Home Technologia Telefónica riduce le sue emissioni di carbonio del 70% attraverso l’uso di...

Telefónica riduce le sue emissioni di carbonio del 70% attraverso l’uso di energie rinnovabili

246
0

La Relazione sulla Gestione Consolidata 2021 di Telefónica mostra che la società si è ridotta di 70% delle tue emissioni di carbonio (Scope 1 e 2) rispetto al 2015 grazie all’utilizzo di energie rinnovabili e all’integrazione di tecnologie più efficienti. Con il raggiungimento di questo obiettivo, il Gruppo raggiunge i propri obiettivi nel 2021, consolida i propri progressi nelle politiche ESG (Environment, Social, Governance) e raggiunge lo scopo di integrare la sostenibilità e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) come elementi olistici della sua strategia e della sua attività quotidiana per costruire un futuro più verde, aiutare la società a prosperare ed essere un’azienda esemplare.

Nel suo Rapporto Telefónica ha incorporato per la prima volta la doppia materialità individuando le problematiche che incidono sul valore dell’impresa, della società e dell’ambiente; e l’attuazione della prima fase della tassonomia dell’UE – sistema di classificazione delle attività economiche – per le attività sostenibili.

Costruisci un futuro più verde

Il economia circolare Nasce come parte della soluzione a questo problema e si propone come un modo diverso di intendere l’economia, che consente la crescita economica nel rispetto dei limiti del pianeta. Logicamente, questa realtà vale per tutti i settori e, quindi, anche per la settore delle telecomunicazioni e le sue apparecchiature di rete, a causa dei rapidi cambiamenti tecnologici e del comportamento dei clienti, che portano a periodi di utilizzo dei dispositivi più brevi, con conseguente aumento degli sprechi. In Telefónica si rivolge l’impegno per il pianeta, concentrandosi principalmente sugli SDG ambientali (7, 11 e 13), disaccoppiando la sua crescita dall’impronta ambientale e contribuendo a decarbonizzare l’economia. In effetti, ha ridotto del 70% le sue emissioni di carbonio l’uso delle energie rinnovabili e l’integrazione di tecnologie più efficienti. Per questo motivo le emissioni nette zero sono state proposte come obiettivo nel 2025, per andare oltre l’Accordo di Parigi, nei suoi principali mercati e nel 2040 su scala globale e nella sua catena del valore.

Vedi anche:  I 20 nuovi emoji in arrivo sui telefoni cellulari

Per raggiungere questo obiettivo, negli ultimi sei anni il consumo di energia di Telefónica è stato ridotto del 7,2%, mentre il traffico si è moltiplicato del 6,7. Oggi, il 100% del consumo di elettricità di Telefónica proviene già da fonti rinnovabili in Europa, Brasile e Perù, una percentuale che si attesta al 79,4% su scala globale. Per tutti questi motivi, nel 2021 l’operatore ha raggiunto un risparmio di 1.274 kt di CO₂ emessa in atmosfera.

Per contribuire alla digitalizzazione dei suoi clienti, Telefónica, come partner integrale di numerose aziende, offre soluzioni digitali che cercano anche di contribuire alla decarbonizzazione dell’economia. Con le sue soluzioni Eco Smart, le emissioni evitate nel 2021 hanno superato 8,7 milioni di tonnellate di CO₂. Ciò equivale a piantare una foresta di 143 milioni di alberi e dimostra la capacità delle nuove tecnologie di accelerare la trasformazione dell’economia verso un modello più sostenibile.

Vedi anche:  Cos'è Candiru, l'altro 'Pegasus' con cui è stato spiato il movimento indipendentista catalano?

Per la prima volta, gli obiettivi di economia circolare di Telefónica si distinguono per il raggiungimento zero rifiuti entro il 2030 attraverso l’ecodesign, la riparazione, il riutilizzo e il riciclaggioassicurandoti che i tuoi rifiuti non vengano inceneriti o finiscano in a discaricama si trasformano in materie prime che vengono reintrodotti nella catena del valore. Grazie a queste misure, entro il 2021 quasi 5 milioni di dispositivi elettronici sono stati riutilizzati (tra cui oltre 300.000 cellulari) e il 98% dei loro rifiuti è stato riciclato.

La strategia e le azioni messe in atto consentono alla telco di continuare a essere leader in questo settore e di far parte della Lista A dell’indice CDP Climate Change, in cui è presente da otto anni consecutivi.

Articolo precedenteWall Street punta a un’apertura negativa con il rapporto sull’occupazione al centro
Articolo successivoApple resisterà a Google presentando il proprio motore di ricerca collegato a Siri