Home Moda e bellezza Stai pulendo male? Quindi puoi farlo bene

Stai pulendo male? Quindi puoi farlo bene

34
0

Il pandemia ha cambiato il abitudini di pulizia. Soprattutto per quanto riguarda i prodotti a cui si è abituati sanificare oggetti e stanze e abitazioni.

E non solo per paura diffusione del covidma perché, proprio grazie a lui, tante persone sono diventate misofobico (con odio esagerato o paura dei microbi).

In un sondaggio condotto lo scorso anno su 2.000 adulti americani, il 42% di loro si è descritto come: misofobo.

Pulisci o disinfetta?

E questo è un fatto causato dalla pandemia, che ha fatto perdere l’attenzione ai cittadini di tutto il mondo solo per pulirema andiamo oltre e disinfettiamo.

Qual è la differenza tra una cosa e l’altra? Bene, è molto semplice: durante la pulizia si rimuovono le macchie o gli oggetti che si trovano sulla superficie, siano essi polvere o capelli. Ma quando disinfetta, uccide virus e batterimicrorganismi che non possono essere visti ad occhio nudo.

carne o pesce crudi

Ed è qui che si trova il nocciolo della questione. Potrebbe essere necessario pulire qualcosa ogni giorno -ad esempio il bancone della cucina-, perché ci sono resti di pane o qualche liquido. Ma se non hai messo carne o pesce crudi senza cuocerlo, potrebbe non essere necessario igienizzarlo.

Vedi anche:  La personalità dei gatti è definita dal colore dei loro capelli (o della loro pelle)

Inoltre, non è necessario disinfettare quotidianamente il water o il lavandino. In realtà, non è affatto raccomandato.

Come mai? Perché l’uso eccessivo di alcuni disinfettanti, come composti di ammonio quaternario -Prodotto derivato da ammoniaca– può aumentare il rischio di resistenza a batteri e viruscome nel caso di farmaci antibiotici quando si combatte la malattia.

acqua e sapone

Il acqua e sapone ha dimostrato di essere un potente detergente antimicrobico quando viene prodotta la schiuma – in effetti, è il antisettico più consigliato per eliminare il coronavirus sulla pelle – ma non è così efficace se lo è rimuovere i microbi dalle superfici inerti come piani di lavoro, corrimano e rubinetti, ad esempio.

In quest’ultimo caso è preferibile -e più efficace- utilizzare disinfettanti come cloro, alcol isopropilico, etanolo, perossido di idrogeno e detergenti a base di ammonio quaternario.

Come usare i disinfettanti

Anche il modo in cui vengono applicati i disinfettanti è importante, perché quasi nessuno presta attenzione al indicazioni cosa c’è in loro In altre parole, come in quasi tutti i prodotti, ci sono istruzioni nei disinfettanti che ti dicono non solo il dosaggio del prodotto, ma anche quanto tempo devi lasciarli affinché siano efficaci.

Vedi anche:  Di che tipo di alopecia soffre Jada Pinkett, la moglie di Will Smith? Parlano i medici

Cioè, non funziona con versare o spruzzare disinfettante su una superficie e poi rimuoverlo con una spugna o un panno, ma è necessario lascia agire per il tempo indicato.

Tempo di recitazione

Ad esempio, devono essere lasciate soluzioni con cloro agire da uno a dieci minuti. Le soluzioni a base di alcol non devono essere rimosse, evaporano e ci sono disinfettanti a base di piante o erbe che richiedono fino a 30 minuti per avere effetto. Per esempio lui aceto da casa, è un popolare disinfettante botanico, ma non è efficace contro i microbi come l’alcol o il cloro.

Infatti, l’aceto non efficace contro SARS-CoV-2, il virus covid. Secondo uno studio, il virus è rimasto attivo dopo aver trascorso cinque minuti con una potente soluzione di aceto.

In sintesi, se si abusa del disinfettante o si usa una volta in meno del dovuto, non si stanno pulendo le superfici da virus e batteri, e basterebbe usare l’acqua per rimuovere le macchie o lasciare la superficie pulita… a prima vista .

Articolo precedenteTelefónica rafforza la sua area Comunicazione per il centenario dell’azienda
Articolo successivoLigue 1: come ha fatto il Bordeaux a cadere dai quarti di finale di Champions League del 2010 sull’orlo della retrocessione?