Home Economia Santander chiude il primo semestre con un utile di 4.894 milioni, il...

Santander chiude il primo semestre con un utile di 4.894 milioni, il 16% in più

113
0

Banca Santander ha pubblicato il risultati del primo semestre 2022un periodo che è stato chiuso con a utile ordinario di 4.894 milioni. Questo importo rappresenta a Aumento del 16%. rispetto allo stesso semestre dello scorso anno, mentre l’utile del secondo trimestre è stato di 2.351 milioni, il 14% in più.

“Abbiamo ottenuto buoni risultati nel primo semestre, con un ritorno sul capitale tangibile ben superiore al 13% e un coefficiente di capitale CET1 del 12%che dimostra la forza e l’efficienza del nostro modello e la solidità del nostro bilancio”, ha affermato il presidente dell’ente, Ana Patricia Botincos’ha ha ribadito gli obiettivi di Santander per l’esercizio 2022 “nonostante l’incertezza”. Allo stesso modo, il consiglio mantiene entro il 2022 la sua intenzione di farlo distribuire agli azionisti il ​​40% dell’utile ordinario attraverso dividendi in contanti e riacquisti di azioni.

Botín ha avvertito che in futuro il contesto economico “sarà probabilmente difficile per governi, banche centrali, cittadini e imprese”. Pertanto, ha difeso che “le banche continuano a essere parte della soluzione e, come fino ad ora, vediamo nel percorso di collaborazione tra tutti gli agenti economici e sociali e le banche come il modo per continuare a sostenere le economie ei nostri clienti”.

Dopo aver conosciuto questi risultati, i titoli della banca spagnola scendono al di sopra del 2% sul mercato. Finora quest’anno i loro titoli sono caduti del 15%.

Allo stesso modo, Santander lo fa notare l’utile di pertinenza, che ha risentito degli oneri di ristrutturazione per 530 milioni di euro nello stesso periodo del 2021, è aumentato del 33%. Nel secondo trimestre questa cifra si è attestata a 2.351 milioni di euro, il 14% in più in euro correnti e il 2% in più a euro costanti.

Vedi anche:  L'Asia chiude in positivo, meno la Nuova Zelanda, che scende dopo il rialzo dei tassi

La banca nota di aver registrato una forte attività commerciale nel trimestre. Santander lo sottolinea i fondi dei clienti hanno raggiunto la cifra più alta di 1.100 milioni di euro, il 4% in più, grazie alla crescita dei depositi (+5%). Il gruppo Santander, infatti, ha incrementato il numero di clienti negli ultimi dodici mesi di oltre sette milioni, arrivando a 157 milioni.

Allo stesso modo, prestiti aumentati del 6% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso: i mutui crescono del 7%, i prestiti al consumo un altro 6% e il credito alle imprese del 4%. “Il portafoglio crediti della banca resta fortemente diversificato sia per linee di business che per area geografica, con 65% del credito con garanzia”, sottolineano nel comunicato diffuso dall’ente.

Per quanto riguarda la margine netto, questo è rimbalzato dell’11% rispetto alla prima metà del 2021, da 12.318 milioni di euro a 13,85 milioni di euro. Nel trimestre l’incremento è stato inferiore, del 2,1%, a 6.915 milioni di euro.

Di aree commerciali, l’America Latina è stata la regione in cui la banca ha ottenuto il maggior numero di nuovi clienti, fino a 65,8 milioni, l’11% in più; inoltre, i depositi ei prestiti sono aumentati del 5%. In Europa i clienti sono aumentati dell’1% a 46,4 milioni e in Nord America del 3% a 25,3 milioni; allo stesso modo, i prestiti sono cresciuti rispettivamente del 5% e del 7%, mentre i depositi sono cresciuti di un altro 5% sia per l’Europa che per il Nord America. D’altra parte, il segmento Banca digitale dei consumatori non ha acquisito nuovi clienti (19,4 milioni), ma ha visto una ripresa sia degli impieghi (+4%) che della raccolta (+7%).

Vedi anche:  "Nel medio e lungo termine, il prezzo dell'oro e dell'argento dovrebbe scendere più che aumentare"

La forte attività, così come l’aumento dei tassi di interesse nel Regno Unito, in Polonia e altrove, ha sostenuto un aumento del 7% del margine di interesse, con una crescita particolarmente forte nel Regno Unito (+13%), Polonia (+92%), Messico (+ 9%), Cile (+7%) e Argentina (+93%).

Le commissioni sono aumentate del 7%, a seguito dei maggiori volumi e del miglioramento dell’attività. “Ad esempio, la fatturazione derivata dalle operazioni con carta e dataphone è aumentata rispettivamente del 20% e del 30%”, indicano dall’entità. Notevoli incrementi hanno anche registrato le attività di wealth management e assicurazioni (Wealth Management & Insurance) e Santander Corporate & Investment Banking (Santander CIB).

Patricia Botín lo ha sottolineato “La diversificazione ci offre una base solida e resiliente per crescere”. “In Sud America continuiamo a crescere in modo redditizio, con il 33% degli utili di gruppo e il 15% del credito. Il Nord America ottiene un RoTE adjusted di oltre il 23%, inclusa la prevista normalizzazione degli accantonamenti per perdite su crediti, e la redditività in Europa e Spagna è già vicino al costo del capitale, che mostra il miglioramento della connettività nella regione”, ha spiegato.

Allo stesso modo, Santander lo ha indicato prevede che la crescita dei ricavi compenserà le “pressioni inflazionistiche sui costi” e un “costo del rischio potenzialmente più elevato”mentre, come detto prima, ribadisce l’intenzione di raggiungere gli obiettivi del gruppo per l’esercizio 2022. Si tratta di crescita a media cifra, efficienza del 45%, RoTe superiore al 13% e CET1 capital ratio del 12% .

Articolo precedenteQuesto è lo smartphone Pixel 6a di Google
Articolo successivoMediaset Spagna guadagna l’11% in più nel semestre: 95 milioni di euro