Home Sport Ralf Rangnick non rimarrà al Manchester United come consulente

Ralf Rangnick non rimarrà al Manchester United come consulente

87
0

La relazione tra Ralf Rangnick e il Manchester United è finita poiché l’allenatore ad interim della scorsa stagione non rimarrà come consulente, è stato annunciato domenica. Dopo essere stato nominato allenatore della nazionale austriaca, ci si aspettava che Rangnick avrebbe bilanciato entrambi i lavori perché il ruolo di consulente è fluido, ma ora va avanti quando inizia l’era di Erik ten Hag.

“Non vedo l’ora di fare la mia parte nell’aiutare lo United a diventare di nuovo una vera forza”, ha detto Rangnick ad aprile sull’essere un consulente.

Meno di un mese dopo, le cose sono cambiate a causa delle sfide che dovrà affrontare alla guida della nazionale. Il club ha rilasciato una dichiarazione in cui annunciava il trasferimento domenica.

“Vorremmo ringraziare Ralf Rangnick per i suoi sforzi come allenatore ad interim negli ultimi sei mesi”, si legge nella dichiarazione. “Di comune accordo, Ralf ora si concentrerà esclusivamente sul suo nuovo ruolo di allenatore della nazionale austriaca e quindi non assumerà un ruolo di consulente all’Old Trafford”.

Vedi anche:  Il Real Madrid contro il Manchester City potrebbe avere le carte in regola per diventare la prossima grande rivalità della Champions League

È difficile dire quale sarà l’eredità di Rangnick al Manchester United poiché sei mesi non sono molto tempo per un allenatore per fare un cambiamento in un club, ma il modo in cui le cose stanno finendo non è proprio l’ideale. Rangnick ha portato il Manchester United a un posto in Europa League, ma i Red Devils erano a soli due punti da uno quando è stato nominato a novembre. Dopo essere uscito dagli ottavi di finale di Champions League, è giusto dire che questo è finito per essere un disastro. La scorsa stagione, infatti, è stata la peggiore stagione di Premier League dello United, finendo con soli 58 punti e un record di 16-10-12. Lo United ha anche subito 57 gol in 38 partite.

Vedi anche:  Trasferimento Cristiano Ronaldo: Chelsea legato alla superstar del Manchester United, ma ha senso una mossa?

Ten Hag ha un duro lavoro davanti a sé per riportare il Manchester United al suo antico splendore, ma potrebbe essere una buona cosa che le influenze del passato non siano coinvolte nell’andare avanti. Può vedere le aree che devono essere migliorate e potenzialmente andare avanti ininterrottamente e con più voce in capitolo nelle decisioni prese.

Il mandato di Rangnick nello United si è concluso con sole 11 vittorie in 29 partite.

Articolo precedenteL’Ibex 35 si ferma dopo aver segnato i massimi annuali e aver toccato i 9.000 punti psicologici
Articolo successivoGiornata internazionale della sclerosi multipla: il collegamento al virus richiede una risposta migliore