Home Salute Ship2B Ventures investe in una piattaforma digitale per la terapia del cancro

Ship2B Ventures investe in una piattaforma digitale per la terapia del cancro

94
0

La società di venture capital a impatto Ship2B Ventures -con sede a Barcellona- ha partecipato al round di investimenti che la società di salute digitale Fosanis ha chiuso, del valore di 10 milioni di euro. L’azienda tedesca ha sviluppato Mika, la prima piattaforma di terapia digitale su prescrizione per tutte le malattie oncologiche.

Il round di investimenti è stato guidato dalla società svizzera Debiopharm e ha avuto altri “business angels” e azionisti della società. In particolare, si sono uniti l’impact manager con sede in Germania e Inghilterra, Ananda Impact Ventures e la società di venture capital Equity Pitcher. In questo modo, cerca di espandere l’impatto dell’azienda in nuovi territori internazionali.

Secondo i co-fondatori di Mika, Gandolfo Finke Y Jan Simon Raue, l’importanza della salute digitale e delle terapie digitali in particolare “sta aumentando a livello globale”. I co-fondatori hanno evidenziato che il round di investimento segna un’importante pietra miliare nella storia dell’azienda, consentendole di scalare la piattaforma di Digital Oncology Therapeutics e posizionarla su scala internazionale.

Vedi anche:  "La dieta è un cambiamento nello stile di vita"

Da parte sua, il co-fondatore e ‘socio accomandatario’ di Ship2B Ventures, Maite Fiblaha spiegato quanto l’azienda sia orgogliosa di migliorare la vita di molti più malati di cancro: “Non solo la sua missione si adatta ai nostri parametri di come dovrebbe essere una start-up a impatto, ma ci siamo anche totalmente impegnati” .

A seguito di questa transazione, Mika si unisce a CodeOp, Rosita Longevity, LiveLink Motor e Sycai Medical come prime start-up a impatto di proprietà di Ship2B Ventures attraverso BSocial Impact Fund, il più grande fondo a impatto per start-up in Spagna, supportato da FEI e Banco Sabadell , che ha 55 milioni di euro dopo la sua chiusura definitiva.

Mike

Mika combina monitoraggio e formazione basati sull’intelligenza artificiale, inclusi metodi scientificamente provati e tecniche di gestione della terapia. I check-in giornalieri “consentono il monitoraggio continuo dei livelli di disagio e dei sintomi”, mentre un programma di formazione personalizzato fornisce elementi multimediali scientificamente convalidati e interventi psico-oncologici, secondo l’azienda. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’anno scorso a circa 20 milioni di persone è stato diagnosticato un cancro in tutto il mondo.

Vedi anche:  La biopsia liquida consentirà il cancro cronico e il più avvantaggiato sarà il polmone

Articolo precedentePronostici audaci per la finale di Champions League: Mo Salah si vendica del Real Madrid, il Liverpool tiene tranquillo Vinicius Jr.
Articolo successivoQuesta è la radiosveglia Teufel One