Home Sport Romelu Lukaku torna all’Inter per rivendicare lo status di “Re del Milan”...

Romelu Lukaku torna all’Inter per rivendicare lo status di “Re del Milan” e vincere un altro scudetto

143
0

Erano passati solo 11 mesi Romelu Lukaku sinistra Inter Milan per unirsi al Chelsea per una cifra record mondiale di 115 milioni di euro. Quello è stato un momento decisivo nella storia recente sia del club che del giocatore. Poche settimane dopo la vittoria dello scudetto all’Inter, Lukaku e l’allora allenatore Antonio Conte – che credeva in lui più di chiunque altro e ne fece un grande attaccante – erano scomparsi entrambi. L’improvvisa partenza ha lasciato i tifosi senza parole e arrabbiati, soprattutto perché fino alla mossa di Lukaku, ha proclamato eterno amore per il club. Cosa è cambiato da allora? Come ha fatto Lukaku a convincere il Chelsea a restituirlo in prestito all’Inter?

Mercoledì è stato annunciato ufficialmente il prestito stagionalequindi diamo un’occhiata a come si è verificata una delle più incredibili trasformazioni di trasferimento degli ultimi anni.

Il primo acquisto di Lukaku dall’Inter

Quando Conte è stato nominato allenatore dell’Inter nel maggio del 2019, ha chiesto espressamente al suo nuovo club di ingaggiare Lukaku. L’attaccante era un’ossessione per il tecnico italiano, che lo voleva quando era in disparte al Chelsea ma non lo ha ingaggiato. Il desiderio di Conte per Lukaku era così forte che il rapporto tra club e allenatore è iniziato un po’ burrascoso per i disaccordi sulla strategia di trasferimento perché il club è stato un po’ lento nell’ingaggio dell’attaccante. Conte aveva bisogno e voleva Lukaku. Era convinto di essere il giocatore perfetto per la sua squadra insieme Edin Dzekoche era l’altro obiettivo principale della squadra, ma poi ironicamente è diventato il sostituto di Lukaku quando ha lasciato la scorsa estate.

“Romelu è come un giocatore di football americano applicato al calcio”, ha detto in seguito Conte del giocatore. Ma il matrimonio quasi non è avvenuto. Le cose divennero piuttosto tese quando nell’ultima settimana di luglio di quell’anno, Juve ha incontrato l’agente di Lukaku, Federico Pastorello. Fabio Paratici, allora allenatore della Juve, voleva inserire Lukaku in uno scambio con Paolo Dybala. È stato solo quando Dybala ha rifiutato di giocare in Premier League per il Manchester United che le cose sono andate storte. Se Dybala avesse accettato uno scambio, Lukaku avrebbe giocato per la Juventus. Pochi giorni dopo, l’Inter ha finalmente concordato con il Manchester United un accordo di circa 75 milioni di euro con bonus inclusi per portare il giocatore su un aereo per Milano.

Lukaku è diventato subito un eroe tra i tifosi, segnando 34 gol in 51 partite in tutte le competizioni, ma non è riuscito a vincere nella sua prima stagione. L’Inter ha perso la finale di Europa League contro il Siviglia ed è arrivata seconda in campionato dietro la Juventus. Nella sua seconda stagione, Lukaku è riuscito a vincere il suo primo titolo in Serie A, segnando 30 gol in 44 partite e interrompendo una siccità di 11 anni di Scudetto. Il suo rapporto con l’allenatore, con la squadra e con i tifosi è stato speciale in quanto si è dichiarato il “Re del Milan”, titolo particolarmente azzeccato visto che ha segnato un gol fondamentale contro AC Milan. Tutto sembrava essere sulla buona strada. In campo è stato un giocatore chiave e la sua collaborazione Lautaro Martinez era semplicemente perfetto. Le loro combinazioni sono state una delle ragioni principali per cui sono riusciti a spezzare quella siccità dello Scudetto.

Vedi anche:  Thomas Tuchel del Chelsea in perdita per spiegare la disastrosa esibizione di Champions League dei Blues contro la Dinamo Zagabria

Estate 2021

Le cose sembravano cambiare rispetto alla sua percezione quando a fine stagione Conte, l’uomo che lo voleva all’Inter, decise di separarsi dal club. Poco dopo, il club ha venduto il suo amico e compagno di squadra Achraf Hakimi al Paris Saint-Germain. L’Inter aveva bisogno di venderlo per motivi economici e uno dei motivi per cui Conte se n’è andato è perché non voleva che ciò accadesse. All’inizio di giugno, mentre tutto questo accadeva, Lukaku ha promesso di restare: “Ho parlato con [Simone] Inzaghi, io resto”. Parole che i tifosi non hanno dimenticato a fine estate.

A luglio, il Chelsea ha bussato alla porta di Pastorello e gli ha chiesto se il suo cliente desiderava tornare in Inghilterra. Sorprendentemente, Lukaku ha detto di sì. Chelsea e Inter hanno raggiunto un accordo record di circa 115 milioni di euro per facilitare il ritorno al suo “club dell’infanzia”, ​​come lo chiamava lui. Lukaku è riuscito a conoscere il suo nuovo allenatore Simone Inzaghi e si è allenato con l’Inter per alcuni giorni prima che l’accordo fosse finalizzato. Ha scritto una lettera aperta ai suoi tifosi nerazzurri dopo giorni di silenzio, ma si sono sentiti traditi e non hanno mai accettato davvero la sua decisione dopo che ha infranto la sua promessa di restare.

L’intervista che ha cambiato tutto

Lukaku si è trasferito, l’Inter ha firmato Edin Dzeko e Joaquin Correa. La vita è andata avanti per l’Inter, ma la sua parentesi al Chelsea non è iniziata bene. L’ex attaccante dell’Inter ha segnato solo tre gol in Premier League tra settembre e dicembre, tutti nelle prime due gare. Al di là delle prestazioni e dei gol, il suo rapporto con l’allenatore Thomas Tuchel non è migliorato e le cose hanno raggiunto il culmine a dicembre quando Lukaku, senza l’autorizzazione del Chelsea, ha rilasciato un’intervista a Sky Italia.

Vedi anche:  Manchester United vs Brentford: come guardare, informazioni in diretta sulla Premier League, tempo di gioco, canale TV

È stata un’intervista scioccante dove Lukaku sostanzialmente si è scusato con i tifosi dell’Inter per come se n’era andato e ha promesso di tornare molto presto. “E’ il momento giusto per condividere i miei sentimenti. Ho sempre detto che ho l’Inter nel cuore. So che tornerò all’Inter, lo spero davvero. Sono innamorato dell’Italia, questo è il momento giusto per parlare e far sapere alla gente cosa è successo veramente”, ha detto. Sebbene Lukaku abbia espresso il desiderio di tornare un giorno, nessuno avrebbe potuto immaginare che sarebbe successo così presto quest’estate. Tuchel lo ha messo in panchina per la prossima partita contro il Liverpool e il rapporto tra Lukaku, i tifosi del Chelsea e l’allenatore si è inasprito subito dopo quell’intervista. In retrospettiva, questa potrebbe essere stata la prima mossa dell’obiettivo finale di Lukaku di unirsi all’Inter quest’estate.

Desideri una copertura ancora maggiore del gioco mondiale? Ascolta qui sotto e segui ¡Qué Golazo! Un podcast giornaliero della CBS Soccer in cui ti portiamo oltre il campo e in giro per il mondo per commenti, anteprime, riepiloghi e altro ancora.

Rom ritorna

Lukaku ha trascorso settimane personalmente lavorando per una rimonta, incluso parlare con il nuovo proprietario del Chelsea Todd Boehly per trovare una soluzione a questa situazione inaspettata. Voleva disperatamente questo ritorno, anche se – per ora – è durato una stagione in prestito. Lukaku sapeva che l’unico modo per far cambiare idea ai suoi ex fan era tornare e ha fatto tutto il possibile per farlo accadere. Ha parlato con la sua società, con l’Inter, con tutte le parti coinvolte e ha inviato personalmente messaggi ai suoi ex compagni di squadra: “Aspettatemi, sto tornando”. Adesso i tifosi dell’Inter tornano a sognare, nonostante quanto accaduto un anno fa. Lukaku sa benissimo che mentre se ne andava e il Milan ha vinto lo scudetto. La sua priorità sarà riportare il titolo dall’altra parte del fiume e proverà a farlo al fianco di Lautaro Martinez. Il duo magico ora è tornato insieme e i fan possono solo sognare di nuovo con loro. Puoi catturare Lukaku in azione per tutta la stagione su Paramount+.

Articolo precedenteTesla cade dopo aver eseguito i primi tagli al personale
Articolo successivoLa crisi della catena di approvvigionamento globale non inizierà a migliorare fino al 2023, secondo Citi