Home Sport Risultato Inter vs Liverpool, ascolti: Roberto Firmino, Mo Salah hanno i Reds...

Risultato Inter vs Liverpool, ascolti: Roberto Firmino, Mo Salah hanno i Reds vicini ai quarti di Champions League

46
0

Il Liverpool è a un passo dai quarti di finale di Champions League dopo aver ottenuto la meritata vittoria per 2-0 in casa dell’Inter mercoledì nell’andata degli ottavi di finale. I Reds hanno dominato le occasioni per la maggior parte della partita, ma sembrava che sarebbe finita 0-0 con il passare dei secondi. Il sostituto Roberto Firmino e l’attaccante superstar Mohamed Salah avevano altre idee ed entrambi hanno segnato nell’ultimo quarto d’ora portando il Liverpool in vantaggio. Il gol della vittoria di Firmino è arrivato su calcio d’angolo dove il brasiliano ha segnato di testa un gol incredibile al 75′:

I Reds ora possono anche perdere la prossima tappa di marzo per un gol e avanzare comunque ai sedicesimi di finale. Senza regole sui gol in trasferta, solo una sconfitta per due gol vedrebbe i tempi supplementari nella gara di ritorno.

L’Inter chiude la partita a zero tiri in porta e raramente sembra una minaccia, a parte una traversa di Hakan Calhanoglu nel primo tempo. Gli italiani hanno chiuso con un xG di appena 0,46, mentre il Liverpool ha registrato un 1,23. La coppia di difensori centrali di Virgil van Dijk e Ibrahima Konate ha dominato gli attaccanti della squadra italiana, bloccando l’attaccante Edin Dzeko e consentendo a Lautaro Martinez di toccare la palla solo 16 volte in 70 minuti.

“Intenso. Penso che entrambi abbiamo preso molti rischi durante il pressing”, ha detto Van Dijk, il migliore in campo, a CBS Sports dopo la partita.

“Riguarda la dura lotta, la battaglia. Quando hai la palla, sii coraggioso, prendi le decisioni giuste e tienila stretta nella parte posteriore, e ce l’abbiamo fatta. [A] il foglio pulito è molto importante in questa atmosfera.

“Siamo solo molto contenti del risultato. È stata dura, abbiamo sofferto, ma è anche qualcosa che ci aspettavamo”.

Ecco le nostre valutazioni dei giocatori per questo concorso:

Valutazioni dell’Inter

(PR) Samir Handanovic

90

Ha affrontato solo due tiri in porta e li ha fatti entrare entrambi. Ma nessuno dei due è stata davvero colpa sua poiché i difensori lo hanno deluso. Una notte dura.

5

(DEF) Milan Skriniar

90

Il più forte difensore dell’Inter. Ha avuto dei bei momenti su entrambe le estremità del campo e ha avuto successo nel 75% dei suoi contrasti. Ha anche vinto il 92,3% dei suoi duelli e il 100% in aria. Sarebbe stato più brutto senza di lui.

8

(DEF) Stefan de Vrij

87

Ha respinto bene la palla ed è stato anche forte in aria. Ha fatto quello che doveva fare per gran parte della partita. Non posso chiedere molto di più.

6

(DEF) Alessandro Bastoni

89

Non la sua notte migliore. Nel suo momento più grande, non è riuscito a consegnare, lasciando che Roberto Firmino segnasse il vincitore con la testa. La sua marcatura non era poi così male, ma lo ha perso per una frazione di secondo, ed è stata la differenza.

4

(MID) Denzel Dumfries

87

Ho creato una possibilità, ma non è stata molto buona. Finito con un totale di assist previsto di appena 0,01. Aveva un tiro OK, ma non poteva liberarsi molto da questa difesa del Liverpool per causare danni.

4

(MID) Arturo Vidal

87

Il cileno è stato solido in fase difensiva, registrando sette contrasti da record per la squadra. Ha mostrato fisicità e aggressività e ha scoraggiato il Liverpool un paio di volte. Ma con la palla non è stato acuto, sprecando occasioni per mettere in avanti palloni di qualità.

6

(MID) Marcelo Brozovic

90

Passato bene ovunque tranne che nell’ultimo terzo. Nessuno ha tentato più passaggi per l’Inter dei suoi 57. Non è mai riuscito a creare nulla con i passaggi lunghi ed è stato sostanzialmente neutralizzato. Sarà frustrato dal fatto che il suo accumulo non abbia portato a molto di niente.

5

(MID) Hakan Calhanoglu

90

Il creatore più pericoloso di questa squadra. Ha creato tre occasioni ed è stato pericoloso sui calci piazzati, soprattutto sugli angoli. Ha completato il 91,3% dei suoi passaggi e ogni passaggio nell’ultimo terzo.

7

(MID) Ivan Perisic

90

Ha avuto alcuni momenti sulla sinistra e ha quasi segnato un gol per Lautaro Martinez, ma ha messo troppo dietro il cross. Non è mai sembrato una minaccia in porta, ma ha avuto le sue possibilità di creare allargando il gioco. Tuttavia, i pass non erano abbastanza buoni da capitalizzare.

5

(Davanti) Lautaro Martinez

70

Ha avuto 16 tocchi in 70 minuti, quindi è tutto ciò che devi sapere. Un colpo e un xG di 0,04, ora ha 0,04 xG nei suoi ultimi 153 minuti dopo aver registrato 0,0 contro il Napoli lo scorso fine settimana. Brutto momento per l’argentino. Troppo spesso stava cercando di disegnare un fallo e non di muscolo attraverso il contatto.

4

(FWD) Edin Dzeko

90

Due colpi ma nessuno dei due è andato bene. Ha anche completato solo il 52% dei suoi 25 passaggi, il che è scioccante. Era appena uscito. Il suo passaggio più memorabile è andato proprio a Trent Alexander-Arnold.

3

Alessio Sanchez

Martinez (70′)

Nove tocchi in 20 minuti di gioco, senza creare nulla.

4

Roberto Gagliardi

Vidal (87′)

Ha giocato tre minuti e registrato un contrasto, vincendo anche entrambi i suoi duelli.

6

Matteo Darmiano

Dumfries (87′)

Un sostituto in ritardo che non è mai stato coinvolto.

N / A

Andrea Ranocchia de Vrij (87′) Sostituto in ritardo che ha registrato un’intercettazione. N / A
Federico Dimarco Bastoni (87′) Sub che fa perdere tempo con questo già finito. N / A

Simone Inzaghi

5

Ha aspettato troppo a lungo per apportare le modifiche necessarie. Poi ne ha realizzati quattro, all’87° minuto. Se non puoi portarli con te… Sembravano aver fatto abbastanza per ottenere un punto, ma alla fine si ritrovano sull’orlo dell’eliminazione. Non hanno creato nulla e devono entrare in palla più di quanto hanno fatto per avere qualche possibilità.

4

Vedi anche:  Pronostici d'angolo: quote Champions League, migliori scommesse, pronostici per Villarreal-Liverpool, Real Madrid-Man City

Valutazioni del Liverpool

(GK) Alisson

90

Un backpass leggermente disinvolto ha messo sotto pressione l’ultimo terzo del Liverpool, ma ciò è stato controbilanciato da alcune spazzate intelligenti quando l’Inter ha cercato di far scivolare dietro Dzeko e Martinez.

5

(DEF) Trento Alexander-Arnold

90

I suoi colpi difensivi sono stati inesorabilmente analizzati dal pericoloso Perisic. Certamente ci sono stati momenti in cui ti è stato ricordato che Alexander-Arnold non è da questa parte per quello che fa senza palla, ma non è mai stato battuto costantemente. In avanti era similmente un miscuglio, intelligente attraverso i lanci in equilibrio contro momenti in cui sprecava il possesso con improbabili tiri dalla distanza

5

(DEF) Ibrahima Konate

90

Preferito a Joel Matip, Konate ha giustificato la fiducia di Klopp con una serie di interventi cruciali, nessuno più che la sua autorizzazione in tuffo per trattenere un cross di Dumfries di Dzeko. Per quanto solido fosse in possesso, era con le spalle al muro che il francese eccelleva.

7

(DEF) Virgilio van Dijk

90

La sua prestazione è stata tanto più eccezionale in quanto sembrava a malapena sudare, coprendo lo spazio a un Dzeko dichiaratamente lento come se fosse già 10 yarde avanti. È stato lui il motivo schiacciante per cui la forte pressione che l’Inter ha esercitato sul Liverpool raramente si è tradotta in minacce in porta.

9

(DEF) Andrew Robertson

90

Klopp non è apparso impressionato da Robertson all’inizio e con una buona causa. Per una volta, il radar dei passaggi del terzino sinistro sembrava completamente fuori strada a gioco aperto e da palloni morti.

4

(MID) Fabinho

60

Nella battaglia campale a centrocampo, Fabinho non ha mai perso la testa ed è stato invariabilmente l’uomo per raccogliere gli scarti o per colmare le lacune in cui l’Interl stava cercando di scoppiare. Quando è stato ritirato ogni ora, nessuno poteva avvicinarsi ai suoi 11 recuperi di palla.

7

(MID) Thiago

86

Le sue gambe hanno lottato per durare per l’intera gara, giocatori del calibro di Calhanoglu e Brozovic hanno trovato molto spazio lontano da Thiago mentre il gioco andava avanti. C’erano i consueti passaggi frizzanti per far avanzare il Liverpool in campo e un super intercetto in ritardo per trattenere la palla da Dzeko

6

(MID) Harvey Elliott

60

Il giocatore più giovane del Liverpool in una partita a eliminazione diretta di Champions League, ci sono stati momenti in cui la pressione sembrava arrivare al 18enne, che ha concluso la partita con un tasso di completamento dei passaggi del 75% relativamente indifferente. Allo stesso modo ci sono stati momenti di abilità e compostezza che suggeriscono che più esperienza renderà un giocatore molto efficace in questi giochi.

4

(MID) Mohamed Salah

90

Di certo questa non è stata la partita migliore di Salah con la maglia del Liverpool ma non ha fatto nulla per scuotere il senso di inevitabilità ogni volta che la palla era ai suoi piedi nell’ultimo terzo. Ha dato a Bastoni ogni sorta di difficoltà e ha colto l’unica possibilità che gli è capitata in modo eccezionale.

7

(FWD) Diogo Jota

45

Jota è caduto costantemente in profondità per raccogliere la palla, cercando di affrontare il suo uomo, batterli e scivolare in un ampio alancio in corsa. All’inizio sembrava che avrebbe trovato lo spazio per testare Handanovic, ma con il passare del tempo ha lottato per posizionare i suoi passaggi nel punto giusto, forse spingendo Klopp a portare Roberto Firmino al suo posto.

5

(FWD) Sadio Manè

59

Avrebbe dovuto almeno testare Handanovic con un colpo di testa su punizione. A parte questo, Mane ha lottato per avere qualcosa di simile all’impatto su questo gioco che è venuto dall’uomo che lo ha sostituito.

4

Roberto Firmino

Jota (46′)

All’inizio, Firmino non ha fatto molto per suggerire che Klopp avesse sbagliato a lasciarlo in panchina, lottando per avere davvero un impatto sul gioco. Ma poi questo anti-n.9, che fa così poco di quello che fa un attaccante tradizionale, ha lanciato il più magnifico dei colpi di testa del centravanti per mettere la sua squadra in carica in questo pareggio.

7

Giordano Henderson

Elliott (60′)

Il fatto che la pressione sulla porta del Liverpool si sia allentata quasi immediatamente quando è stato presentato il capitano del club riflette quanto sia rassicurante la sua presenza in squadra. Ha appena dato via la palla in una mezz’ora senza macchia.

6

Naby Keita

Fabio (60′)

Un’aggiunta altrettanto solida, Keita non era così dinamico come può essere, ma questo è ciò di cui il Liverpool aveva bisogno. Sembrava un veterano costante.

6

Luis Diaz Criniera (60′) L’attacco del Liverpool ha preso vita quando Diaz è entrato in gioco. Sfrecciava sempre nello spazio, esigeva passaggi e poi cercava di attaccare la porta. Sembra assolutamente senza paura e di punta, un perfetto attaccante di Klopp 6
James Milner Thiago (85′) Il suo tardo cameo potrebbe essere degno di nota solo perché è stata l’800esima apparizione di una carriera straordinaria, ma è certamente degno di riconoscimento. 5

Jurgen Klopp

5

Le giuste sostituzioni al momento giusto hanno portato il Liverpool al risultato ideale in trasferta in Champions League. Ha identificato un problema al centrocampo del Liverpool e sulla fascia sinistra intorno all’ora; l’ha aggiustato

7

Vedi anche:  L'Aston Villa è su un percorso ambizioso, ma il pareggio del Leeds mostra quanto lontano devono andare
Articolo precedenteSegno misto a Wall Street dopo l’avvertimento della Fed di un “presto” aumento dei tassi
Articolo successivoChampions League: Sadio Mané del Liverpool spiega i giochi mentali di Mo Salah dopo la finale dell’AFCON, parla dell’Inter