Home Moda e bellezza Quanto vale Saxenda, la nuova iniezione dimagrante di cui tutti parlano

Quanto vale Saxenda, la nuova iniezione dimagrante di cui tutti parlano

49
0

La medicina dei laboratori Novo Nordisk Saxendache ha dimostrato di essere un efficace dimagrimento, è diventato di moda per essere un possibile trattamento per l’obesità, il vero pandemia del nostro tempo.

La ‘magia’ del farmaco già autorizzato in Europa, e di un altro simile ancora sperimentale dei laboratori Lilly, è che ridurre l’appetito e aumentare la sensazione di sazietà chi lo inietta

Il farmaco viene somministrato sotto forma di iniezione sottocutanea e quotidianamente, e agisce sui meccanismi dell’appetito, aumenta la sazietà e rallenta lo svuotamento dello stomaco. Con queste proprietà, questo farmaco è considerato un nuovo trattamento per combattere l’obesità, che secondo alcuni studi è stimata tra il 17% e il 21% della popolazione spagnola.

penna preriempita

Saxenda si presenta sotto forma di penna preriempita che viene amministrato attraverso iniezione sottocutanea giornaliera. È conveniente applicarlo sull’addome, sulla parte anteriore delle cosce o sulla parte superiore delle braccia ed è preferibile farlo all’incirca contemporaneamente, anche se è importante seguire le istruzioni del medico per una corretta somministrazione.

Vedi anche:  Elon Musk intende creare un social network basato sulla libertà di espressione

La cura costa circa 270 euro al mese ed è un farmaco che non è finanziato dalla previdenza sociale. I loro alto prezzoquindi, non lo rende un medicinale alla portata di tutte le tasche.

Gli effetti collaterali più comuni sono nausea, senso di pesantezza, diarrea, costipazione, vomito, flatulenza e reflusso gastroesofageo. Questi effetti sono generalmente temporanei (scompaiono dopo alcuni giorni o poche settimane) e, per ridurre il rischio di soffrirne, si procede ad una progressiva titolazione della dose (la dose viene aumentata settimanalmente). È importante rimanere idratati. E se compare la nausea, bevi in ​​piccole quantità per evitare il vomito.

Articolo precedenteI migliori ospedali per fare il MIR in Catalogna, secondo un sondaggio
Articolo successivoAnthony Hopkins, ‘Loewe boy’ a 84 anni