Home Sport Serie A: Cinque giocatori che potrebbero decidere la corsa alla retrocessione tra...

Serie A: Cinque giocatori che potrebbero decidere la corsa alla retrocessione tra cui Mattia Destro del Genoa e Joao Pedro del Cagliari

78
0

La stagione di Serie A si avvicina rapidamente al traguardo (prendi tutta l’azione su Paramount+) e ci sono ancora molte squadre con qualcosa per cui giocare. Mentre il titolo e le gare europee sono aperte, con più squadre ancora in competizione per i posti, c’è anche una battaglia per la retrocessione molto emozionante con molte squadre coinvolte. Almeno sei squadre che devono ancora garantirsi matematicamente un posto nella Serie A del prossimo anno, e sono disperate per non finire nelle ultime tre e vedere il loro futuro in Serie B. La corsa si ridurrà davvero alle tre squadre attualmente in zona di lancio, Salernitana (19 punti, 31 partite giocate), Genoa (22, 33) e Venezia (22, 32), in lotta per raggiungere o Cagliari (28, 33) o Sampdoria (29, 33).

Ecco i giocatori che saranno fondamentali se la loro squadra vuole rimanere in piedi:

Vedi anche:  Informazioni sul live streaming di Brighton vs. Liverpool, canale TV: come guardare la Premier League in TV, streaming online

Mattia Destro, Genova

Il Genoa è alla disperata ricerca di punti nelle prossime settimane poiché sta arrivando da tre sconfitte consecutive dopo aver registrato la prima vittoria dell’anno solare. Attualmente sono 19 in campionato e le loro possibilità di rimanere in Serie A continuano a diminuire mentre lottano. Mattia Destro può essere la soluzione ai loro problemi quando si tratta di segnare gol poiché ha segnato nove gol in Serie A in questa stagione, al 16esimo posto nella massima serie italiana. Rappresenta il 38 per cento dei gol del Genoa, la seconda percentuale più alta in campionato per qualsiasi giocatore della rispettiva squadra. Con un gol in più, sarebbe diventato il primo giocatore del Genoa a segnare più di 10 gol in due stagioni consecutive di Serie A da Tomas Skuhravy (tre volte tra il 1990/91 e il 1992/93). L’attaccante italiano ha però segnato un solo gol nelle ultime 11 partite di campionato e l’ultimo segnato contro la Salernitana lo scorso 13 febbraio.

Vedi anche:  Ci siamo: all'interno dell'appuntamento di Erik ten Hag del Manchester United mentre si imbarcano in una ricostruzione

La buona notizia per il Genoa è che il calo di forma di Destro è dovuto principalmente a qualche botta finale. In 11 partite nel 2021 in questa stagione il suo totale di gol previsto ogni 90 minuti è 0,41 e in 12 partite nel 2022 è 0,39. Se ora esce alla grande, può salvare la sua squadra poiché attualmente sono indietro di sei punti. Di recente ha effettuato gli stessi tiri che ha fatto quando andavano in fondo alla rete, quindi si spera che per il Genoa il suo strano crollo finale finisca in tempo per salvarli.

Destro ha segnato molti meno gol nel 2022, ma la sua selezione di tiri rimane sostanzialmente la stessa

TrueMedia/STATS Esegui

João Pedro, Cagliari

Il Cagliari di Walter Mazzarri è ancora impegnato nella corsa alla retrocessione e si trova in una posizione scomoda. Dopo un inizio d’anno molto solido, il Cagliari ha perso cinque partite di fila tra marzo e aprile. Hanno finalmente concluso la loro serie senza vittorie di oltre un mese battendo il Sassuolo l’ultima volta. È stata una vittoria cruciale che li ha portati al 17° posto in classifica, ma hanno sicuramente bisogno di trovare coerenza in attacco per assicurarsi la sicurezza. Joao Pedro potrebbe essere una buona soluzione in quanto rappresenta il 40 per cento dei gol del Cagliari (il punteggio più alto in Serie A) e il 21 per cento dei tiri del Cagliari (il terzo punteggio più alto in Serie A). Il 30enne ha segnato 12 gol in questa stagione e ha fornito quattro assist ai suoi compagni di squadra.

Il Cagliari ha però dei problemi difensivi non ancora risolti. In questa Serie A, infatti, ha subito il maggior numero di gol su calcio piazzato (24) (di cui 10 su calcio d’angolo).

La difesa del Genoa ha il ventre molle contro i calci piazzati

TrueMedia/STATS Esegui

Francesco Caputo, Samp

La Samp sta affrontando un momento molto difficile perché ha perso sei delle ultime sette partite. Da quando Marco Giampaolo è tornato da allenatore non è riuscito a trovare il modo di produrre risultati coerenti. La priorità del club e dell’allenatore adesso è evitare la retrocessione, e l’attaccante Francesco Caputo può essere il loro salvatore visto che ha segnato 21 gol in 20 partite di Serie A contro squadre promosse (17 gol, quattro assist), compresi i suoi due doppiette di campionato contro Empoli e Venezia. Dopo il gol di questo fine settimana contro la Salernitana, anche nella sconfitta per 2-1 della Samp, ha realizzato quattro stagioni consecutive di Serie A con gol in doppia cifra. Potrebbe essere la chiave per la sua fiducia in futuro, diventando solo il secondo giocatore a raggiungere quell’impresa dal 2018-19 dopo Ciro Immobile.

Mattia Aramu, Venezia

Il Venezia è in difficoltà e attualmente è 18° in campionato, ma ha anche perso le ultime sette partite di fila. Il tecnico Paolo Zanetti, dopo aver mostrato tanti segnali positivi nella prima parte di stagione, non riesce a trovare un buon equilibrio per la sua squadra. Sicuramente il Venezia sta subendo troppi gol ma anche non segnando molto, visto che ha segnato solo un gol nelle ultime cinque partite. Il centrocampista Mattia Aramu può essere l’uomo giusto visto che è 10° in Serie A con 120 cross tentati, oltre 74 in più di qualsiasi compagno di squadra. Se riesce a continuare a lanciare quei palloni pericolosi, forse possono superare il distacco di sei punti dalla salvezza.

Federico Bonazzoli, Salernitana

La Salernitana ha finalmente vinto la sua seconda partita dell’anno contro la Samp (l’ultima vittoria è stata contro l’Hellas Verona il 9 gennaio) e cercherà di ottenere più punti nelle prossime settimane anche se probabilmente è troppo tardi. Sono nove punti indietro rispetto alla salvezza con otto partite a venire. Anche se non ha segnato contro la Samp, Federico Bonazzoli è stato sicuramente il loro miglior giocatore in quanto guida la Salernitana con sette gol in Serie A e 5.2 previsti su 39 tiri. Rappresenta il 30 percento dei gol della sua squadra, il sesto tasso più alto del campionato. La Salernitana in settimana giocherà contro l’Udinese e questa sfida ci racconterà molto di più delle loro possibilità e delle loro speranze di mettere in scena un ultimo miracolo per evitare la tanto attesa retrocessione. Sembra improbabile, però, poiché nessuna squadra ha segnato così poco o subito tanti gol come la Salernitana.

Articolo precedenteCristiano Ronaldo non giocherà per il Manchester United contro il Liverpool dopo la morte del bambino
Articolo successivoQuesti sono i paesi europei in cui è stata rilevata l’epatite infantile di origine sconosciuta