Home Sport Ripulire il pasticcio di trasferimento del Manchester United inizia con l’uscita di...

Ripulire il pasticcio di trasferimento del Manchester United inizia con l’uscita di Cristiano Ronaldo; i prossimi passi saranno più difficili

98
0

Infine Manchester United sembrano vedere la realtà della loro situazione. Una spazzata dei mazzi all’Old Trafford potrebbe essere l’unico modo per ripristinare alla fine un po’ di potere da star a questa icona in via di estinzione e questo inizia con l’A-lister che ha brillato di più l’ultima volta che questo club è stato in cima alla partita europea.

Fonti del Manchester United lunedì sera hanno insistito pubblicamente sul fatto che Cristiano Ronaldo non è in vendita e dovrebbe concludere l’ultimo anno del suo contratto. In particolare, hanno insistito sul fatto che i rapporti che lo United avrebbe cercato di terminare quell’accordo non erano corretti. Martedì mattina, quella posizione è diventata un po’ più morbida e il cinque volte vincitore del Pallone d’Oro potrebbe davvero essere autorizzato ad andarsene.

La domanda, ovviamente, è dove? Tra i possibili contendenti alla Champions League a cui vuole unirsi, solo Chelsea l’hanno guardato a lungo e hanno concluso diversamente. I tifosi dell’Atletico Madrid stanno facendo una campagna contro la sua firma Il presidente del Barcellona Joan Laporta non ha smentito che al suo club era stata offerta (e rifiutata) la possibilità di ingaggiare il 37enne prima di scegliere il modello più giovane in Robert Lewandowski e poi azionando la quarta “leva”.

In effetti, CBS Sports capisce che le uniche offerte attualmente sul tavolo per Ronaldo provengono dall’Arabia Saudita, dove due club di spicco hanno manifestato la loro volontà di prendere il nazionale portoghese con salari più alti nonostante la sua stessa reticenza. Ronaldo, l’attuale capocannoniere della Champions League, sente di avere degli affari in sospeso in quella competizione e vorrà giocare ai massimi livelli prima della Coppa del Mondo di quest’inverno in Qatar. Uno dei due club sauditi interessati ai suoi servizi ha detto a CBS Sports che la loro offerta sarebbe ancora sul tavolo per Ronaldo a gennaio, ma potrebbe essere troppo tardi per il nuovo inizio di Erik ten Hag.

Ronaldo potrebbe essere immutabile negli ultimi giorni della finestra di mercato. La preoccupazione per lo United dovrebbe essere quanti altri nella loro rosa hanno lo stesso status.

Vedi anche:  Streaming live Liverpool vs. Crystal Palace: canale TV della Premier League, come guardare online, tempo, notizie, quote

È stato istruttivo vedere l’ex difensore del Manchester United Gary Neville applicare lo status di RAG all’attività finanziaria del club negli anni da quando il loro faro, Sir Alex Ferguson, si è ritirato. Dei 33 acquisti effettuati negli ultimi nove anni, due hanno ottenuto il via libera dall’esperto, sette erano color ambra e il resto erano il tipo di delusioni non qualificate che costituivano lo status di rosso. Al che uno ha avuto due reazioni immediate. Prima di tutto, è necessario sicuramente qualcosa di più profondo del rosso? Dopotutto, Daley Blind non era eccezionale, ma non era certo un tipo in stile Alexis Sanchez, far saltare in aria il salario, rubare minuti a giovani talentuosi e finire per pagare il suo stipendio solo per fargli andare via in un disastro.

Poi, quando i tuoi occhi si sono spostati dalla massa del reclutamento inadeguato ai presunti successi, non puoi fare a meno di sentire che l’asticella potrebbe essere troppo bassa. Zlatan Ibrahimovic ha regalato allo United un’ottima prima stagione, ma non è nemmeno arrivato alla fine di un secondo profondamente deludente mentre Bruno FernandesLa forma è caduta da un dirupo da quando è arrivato Ronaldo, inverosimile un’ambra sulla lista di Neville.

Molti di questi giocatori da cui Neville non è rimasto così impressionato costituiscono ora la groppa della squadra di dieci Hag. Ci sono molti, i Phil Jones, Eric Baillys e persino Anthony Martials (almeno fino al suo revival preseason) che sembrano destinati a rescindere il loro contratto fino alla fine, ma anche pezzi fondamentali della squadra che è arrivata sesta. Lo United sta nuotando in difensori centrali che sono al di sopra dei due sopra menzionati nella tabella di profondità, ma che lancerebbero loro una pila di soldi per pagare lo stipendio considerevole di Victor Lindelof o Raffaello Varane?

Un anno fa, il suggerimento che lo United potesse avere difficoltà a trovare un acquirente per Fernandes sarebbe stato deriso dalla conversazione. Perché dovrebbero volerlo, tanto per cominciare? Ma poi il 27enne ha l’odore di una squadra da gioco che viene all’Old Trafford per l’atrofia piuttosto che per l’argenteria. Fred potrebbe essere nella stessa barca. Entrambi mostrano abbastanza spesso che gli scout del club non avevano torto nel vedere il talento in loro. Tuttavia, senza una struttura tattica definita in cui sedersi, Fernandes in particolare sembra assecondare le sue peggiori tendenze. La scorsa stagione il nazionale portoghese si è classificato terzo per sorpassi intercettati, sesto per quelli usciti dal campo (solo Joao Cancelo lo ha battuto in entrambe le categorie, ma il Manchester City anche il terzino ha completato più di 1.000 in più rispetto ai 1.524 del suo connazionale).

Vedi anche:  USMNT vs. Messico: cosa dice il ruolo di Christian Pulisic nel Chelsea su come gli Stati Uniti dovrebbero usarlo contro El Tri

Il caso più convincente per una vendita di Fernandes – qualcosa che il suo club non ha mostrato alcuna indicazione di prendere in considerazione – è che i dirigenti potrebbero avere ancora tempo per deprogrammare il suo United prima che sia troppo tardi. Si potrebbe fare lo stesso caso per il vacillare Marco Rashford, che era collegato al Paris Saint-Germain all’inizio di questo mese. È giusto dire che le rivelazioni di dialogo tra il suo agente e i campioni della Ligue 1 non sono arrivate dal Parc des Princes. Sembrerebbe che dieci Hag sia troppo tardi per fare lo stesso dove David de Gea è preoccupato. Semplicemente non può passare il calcio allo standard richiesto dalla maggior parte dei club moderni.

Ederson, Alisson e persino Aaron Ramsdale hanno migliorato le capacità offensive della loro squadra con passaggi roventi che non solo mantengono il possesso ai piedi del compagno di squadra, ma creano opportunità in un batter d’occhio. Laddove quei portieri accelerano il gioco, De Gea lo rallenta. I passaggi che ha fatto finora in questa stagione sono stati tirare la palla a un difensore centrale o calciare la palla senza meta sul campo. Gli ci sono voluti 180 minuti per completare con successo un passaggio nella metà campo avversaria, un calcio di rinvio battuto in direzione di Antonio Elanga quando lo United era sotto 4-0 Brentford.

Passaggi effettuati da De Gea e Ramsdale in questa stagione. Nota con che frequenza Ramsdale è in grado di individuare i compagni di squadra in alto sul campo, spostando rapidamente l’Arsenal in posizioni offensive

TruMedia

Ten Hag ha detto – in riferimento alla sua squadra nel suo insieme – che è fiducioso che possano adattarsi alle sue richieste perché lo hanno fatto in preseason. Parlando dopo il suo spettacolo horror al Gtec Community Stadium, De Gea ha offerto una chiara spiegazione del motivo per cui troverà le cose più difficili. “È troppo facile giocare in preseason quando giochi per niente”, ha detto. “Quando giochi nelle partite che conta è quando hai bisogno di coraggio, di essere più coerente e di essere giocatori adeguati. Non era così oggi. Dobbiamo restare uniti e abbiamo molto da imparare con un nuovo allenatore. “

Liverpool non esattamente gameplan per De Gea quando stavano perdendo 4-0 a Bangkok. Brentford ha fatto con Christian Norgaard rivelando dopo la partita che erano andati uomo a uomo dai calci di rinvio; in teoria, lo United avrebbe dovuto avere un giocatore di riserva in De Gea. La realtà è che è stato un mezzo efficace per segnare gol da parte dei padroni di casa come ottenere Ivan Toni isolato contro Lisandro Martinez. Jurgen Klopp cercherà sicuramente di ripetere il trucco.

Cosa può fare lo United per evitare che De Gea migliori con la palla tra i piedi? La sovrapposizione in un diagramma di Venn di “club che possono eguagliare uno stipendio settimanale di £ 375.000” e “club che tollereranno un portiere che non può passare progressivamente” è minuscola. Dai un’occhiata alla lista delle squadre dell’Old Trafford e ci sono più giocatori come lo spagnolo che diversi da lui — quelli che sono stati piuttosto lasciati indietro dal gioco moderno, almeno in parte a causa delle antiquate operazioni calcistiche del club, e chi lo farebbe curry vicino a nessun corteggiatore.

È per questo che lo United è invece costretto a incassare giovani talentuosi come James Garner, i 15 milioni di sterline che sperano di ottenere per lui sono uno spettacolo equo in più di quanto potrebbero ottenere per molti degli affermati internazionali della loro squadra. Le riserve di cassa non sono così abbondanti come lo erano una volta a Old Trafford; per adattare una frase di Josh Kroenke, questa è una squadra con uno stipendio da Champions League con un budget da Europa League.

Arsenale, il club all’inizio della crisi della scorsa stagione, offre almeno un’idea di come lo United possa uscire da questo pasticcio e li riporta al caso Ronaldo. Il nord di Londra non era a corto di giocatori simili; stelle invecchiate la cui produzione non corrispondeva al loro stipendio e la cui condotta non ha sempre impressionato Mikel Arteta. Il direttore dell’Arsenal Edu Gaspar li ha semplicemente pagati per andare via.

“Cerca di evitare un anno in più con il problema dentro, nello spogliatoio, costoso, non performante”, ha detto il mese scorso il direttore tecnico brasiliano. “Pulisci, tiralo fuori. Anche, mi dispiace, se devi pagare. Andare è meglio. Perché quel ragazzo a volte blocca anche qualcuno.

“So che fa male, so che è strano quando vado al tabellone e dico: ‘A volte è meglio pagare un giocatore per andarsene piuttosto che mantenerlo.’ Ma lo considero un investimento. A volte la gente dice: “È costoso”. Dico: “No, è un investimento”. Ma qualcuno pagherà se vendi? No, ragazzi, se il giocatore ha più di 26, 27 anni e non si esibisce, grande stipendio, nessuna possibilità”.

Non è un approccio senza le sue insidie. In questo momento l’Arsenal vuole una quota per Hector Bellerin, ma perché il Real Betis dovrebbe pagarla quando la storia suggerisce che i Gunners hanno maggiori probabilità di strappare il suo accordo piuttosto che tenerlo in giro per l’ultimo anno del suo contratto. E, naturalmente, nessun giocatore rescinderà il proprio contratto a meno che non sappia che c’è un altro club che lo aspetta. La realtà, tuttavia, è che i club più ricchi della Premier League hanno poche altre opzioni nell’attuale clima finanziario per il resto del gioco.

La stessa realtà che l’Arsenal ha dovuto affrontare nel gennaio 2021 quando ha iniziato a pagare giocatori per giocare altrove ora incombe sullo United. Potrebbero aver accettato di non volere i loro giocatori, ma la realizzazione che segue potrebbe essere ancora più difficile per loro. Nessun altro li vuole neanche.

Articolo precedenteUno studio rileva il virus del vaiolo delle scimmie in campioni anali di persone asintomatiche
Articolo successivoMeta annuncia la pubblicazione incrociata di “bobine” di Instagram su Facebook