Home Economia Un’altra battuta d’arresto per i Gorilla: l’era delle consegne lampo è già...

Un’altra battuta d’arresto per i Gorilla: l’era delle consegne lampo è già finita?

78
0

Dopo aver ridotto i suoi servizi in Belgio e in un paio di altri paesi, il servizio di consegna flash Gorilla ora sta persino riducendo le sue attività olandesi, nonostante abbia definito i Paesi Bassi uno dei suoi mercati chiave solo il mese scorso. Zapp sta lasciando anche i Paesi Bassi: le aziende di consegna flash escono col botto?

Valutazione attenta

Gorillas sta tagliando le sue operazioni in Europa: solo il mese scorso ha lasciato Belgio, Danimarca, Italia e Spagna per lasciare quattro paesi europei come suoi “mercati chiave”. Tuttavia, dopo “un’attenta valutazione”, la società con sede a Berlino lascerà anche sei città olandesi. Non si tratta di una tantum: la concorrente Zapp sta lasciando del tutto il mercato olandese. Cosa sta succedendo, se anche in un mercato online così maturo, le aziende di consegna flash sentono di doversi ritirare?

Uno dei problemi principali è che nel clima attuale, le straordinarie quantità di denaro disponibili per l’espansione delle società di consegna flash si sono esaurite. L’espansione nelle regioni più promettenti e il raggiungimento di una scala sufficiente in quelle zone significa ora che lasciare altri posti è inevitabile. Mantenere un hub di commercio rapido è, ovviamente, molto costoso: se si vuole mantenere una promessa di consegna entro 10 minuti, i costi per negozi al buio e corrieri sono esorbitanti. Inoltre, quei negozi oscuri non sono attraenti e causano problemi di immagine, mentre la legislazione contro di loro aumenta ulteriormente l’insicurezza per le aziende.

Vedi anche:  Le perdite a Wall Street sono sulla buona strada per chiudere il primo semestre più basso dal 1970

Brutto momento per avventure “appariscenti”.

In quanto tale, la “crescita sostenibile” rimane un problema molto difficile per le società di consegna flash, il che spiega anche le numerose acquisizioni e il consolidamento in un mercato ancora molto giovane. E ciò dovrebbe accadere ancora più velocemente, ora gli investitori si stanno ritirando dalle società di commercio rapido e la loro tendenza a bruciare anni di denaro prima che mai, se non mai, diventi in qualche modo redditizia.

Anche un attore “vecchio” ed esperto del mercato, come Just Eat Takeaway, sta ancora perdendo miliardi di euro. Questo non era un problema per gli investitori, ma ora gli azionisti stanno improvvisamente iniziando a protestare, osserva il fondatore Jitse Groen. Gli investitori pensano che non sia il momento per i rischi e le società di consegna flash – con ancora tutto da dimostrare – sono ora costrette a pagare per questo.

Vedi anche:  Ezentis, un valore in caduta libera che vive nell'ostracismo più assoluto

Una lezione di umiltà

Questo segna già la fine della storia per i Gorilla e gli altri? Forse no, ma la rapida espansione che i giocatori del commercio veloce speravano – e che i rivenditori di generi alimentari temevano – sembra essere decisamente fuori gioco ora. Tuttavia, il fatto che anche le società di consegna flash utilizzino ora parole come “crescita sostenibile” è di per sé un buon segno. Significa che d’ora in poi saranno meno “appariscenti” e molto più modesti di quanto suggerisca la loro promessa di consegna “istantanea”.

La crescita sostenibile è una crescita umile. Si spera che le società di consegna flash possano ora anche trovare soluzioni sostenibili per i loro negozi bui nelle città e partnership sostenibili con il settore della vendita al dettaglio, in modo che il loro “commercio rapido” non diventi una sveltina con un retrogusto amaro.

Articolo precedenteMathys Tel al Bayern Monaco: i giganti tedeschi scommettono alla grande su un 17enne con meno di 100 minuti da senior giocati
Articolo successivoL’Ibex chiude la settimana a 8.100 punti guidato da BBVA e Fluidra