Home Economia Stripe accetta nuovamente i pagamenti in bitcoin dopo quattro anni di interruzione

Stripe accetta nuovamente i pagamenti in bitcoin dopo quattro anni di interruzione

67
0

Banda ripone la sua fiducia nel bitcoin nonostante la caduta che le criptovalute hanno sperimentato nell’ultimo mese. Il fornitore di servizi di pagamento ha ripreso il supporto per le transazioni in criptovaluta dopo un intervallo di quattro anni, quindi i clienti possono ora accettare pagamenti con bitcoin tramite l’app che Stripe ha appena lanciato.

si è affermato come uno dei primi sostenitori delle criptovaluteche supporta i pagamenti Bitcoin dal 2015. Tuttavia all’inizio del 2018 Stripe ha preso il decisione di interrompere l’elaborazione delle transazioni bitcoin perché c’erano “meno casi d’uso in cui aveva senso accettare o pagare con Bitcoin”.

A seguito di una dichiarazione rilasciata da Stripe sul suo sito Web, la società ha spiegato che “Negli ultimi due anni, quando sono stati raggiunti i limiti di dimensione dei blocchi, bitcoin si è evoluto per diventare più una risorsa che un mezzo di scambio. Ciò ha portato a il Bitcoin meno utile per i pagamenti”. Sebbene luiLa società non ha chiuso completamente le porte alle criptovalute affermando che “il bitcoin stesso potrebbe diventare di nuovo utilizzabile per i pagamenti in futuro. Pertanto, continueremo a prestare molta attenzione all’ecosistema e cercheremo opportunità per aiutare i nostri clienti aggiungendo il supporto per criptovalute e nuovi protocolli distribuiti in futuro”.

Vedi anche:  Forte ripresa a 'V' delle aziende Ibex 35: hanno guadagnato 58.000 milioni nel 2021

Quel momento è arrivato Stripe ha annunciato questa settimana una ripresa del suo supporto per Bitcoin insieme a una serie di nuovi aggiornamenti e servizi tramite Stripe Apps, durante una conferenza degli sviluppatori.

Articolo precedenteSabadell, Santander, CaixaBank… settimana fantastica per le banche spagnole
Articolo successivoForte ripresa a ‘V’ delle aziende Ibex 35: hanno guadagnato 58.000 milioni nel 2021