Home Technologia Trovata sul fondo dell’Antartico la ‘Endurance’, la leggendaria nave dell’esploratore polare Shackleton

Trovata sul fondo dell’Antartico la ‘Endurance’, la leggendaria nave dell’esploratore polare Shackleton

159
0

“Cento anni dopo la morte di Shackleton, il ‘Resistenza’ è stata trovata a una profondità di 3.008 metri nel mare di Wedell”. Lo ha annunciato la spedizione Endurance22 che ha trovato il relitto della mitica nave dell’esploratore polare anglo-irlandese Ernst Shackleton, affondata in Antartide nel 1915. I ricercatori, che hanno lasciato il Sud Africa lo scorso febbraio, hanno trovato i resti di questa nave a tre alberi in un magnifico stato di conservazione.

I resti della mitica nave sono stati trovati, secondo il testo, “entro l’area di ricerca definita dal team di spedizione prima della partenza da Cape Town” (Sud-ovest del Sud Africa), in un’area a circa 4 miglia a sud della posizione che l’allora capitano della nave, Frank Worsley, registrò prima che l’equipaggio dovesse abbandonarla, rimanendo intrappolato nel ghiaccio.

“La spedizione Endurance22 ha raggiunto il suo obiettivo. Abbiamo fatto la storia polare con la scoperta dell’Endurance e completato con successo la ricerca del naufragio più impegnativo del mondo”, ha affermato il leader della spedizione John Shears nella dichiarazione.

“Siamo sopraffatti dalla nostra fortuna di aver localizzato e ripreso l’Endurance. Questo è di gran lunga il relitto di legno della più alta qualità che abbia mai visto. Si erge alto, fiero sul fondo del mare, intatto e in un brillante stato di conservazione”, ha evidenziato, dal canto suo, Mensun Bound, Direttore dell’Esplorazione di Endurance22.

Vedi anche:  Questo è FaceTok, il supporto mobile intelligente

Secondo questo esperto, sul naufragio si può ancora leggere la scritta “Endurance” incisa sotto la ringhiera.

La scoperta non servirà solo a “salvaguardare” la storia della ricerca polare, ma incoraggerà una nuova generazione a ispirarsi allo “spirito pionieristico, al coraggio e alla forza” di coloro che hanno navigato in Antartide sulla nave, ha affermato Bound.

Su un rompighiaccio sudafricano

Il team Endurance22, un progetto organizzato e finanziato dal Falklands Maritime Heritage Trust (FMHT), ha lavorato dal rompighiaccio sudafricano SA Agulhas II (di proprietà del Ministero dell’Ambiente della nazione meridionale), agli ordini del Capitano Knowledge Bengu, e abituato alla ricerca di veicoli subacquei ibridi.

Il relitto è protetto come sito storico e monumento ai sensi del Trattato sull’Antartide, ha sottolineato il progetto di ricerca nella sua dichiarazione, quindi gli investigatori si sono assicurati che mentre il relitto veniva ispezionato e filmato non fosse “toccato o disturbato in alcun modo”.

Vedi anche:  Il CEO di Twitter ammette l'incertezza dopo l'acquisto di Musk

Una spedizione d’altri tempi

La spedizione in cui naufragò l’Endurance era partita nel 1914 per cercare di raggiungere dal Mare di Weddell il Mare di Ross (entrambi nell’Oceano Antartico), passando per il Polo Sud. Dopo il naufragio della “Endurance”, rimasta intrappolata e danneggiata dal ghiaccio con i suoi 28 membri di equipaggio a soli 160 chilometri dall’Antartide, Shackleton (1874-1922) guidò i suoi uomini attraverso il ghiaccio su scialuppe di salvataggio fino a Elephant Island, dove la stragrande maggioranza sopravvisse per mesi su foche e pinguini.

Shackleton sapeva che nessuno sarebbe venuto a cercarli, quindi ha deciso di lasciare 22 dei suoi uomini in attesa su Elephant Island e partire con il resto dei suoi marinai su una scialuppa di salvataggio per la Georgia del Sud in un’epica ricerca di aiuto. .

Diciassette giorni e 1.300 chilometri dopo, raggiunsero un centro di caccia alle balene e, quattro mesi dopo, tornarono sull’isola per salvare vive le balene. 22 compagni che erano rimasti.

Articolo precedenteL’Ibex 35 sale forte insieme all’Europa, supera gli 8.000 e rompe la resistenza
Articolo successivoAudax riemerge come una fenice: polverizza la resistenza e sogna di attaccare la linea guida ribassista