Home Economia Tre pietre miliari che mostrano la punizione subita da Wall Street lo...

Tre pietre miliari che mostrano la punizione subita da Wall Street lo scorso aprile

42
0

Il Nasdaq ha chiuso venerdì scorso la settimana e il mese di aprile con un aumento del 4,17%, registrando il mese peggiore dal 2008. Il Dow Jones e l’S&P non sono stati short, perdendo rispettivamente il 2,77% e il 3,63%. Aprile, che è tradizionalmente un buon mese per le azioni occidentali, alla fine è stato considerevolmente negativo, soprattutto per gli indici statunitensi.

Gli esperti di Link Analysis, nel loro rapporto quotidiano di lunedì, evidenziano una serie di “pietre miliari” nelle azioni statunitensi nell’ultimo mese che ritengono opportuno sottolineare per mettere in prospettiva la portata della punizione che ha ricevuto.

1. Per l’S&P 500, lo scorso aprile (-8,8% nel mese) è stato il peggior aprile dal 1970 e il mese più negativo da marzo 2020quando è iniziata la pandemia. Inoltre, il calo del 13,3% che l’indice ha accumulato nei primi quattro mesi dell’anno è il più grande che ha subito in questo periodo di tempo in qualsiasi anno dal 1939.

Vedi anche:  Dancausa (Bankinter): "Forse i 9 euro sono sfuggiti di mano, ma li tengo"

2. Anche il Dow Jones ha sperimentato il peggior mese di aprile (-4,9% nel mese) dall’aprile 1970.

3. Il Nasdaq Composite ha sperimentato calo maggiore in un mese di aprile (-13,3% nel mese) dal 2000, in piena implosione del ‘burbuja.com’. Inoltre, per questo indice lo scorso aprile è il mese peggiore da ottobre 2008.

ANCHE EUROPA MALE… MA MEGLIO

Anche in Europa le cose non sono andate bene, anche se la situazione non è stata così negativa. L’EuroStoxx ha perso il 2% ad aprile. Il Cac è sceso dell’1,9% e il Dax del 2,2%. Il Ftse MIB ha ceduto il 3,1% ad aprile. Gli Ibex, insieme al Ftse 100, sono riusciti a finire nel verde. Il selettivo spagnolo è stato il migliore (+1,6%), mentre l’indice britannico è salito di un leggero 0,4%.

Vedi anche:  Sabadell consiglia di acquistare Inditex, ma ne abbassa il prezzo a causa dell'impatto della guerra

“Lo Ibex ha beneficiato del esposizione quasi nulla delle società che lo compongono verso Russia e Ucraina per la sua elevata esposizione in America Latina”, spiegano da Link Analysis.

Le battute d’arresto dell’ultimo mese sui mercati azionari europei sono state molto più contenute rispetto a Wall Street, principalmente perché il peso relativo nei suoi principali indici di valori di crescita, in particolare del tecnologicoè molto inferiore a quello detenuto da questo tipo di titoli in indici come l’S&P 500 o, soprattutto, nel Nasdaq Composite, aggiungono questi esperti.

Molti dei titoli tecnologici americani hanno accumulato cali di oltre il 50% rispetto ai loro massimi recenticon i loro prezzi fortemente penalizzati dal forte rialzo dei rendimenti obbligazionari a lungo termine, che riducono sostanzialmente il valore attuale dei loro flussi di cassa futuri e, quindi, le loro valutazioni.

Articolo precedenteWall Street prevede un rimbalzo regolare dopo aver chiuso aprile con perdite molto forti
Articolo successivoIl petrolio scende fortemente preoccupato, ancora una volta, per la situazione in Cina