Home Technologia Spotify recupera la connessione dopo un’ora in nero

Spotify recupera la connessione dopo un’ora in nero

108
0

Spotify funziona di nuovo. “Ora tutto sembra più bello”, ha celebrato il gigante del musica in ‘streaming’ circa un’ora dopo che un errore indeterminato ha paralizzato il suo funzionamento e costretto a un calo dei suoi servizi in tutto il pianeta.

Poco prima delle 20:00, la piattaforma ha ammesso sui social che “c’era qualcosa di sbagliato” dopo aver ricevuto lamentele dagli utenti per tutto il pomeriggio. Il difetto globale di Spotify, ancora da identificare, ha causato problemi di connessione, interrompendo la ricerca di brani e bloccando l’accesso all’applicazione mobile per utenti di diversi paesi in quelli in cui opera. Alcuni sono stati addirittura bannati dalla piattaforma.

Sostegno all’Ucraina

Spotify ha annunciato mercoledì il chiusura della sua sede in Russia e limitazioni all’accesso ai contenuti pubblicati dai media statali russi in risposta all ‘”attacco non provocato all’Ucraina”.

Vedi anche:  ZTE scommette sulla tecnologia avanzata nella sua nuova serie Blade V40

Abbiamo chiuso il nostro ufficio in Russia fino a nuovo avvisoLa società con sede a Stoccolma, ma quotata a New York, ha affermato in una nota.

Inoltre, il gigante dello streaming lo ha indicato aveva analizzato “migliaia di episodi di podcast dall’inizio della guerra” e aveva limitato la capacità degli utenti di trovare programmi prodotti da punti vendita collegati allo stato russo.

Giorni fa, aveva annunciato Spotify ritiro di tutto il contenuto dei media statali russi RT e Sputnik dell’Unione Europea e di altri mercati, riferisce Efe.

La piattaforma, tuttavia, mantiene il suo servizio aperto agli utenti russi. “Riteniamo che sia della massima importanza che il nostro servizio sia disponibile in Russia per consentire un flusso globale di informazioni”, ha affermato.

Articolo precedenteApple presenta il nuovo iPhone SE
Articolo successivoI capelli di un bambino di Instagram rivelano la “sindrome dei capelli incombenti”