Home Salute Stanno cercando persone a Melilla che potrebbero aver avuto contatti con un...

Stanno cercando persone a Melilla che potrebbero aver avuto contatti con un cane con la rabbia

108
0

Il Comune autonomo di Melilla ha comunicato che sta procedendo con il Posizione di persone che potrebbero aver avuto contatti con un cane rabbioso trovato vicino a La Legión affinché possano essere curati, dopo aver ricordato che “la rabbia, una volta che si manifestano i primi sintomi, è una malattia mortale per le persone e gli animali predisposti”.

Secondo quanto riportato dal Ministero della Salute Pubblica, l’Unità di Salute Animale e Zoonosi, lo è “un cane feroce, meticcio, adulto dal mantello nero, che è stato trovato nella zona bassa del fiume Nano, dietro la caserma della Legione”.

L’animale, scoperto il 12 novembre, era solo, sdraiato a terra e in presenza di un cane con un padrone che passeggiava nella zona “si è alzato e lo ha morso, cadendo di nuovo a terra ed entrando in seguito da un atto di coma”.

Vedi anche:  L'Ospedale Generale della Catalogna dispone già di un robot chirurgico Da Vinci

La suddetta fonte lo ha dettagliato il cane è stato prelevato dal servizio di raccolta animali e trasferito al Centro di Osservazione, dove è deceduto per paralisi respiratoria domenica 14 novembre, senza mostrare altri sintomi.

Il campione per l’analisi presso il Centro Nazionale di Microbiologia è stato inviato a Madrid lunedì 15, confermando il risultato il 17, mediante rilevazione dell’antigene e PCR.

Non toccare gli animali randagi

Pertanto, dalla Sanità Pubblica hanno comunicato che “se qualcuno è stato morso o ha avuto un contatto salivare con questo cane in queste date o se qualcuno può fornire dati sulla sua origine, si prega di presentarsi presso gli uffici della Direzione Generale della Sanità Pubblica e dei Consumi della Città Autonoma, sita in Carretera Alfonso XIII, nº 52 – 54 (di fronte al Centro Sanitario )”.

Le persone colpite possono anche contattare telefonicamente il Servizio di Polizia Locale “per avviare le cure se necessario”. “Si ricorda -ha sottolineato- che la rabbia, una volta che si manifestano i primi sintomi, è una malattia mortale per le persone e gli animali predisposti”.

Vedi anche:  Sant Joan de Déu esegue un'operazione pionieristica per la scoliosi con la realtà aumentata

A tal proposito, l’area guidata da Francisca Maeso (PSOE) ha indicato che “è molto importante ricordare che, in caso di comparsa di animali randagi o apparentemente malati su strade pubbliche, non tentare di toccarli, nutrirli o raccoglierli e contattare la Polizia Locale affinché i servizi competenti procedano a rimuoverlo in sicurezza”. Inoltre, ha ricordato che la vaccinazione antirabbica annuale in Comune è obbligatoria e gratuita per cani, gatti e furetti di età superiore ai tre mesi. età.

Dall’area Sanità Pubblica, infine, hanno annunciato che stanno lavorando per redigere un contratto che consentirà loro di rafforzare il servizio di raccolta degli animali abbandonati sulle strade pubbliche.

Articolo precedenteÈ covid, influenza e raffreddore? Differenze in base ai sintomi
Articolo successivoSant Joan de Déu esegue un’operazione pionieristica per la scoliosi con la realtà aumentata