questi sono mitigati dal fatto che lui venga aggiunto a parametro zero. Il City ha le risorse che gli stipendi pagati non contano davvero, quindi se Guardiola crede che Pogba si adatti alla cultura della squadra che sta costruendo, la ricompensa potrebbe sicuramente superare il rischio di ingaggiare un giocatore che al suo meglio è uno dei migliori centrocampisti nel mondo.

Articolo precedenteQuesto è il lucchetto Nuki Smart Lock 3.0 Pro
Articolo successivoMuore Marthe Gautier, la scopritrice silenziata dell’origine della sindrome di Down