Home Sport UEFA Champions League: la qualificazione al terzo turno Monaco-PSV è l’inizio dello...

UEFA Champions League: la qualificazione al terzo turno Monaco-PSV è l’inizio dello scontro europeo dei pesi massimi

122
0

Martedì le qualificazioni alla UEFA Champions League si fanno interessanti con AS Monaco-PSV Eindhoven, probabilmente la scelta delle partite del terzo turno preliminare. Lo Stade Louis II ospita la prima delle due gare tra Les Monegasques e i giganti olandesi che decideranno chi avanzerà per affrontare Union Saint Gilloise o Rangers a fine mese.

Come guardare la Champions League e le quote

  • Data: martedì 2 agosto | Volta: 14:00 ET
  • Posizione: Stadio Louis II — Monaco
  • Streaming TV/diretta: Sommo+
  • Probabilità: ASM +105; Disegna +270; PSV +230 (tramite Caesars Sportsbook)

Il Monaco cerca di evitare gli errori della scorsa stagione

Per il Monaco si tratta di un’occasione per rimediare al torto di 12 mesi fa che ha visto la squadra della Ligue 1 cadere in modo doloroso contro Shakhtar Donetsk nel turno di spareggio. Stranamente, il PSV sarà ugualmente motivato dai propri dolorosi ricordi di aver perso 2-1 contro gli eventuali quarti di finale SL Benficama il modo era probabilmente meno agonizzante.

Uno strano autogol di Ruben Aguilar a sei minuti dalla fine dei tempi supplementari è stato l’unico ostacolo tra gli uomini di Niko Kovac e la fase a gironi dell’UCL. Philippe Clement guida l’ASM ora e ha supervisionato un’impressionante raffica di nove vittorie su 10 in ritardo per raggiungere le qualificazioni quando la Champions League sembrava improbabile per questa stagione.

Aurelien Tchouameni, che si è trasferito al Real Madrid quest’estate, è stato fondamentale in quell’ondata di forma che ha creato un sano aumento dei prezzi proprio mentre Kylian Mbappe, diplomato alle giovanili del Monaco, ha respinto i giganti spagnoli. I detentori del titolo in carica dell’UCL sono andati alla grande con il centrocampista della nazionale francese dopo il successo a Parigi e la squadra del principato ha ottenuto una considerevole commissione di trasferimento che da allora è andata verso obiettivi come Takumi Minamino e Breel Embolo.

Vedi anche:  Classifiche di serie A Power: Inter e Milan si scambiano di posto mentre i colpi di scena continuano; Roma al meglio

Aggiunto a Wissam Ben Yedder, Benoit Badiashile e Youssouf Fofana, è una squadra solida e che dovrebbe essere in grado di navigare tra PSV e potenziali avversari Union o Rangers per raggiungere la fase a gironi. Tuttavia, come è loro consuetudine, diversi talenti monegaschi sono ricercati in tutta Europa e la sfida per il direttore sportivo Paul Mitchell sta resistendo alla tentazione di incassare ulteriormente.

Il leggendario Ruud van Nistelrooy guida il PSV

Per la squadra olandese, il PSV sarà un orologio interessante in questa stagione, indipendentemente da come se la caveranno in Champions League, poiché nientemeno che Ruud van Nistelrooy farà il suo debutto come capo allenatore al Philips Stadion. L’olandese ha iniziato benissimo con un successo di Johan Cruyff Shield contro l’AFC Ajax e ora farà il suo secondo debutto europeo in panchina.

Xavi Simons, Walter Benitez, Luuk de Jong e Guus Til sono entrati mentre Mario Gotze, Ritsu Doan ed Eran Zahavi sono andati avanti, il che lascia i Boeren in una posizione di forza. Capitan Marco van Ginkel e Cody Gakpo fanno parte di un forte nucleo olandese mentre Philipp Max e Noni Madueke fanno parte di un gruppo sottovalutato che potrebbe riservare qualche sorpresa.

Vedi anche:  Risultati, takeaway, valutazioni Champions League: Kylian Mbappe arriva per il PSG; Il Manchester City segna cinque

Il Monaco conoscerà artisti del calibro di Simons, Benitez, Ibrahim Sangare e Olivier Boscagli, nato nel principato, dati i loro legami francesi, ma entrambe le squadre dovrebbero essere alla pari. Clement conoscerà molti dei talenti belgi del PSV dal suo Club Brugge giorni e il suo gruppo dovrebbero ombreggiare Van Nistelrooy per esperienza.

Tuttavia, imbattersi in un nuovo arrivato di così alto profilo nel circuito di coaching può spesso rivelarsi complicato. Non c’è molto materiale di alto livello da analizzare e un grande passo avanti rispetto ai livelli giovanili dove il primo Manchester United e l’uomo del Real Madrid stava guidando Jong PSV a metà classifica nel secondo livello olandese.

Ciò potrebbe essere a vantaggio dei 24 volte campioni d’Olanda e soprattutto con la gara di ritorno per tornare a casa con alcune memorabili serate europee nel Brabante settentrionale nel corso degli anni e una di loro ora in carica. Promette di essere un’affascinante relazione a due gambe con una squadra dal pedigree significativo che cade in questa fase iniziale.

Articolo precedenteLigue 1: Jonathan David del Lille e Arnaud Kalimuendo del PSG sono in cima alla lista delle gemme francesi quest’estate
Articolo successivo“Una forte recessione potrebbe innescare un’altra correzione ‘cripto'”, secondo BofA