Home Economia Sacyr distribuirà un dividendo flessibile di 0,06 euro il 21 giugno

Sacyr distribuirà un dividendo flessibile di 0,06 euro il 21 giugno

70
0

Il consiglio di amministrazione di Saciro ha approvato la distribuzione di a dividendo flessibile in cui gli azionisti della società potranno scegliere tra ricevere 0,66 € per azione contanti dopo 21 giugno o a nuovo titolo ogni 39 dei vecchi.

Secondo quanto riferito dalla società alla Commissione nazionale per il mercato dei valori mobiliari (CNMV), Sacyr ha deciso di effettuare un aumento di capitale per un importo massimo di 16,4 milioni di euro, fissando in 16.433.362 il numero massimo di nuove azioni da emettere.

Il dividendo distribuito in queste stesse date addebitato all’esercizio 2020 lo scorso anno era di 0,054 euro lordi per azione, quindi quest’anno il pagamento sarà superiore del 22%, questa volta addebitato ai risultati del 2021.

Il calendario previsto per l’esecuzione dell’aumento di capitale versato è il seguente:

  • 2 giugno 2022: ultimo giorno di negoziazione delle azioni Sacyr aventi diritto a partecipare all’aumento di capitale (“ultima data di negoziazione”).
  • 3 giugno 2022: data a partire dalla quale le azioni Sacyr sono negoziate senza diritto a partecipare all’aumento di capitale (“data di scadenza”).
  • 13 giugno 2022: termine del termine per la richiesta di pagamento in contanti.
  • 17 giugno 2022: fine di periodo di scambio dei diritti di assegnazione gratuita.
  • 21 giugno 2022: sarà tenuto pagamento in contanti agli azionisti che hanno scelto di ricevere denaro contante.
  • 22 giugno 2022: Data prevista per il rilascio dell’atto pubblico di aumento di capitale.
  • 8 luglio 2022: Data prevista di inizio delle negoziazioni ordinarie delle nuove azioni sulle borse spagnole.
Vedi anche:  Neoenergia, la filiale brasiliana di Iberdrola, entra in Latibex il 7 giugno
Articolo precedenteLa Spagna studia 30 casi di epatite acuta grave, 24 dei quali in bambini di età inferiore a 10 anni
Articolo successivoL’Università di oggi e l’occupabilità per il futuro