Home Technologia Tinder fa causa a Google per abuso di potere e potrebbe lasciare...

Tinder fa causa a Google per abuso di potere e potrebbe lasciare Google Play

105
0

Tinder potrebbe cessare di essere operativo Google Play. Ed è quello Gruppo di partitela società dietro la popolare app di appuntamenti mobili, ha citato in giudizio il gigante californiano per abuso di potere e ha minacciato di ritirare i suoi servizi dal suo negozio digitale.

Nella causa, nota questo martedì, è accusato Google di aver “monopolizzato illegalmente il mercato della distribuzione delle applicazioni”, costringendo tali app a utilizzare il sistema di fatturazione dell’azienda tecnologica ea trattenere una parte dei pagamenti. Questa accusa è inquadrata nei telefoni cellulari che utilizzano il sistema operativo Androidela stragrande maggioranza in Spagna.

le politiche di pagamento Google obbliga le applicazioni che utilizzano il loro sistema per vendere prodotti a utilizzare il loro sistema di fatturazione, con il quale possono addebitare una commissione fino al 30%. L’anno scorso, la società ha ridotto tale commissione al 15% per il primo milione di dollari generato. Il proprietario di Tinder, così come altre app di appuntamenti come Ok Cupido o Partitaafferma che Google ha indotto in errore gli sviluppatori di app per attirarli sulla sua piattaforma e quindi “cercare di vietare i servizi di pagamento alternativi”.

Vedi anche:  Anonymous intensifica la sua guerra informatica contro la Russia

la pressione aumenta

La denuncia di Match Group si basa su quella del colosso dei videogiochi Giochi epici interposto contro Manzana nel 2020 per aver richiesto una commissione del 30% sugli acquisti effettuati su App Store, lo store digitale utilizzato da dispositivi come iPhone o iPad. La sentenza su tale denuncia, tuttavia, non concludeva che si trattasse di un atteggiamento “anticoncorrenziale” del produttore statunitense.

Match Group fa parte della Coalition of App Fairness, un gruppo di aziende che comprende anche Spotify e Tile, e che denuncia le politiche applicate da Google e Apple, i due colossi che controlla nel mercato mobile. Entrambi sono sottoposti a crescenti pressioni per aprire i propri sistemi a sistemi di pagamento alternativi.

Articolo precedenteFormato UEFA Champions League: posti extra da assegnare alle squadre europee con le migliori prestazioni
Articolo successivoNetflix potrebbe lanciare il suo abbonamento con annunci pubblicitari alla fine del 2022