Home Sport Sanzioni di Roman Abramovich: il Chelsea negozia modifiche alla licenza di emergenza...

Sanzioni di Roman Abramovich: il Chelsea negozia modifiche alla licenza di emergenza per consentire il proseguimento delle operazioni

77
0

La situazione intorno al Chelsea rimane fluida il giorno dopo che il club è stato sostanzialmente congelato come risorsa quando il governo del Regno Unito ha sanzionato Roman Abramovich insieme ad altri oligarchi russi. Questo è stato fatto un ulteriore passo avanti poiché Abramovich è stato squalificato dalla carica di direttore del Chelsea dalla Premier League. A causa del fatto che il Chelsea ha bisogno di una nuova licenza dal governo del Regno Unito per vendere, questa mossa non innesca una vendita, ma sono in corso i passaggi per ottenere quella licenza e garantire che Abramovich non riceva fondi dall’accordo che apre la strada a una vendita.

La cessione delle azioni di Abromovich è nelle mani del governo, ma avrà ancora voce in capitolo su chi le ottiene poiché i suoi beni sono solo congelati.

Le sanzioni rendono quasi impossibile la gestione del club in quanto non può vendere nuovi biglietti, rinnovare contratti, registrare nuovi giocatori o spendere più di £ 20.000 mila per viaggiare in trasferta. A causa dell’incertezza intorno al club, la società di telecomunicazioni Three ha preso in considerazione la possibilità di sospendere la sponsorizzazione e di richiedere che il loro marchio fosse rimosso da Stamford Bridge. Sebbene rapporti recenti suggeriscano che, anche se l’accordo è sospeso, il marchio rimarrà per ora.

Vedi anche:  Probabilità Atletico Madrid vs Manchester United, come guardarla, live streaming: scelte UEFA Champions League del 15 marzo

Secondo il Timesle cose potrebbero peggiorare prima di migliorare poiché le banche hanno congelato alcuni conti aziendali e carte di credito del club a causa del rischio connesso.

“La licenza consente al club di continuare con le attività quotidiane, ma le banche non hanno la propensione al rischio”, ha detto una fonte al Times. “Hanno congelato alcune delle carte di credito aziendali. Ha messo molta più pressione sul club”.

D’altra parte, potrebbe arrivare un po’ di sollievo poiché il Regno Unito prevede di allentare alcune restrizioni sul club in modo che possano continuare le loro operazioni quotidiane. Ci sono stati incontri da quando la licenza di emergenza è stata rilasciata giovedì per vedere se potevano essere emanate restrizioni più ampie per impedire al Chelsea di entrare in amministrazione.

Le trattative sono in corso, ma il limite di £ 500.000 su ciò che può essere speso per le partite ospitate in casa è stato portato a £ 900.000 che è più in linea con quanto costerebbe pagare gli steward e altro personale operativo. Il limite di viaggio non è stato ancora spostato, ma poiché si tratta di una situazione fluida, ciò potrebbe cambiare soprattutto quando si formano nuovi gruppi di proprietà e fanno offerte ufficiali.

Vedi anche:  Pronostici PSG vs Real Madrid: tutti gli occhi su Kylian Mbappé, ma ecco perché Marquinhos è la nostra scelta MOTM

C’è la possibilità che le restrizioni possano essere revocate su chi potrebbe assistere alle partite con la Premier League che distribuisce i biglietti ai tifosi in trasferta che vengono a Stamford Bridge, ma questi da soli non allevieranno tutte le preoccupazioni. Il Chelsea potrebbe ancora perdere più sponsorizzazioni poiché Hyundai sta valutando la situazione, ma Nike è rimasta impegnata nella loro partnership.

Dopo aver guidato l’accusa dietro la sanzione di Abramovich, il parlamentare laburista Chris Bryant ha parlato ai tempi delle sponsorizzazioni dicendo:

“Sono un po’ perplesso dal fatto che non abbiano corso tutti per un miglio”, ha detto Bryant al Times. “Penso certamente che dovrebbero, e sospendere i loro accordi commerciali, fino a quando la questione non sarà risolta”.

Quando questi sono i commenti che arrivano dal Parlamento, sembra solo una questione di tempo prima che cadano più domino quando si tratta di sponsor. I funzionari dello Stamford Bridge sperano che i colloqui di oggi si dimostrino fruttuosi o che il Chelsea possa cadere in difficoltà finanziarie a meno che non venga trovato un acquirente prima o poi. Anche se non mancano i corteggiatori, il tempo non è dalla parte dei Blues.

Articolo precedentePronostici Juventus-Sampdoria, pronostici, come guardare, live streaming: 12 marzo 2022 Pronostici Serie A italiana
Articolo successivoMilan vs. FC Empoli quote, scelte, come guardare, live streaming: 12 marzo 2022 Pronostici Serie A italiana