Home Economia Scambio di opinioni sul prestito di 100 milioni di IAG a Globalia

Scambio di opinioni sul prestito di 100 milioni di IAG a Globalia

60
0

Opinioni divise tra gli analisti dopo il operazione annunciata tra la compagnia aerea IAG e il gruppo turistico Globalia. IAG concederà a Globalia a prestito chirografario di 100 milioni di euro in sette anni. Fatte salve le approvazioni normative pertinenti, IAG avrà la possibilità di convertire il prestito in una partecipazione fino al 20% nel capitale di Air Europa.

Per gli esperti del Banco Sabadell, “la notizia è negativada la scatola continua a uscire per l’eventuale acquisto di Aria Europa (sarebbe già fino a 175 milioni di euro) e un accordo non è stato ancora raggiunto.

Inoltre, ritengono che ciò indichi “il difficoltà finanziarie di Air Europa di fronte ai recenti commenti del presidente di Globalia sulla sua capacità di continuare da solo”.

D’altra parte, sottolineano che «con questa operazione, la valutazione del 100% di Air Europa raggiungerebbe i 500 milioni di eurocifra che non è cambiata rispetto al precedente accordo nonostante Omicron e la guerra tra Russia e Ucraina”.

Vedi anche:  Il Texas occidentale corregge il 27% dai massimi ed è supportato dalla linea guida rialzista a breve termine

“In ogni caso”, concludono, “l’impatto non dovrebbe essere rilevante, dal momento che il flusso di cassa non è significativo (1% di liquidità a fine 2021 con il prestito convertibile e 1,5% totale sulla liquidità) e altro considerando lo scenario di ripresa che ci aspettiamo per il business”.

Dal canto loro, gli esperti di Renta 4 sottolineano che “l’accordo è positivopoiché consente alle aziende di avviare un rapporto che rafforzerà lo sviluppo e la competitività dell’hub di Madrid”. A suo avviso, “entrambe le società cercherà di ampliare la loro collaborazione al fine di rafforzare la propria capacità competitiva, estrarre sinergie e creare più valore”.

Per gli esperti di Bankinter, l’impatto è “neutro“, dato che “fornisce più tempo a Iberia per raggiungere un accordo e blocca l’ingresso di una terza parte. In pratica si suppone uno scudo di tre anni.

Vedi anche:  Wall Street cerca stabilità nell'ultima sessione di un gennaio molto ribassista

“Comunque”, aggiungono, “uno degli obiettivi dell’operazione, e per il quale hanno annullato il precedente accordo, era a Sconto (500 milioni di euro pattuiti a gennaio 2021) e per il momento non hanno fatto progressi in tal senso.

Infine, ricordano che “Iberia ha pagato 75 milioni (40 milioni per la clausola pattuita nel 2019 e 35 milioni per evitare contenziosi legati all’operazione) quando le precedenti trattative erano state annullate e verrà detratto dal prezzo di acquisto se l’operazione avrà luogo“.

Articolo precedenteLa prima “ora delle streghe quadruple” dell’anno arriva con i mercati azionari europei vicini alle resistenze chiave
Articolo successivoI rialzi di bitcoin non sono altro che “una continuazione del recente consolidamento”