Home Moda e bellezza TRUCCHI UMIDITÀ | La pianta che dovresti mettere vicino alla doccia...

TRUCCHI UMIDITÀ | La pianta che dovresti mettere vicino alla doccia per evitare che si formi umidità

81
0

La muffa è un fungo, in particolare un microrganismo che ha più di 100.000 specie diverse. Tutte le muffe sono un insieme di miceli che si manifestano, a seconda della specie, in modi diversi e in diversi colori come rosso, nero, blu, verde e grigio. Quando si forma della muffa in casa, è perché la stanza non è ben ventilata e quindi presenta seri problemi di ventilazione e isolamento. umidità.

Per prevenire il muffa diventa un problema serio per la tua casa e, soprattutto, per la tua salute, ti proponiamo tre piante che puoi avere in casa e che ti aiuteranno a limitare i danni.

La muffa può causare seri problemi di salute come asma, allergie, irritazioni, infiammazioni, eruzioni cutanee e problemi respiratori. Per ovviare a questo problema, devi posizionare queste piante in tutta la casa, anche in bagno, che cattureranno l’umidità e ridurranno la muffa sulle pareti.

Vedi anche:  non tutti i prodotti antizanzare sono efficaci

Asparagi o asparagi: perfetto se posizionato in bagno. Questa è una pianta perenne, ha una forma molto strana, è morbida e molto cespugliosa. Si sviluppa molto bene tra i 25° e i 7°, qualche grado in meno potrebbe ucciderlo. Ama la luce filtrata e non quella diretta, magari posizionandola dietro una finestra.

Begonia: molto colorato e vivo. Anche in questo caso abbiamo una pianta perenne, perfetta in tutti gli ambienti della casa, ma bisogna stare attenti a non lasciarla fredda e gelata. Ama le temperature più o meno costanti e odia quelle troppo fredde. Puoi posizionarlo ovunque, anche in cucina.

Aspidistra: è una pianta che ti aiuterà ad assorbire tutta l’umidità della tua casa, sopravvive anche quando viene dimenticata, quindi se non hai molto tempo per prenderti cura delle piante, è perfetta per te. Ama l’umidità e la luce riflessa.

Vedi anche:  Il maglione argyle di Primark che farà impazzire questo autunno

Le spore di muffa inalate o ingerite producono effetti nocivi sulla salute delle persone, in particolare dei più vulnerabili: neonati e anziani, persone con asma e allergie, persone con cancro che stanno subendo un trattamento chemioterapico, coloro che hanno ricevuto un organo trapiantato e, infine, tutti coloro che per qualsiasi motivo hanno un sistema immunitario indebolito.

Effetti prodotti dall’esposizione alle muffe:

  • Stanchezza cronica, febbre o mal di testa

  • Occhi irritati

  • Membrane mucose irritate della bocca, del naso e della gola

  • Starnuti e tosse cronica

  • Eruzioni cutanee

Nei casi gravi di esposizione o esacerbati da una reazione allergica, i sintomi possono essere estremi tra cui nausea, vomito e sanguinamento dai polmoni e dal naso.

Articolo precedenteCinque rimedi naturali contro le punture di insetti
Articolo successivoL’Ibex 35 sale con entusiasmo e attacca la resistenza grazie a Repsol e altri grandi titoli