Home Moda e bellezza quindi devi restituire i vestiti d’ora in poi

quindi devi restituire i vestiti d’ora in poi

314
0

Zara evolve verso un nuovo concetto di I negozi. Il marchio contribuisce per il 70% al reddito del gruppo Inditex. Grazie al suo successo, il multinazionale galiziana continua con il vento strategia per aprire negoziammiraglia‘. Cioè, stabilimenti distintivo. Hanno tutti uno scopo: hanno più spazio di archiviazione magazzino per rispondere al forte richiesta del acquisti online. Pertanto, c’è di meno vestiario intuizione. Inoltre, Zara ora chiede ai clienti di avere a ruolo attivo nel processo di acquisto: devono restituire i capi provati nel appendiabiti, proprio come l’hanno catturato. È finito quello di restituirli aggrovigliati e a testa in giù, oltre a lasciare lo spogliatoio pieno di grucce.

Nel 2018 Inditex ha lanciato un “piano generale miglioramento del spazio commerciale” che ha portato all’apertura di flagship store in Barcellona, Madrid, Bilbao Y Valenzano. Inoltre, sono già proiettati inaugurazioni in altri grandi città di Spagna. Si combinano tutti tradizione insieme a tecnologia per offrire al cliente un migliore esperienza di acquisto.

Vedi anche:  la tecnica giapponese per ottenere glutei tonificati

Richiesta all’ingresso del tester

I consumatori che vanno al ‘fiore all’occhiello’ trovano spazi di più diafano Y organizzatosenza vestiti asini pieno fino all’orlo o indumenti ammucchiati dal contatori. Quel caos è stato relegato al sconti. Gli impiegati si affrettano a riordinare gli articoli che i consumatori guardano, toccano e raccolgono. Tuttavia, ora hanno un po’ più di aiuto.

Nel ‘fiore all’occhiello’ di Barcellonain particolare in quelli di cammino di grazia insieme a Gran Via Y Piazza catalana, i lavoratori cercano di cambiare il comportamento dei clienti. “Quando te ne vai, restituisci gli indumenti stesi sulle grucce, per favore”, ha ripetuto questo giovedì pomeriggio un impiegato a ciascuna delle persone che hanno assistito e hanno ceduto il passo al coda. L’ho fatto nel idioma ciò era necessario, poiché in questi due stabilimenti c’è più turisti che gente del posto.

Vedi anche:  Il cibo che le zanzare odiano, dice questo studio 'Natura'

Nuove “abitudini”

la maggior parte dei clienti hanno adempiuto. In caso contrario, i dipendenti hanno insistito. Lo hanno ricordato nuovo abitudine‘ in due modi: da un lato, se i consumatori lasciavano le grucce all’interno dello spogliatoio quando uscivano, avevano il compito di ricordare loro che dovevano prenderle. Se invece arrivavano in zona resi senza aver riordinato i capi, li aiutavano a farlo per non congestionare lo spazio.

A quel punto, dietro il bancone, un altro operaio si occupava di mettere i panni con una gruccia su un asino, toccando appena nulla, e di piegare quelli che arrivavano senza una gruccia. Ci sono stati rari casi in cui gli utenti hanno ignorato il indicazioni. In quei momenti non c’era dramma, solo accettazione, ma con la premessa di fare ogni giorno comportamenti insoliti: restituire il vestiti in ordine.

Articolo precedenteIl trasferimento di Cesare Casadei del Chelsea: perché i Blues hanno speso molto per un adolescente dell’Inter senza esperienza senior
Articolo successivoTrasferimento Casemiro: l’offerta del Manchester United per il brasiliano è troppo bella per rifiutare al Real Madrid