Home Economia Torres (BBVA): “Le opportunità in Messico riaffermano il nostro impegno per il...

Torres (BBVA): “Le opportunità in Messico riaffermano il nostro impegno per il Paese”

163
0

Carlo TorresPresidente di BBVAha spiegato alla Riunione Nazionale dei Direttori Regionali (RNCR) di BBVA Messico che “Le opportunità offerte dal Messico riaffermano il nostro impegno a continuare a investire”. “Siamo convinti che il Messico sia un grande Paese con un enorme potenziale e capacità di sfruttare le opportunità che derivano dal nuovo ordine mondiale e dalla crescente regionalizzazione, facendo leva su tendenze chiave come innovazione e sostenibilità. Continueremo a contribuire allo sviluppo del Messicoha aggiunto Torres.

Il presidente della banca Biscayan ha ricordato l’ambizioso piano di investimenti di BBVA in Messico di 63.000 milioni di pesos (circa 3.000 milioni di euro, al cambio attuale) tra il 2019 e il 2024. “Fino al 2021 abbiamo già investito circa 1.400 milioni di euro e quest’anno prevediamo di investire circa 620 milioni di euro”ha sottolineato.

Tra maggio 2021 e aprile 2022, BBVA Messico è riuscita a collocare 16 milioni di prodotti attraverso i canali digitali, con un aumento delle vendite digitali di oltre il 44%, rispetto all’anno precedente. Alla fine di aprile 2022 tramite l’app sono state effettuate quasi 600.000 transazioni all’ora, il che rappresenta un aumento dell’utilizzo del 47%. Inoltre, ad aprile 2022, l’online banking ha effettuato 63.000 transazioni all’ora, il che si traduce in un aumento dell’utilizzo del 10% rispetto ad aprile 2021.

Vedi anche:  Logista mantiene l'utile del primo semestre fiscale a 88 milioni di euro

“Continuiamo a battere record nell’acquisizione di clienti. Nel 2021 abbiamo raggiunto un record storico nell’attirare, quasi 9 milioni di nuovi clienti, di cui praticamente la metà corrisponde al Messico. Il 40% di questi nuovi clienti è arrivato attraverso i canali digitali. E il trend continua ad accelerare: nel primo trimestre di quest’anno abbiamo catturato 2,4 milioni di clienti, il 57% dei quali attraverso i canali digitali”, ha assicurato il presidente di BBVA.

Allo stesso modo, Torres ha anche evidenziato la decarbonizzazione dell’economia come una delle grandi interruzioni della storia e una delle sfide future per il mondo. “Questa potrebbe anche essere una grande opportunità per il Messico, che ha un enorme vantaggio competitivo grazie al suo clima e alla sua geografia, di investire in progetti rinnovabili o nella riforestazione per compensare le emissioni di carbonio”, ha affermato.

In questo senso, Onur Genç, CEO dell’entità, ha evidenziato la buona evoluzione del finanziamento sostenibile in Messico, che continua ad accelerare. Nel 2021 l’investimento per frenare il cambiamento climatico è stato moltiplicato per cinque e quello destinato ai programmi sociali è stato moltiplicato per due, ha ricordato. Allo stesso modo, Genç lo ha sottolineato Il franchising di BBVA in Messico è “un ottimo esempio di tutti i punti di forza” della banca. “Oltre ad essere il principale istituto finanziario in Messico, è anche un chiaro punto di riferimento sia all’interno che all’esterno del gruppo, in quanto pioniere del digitale, con il 74% dei clienti acquisiti digitalmente nel primo trimestre dell’anno”, ha affermato.

Vedi anche:  Quanto dureranno il trading laterale e l'azione di prezzo "noiosa" per bitcoin?

Secondo i dati forniti dalla banca stessa, BBVA Messico ha collocato 552.000 carte di credito, una cifra superiore del 79% rispetto allo stesso periodo del 2019. I prestiti al consumo hanno totalizzato circa 2.250 milioni di euro, con una crescita del 20%, e sono stati raggiunti i collocamenti di nuovi mutui. più di 1.000 milioni di euro da gennaio ad aprile 2022, con una differenza del 35% rispetto al 2019. Guardando al futuro, l’obiettivo della banca in Messico, hanno sottolineato, “è continuare ad accompagnare la crescita economica, essendo responsabile nel concedere credito e promuovere il risparmio dei messicani”.

Articolo precedenteQuali dispositivi influenzerà il nuovo caricabatterie universale dell’UE a partire dal 2024?
Articolo successivoCaricatore universale: come sapere se i tuoi dispositivi hanno una porta USB di tipo C?