Home Salute Quanto tempo ci vuole per la comparsa dei sintomi covid?

Quanto tempo ci vuole per la comparsa dei sintomi covid?

99
0

La situazione sanitaria continua a migliorare con il passare dei giorni e alcune restrizioni volte a prevenire la diffusione del coronavirus iniziano ad alzarsi per tornare gradualmente alla normalità.

Così, nelle ultime settimane abbiamo potuto apprendere che sono venute meno alcune delle misure che ci hanno accompagnato durante i mesi più duri della pandemia, come il limite di capienza agli eventi sportivi o l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto.

Nonostante la situazione di miglioramento generale, le infezioni continuano a verificarsi ogni giorno (la maggior parte delle quali lievi), quindi è importante saperlo quanto tempo ci vuole per la comparsa dei sintomi covid per poter effettuare puntualmente i test diagnostici e contribuire a spezzare la catena di trasmissione del virus.

tempo di incubazione

Tieni presente che i sintomi del coronavirus di solito non compaiono immediatamente dopo che il virus è entrato nel nostro corpo, ma potrebbero essere necessari alcuni giorni per manifestarsi dal contatto con la persona infetta. Il ministero della Salute indica nell’ultimo rapporto sui parametri epidemiologici che il il periodo medio di incubazione per covid-19 è di 5,1 giorni.

Vedi anche:  Calano i ricoveri in Catalogna, nonostante i contagi continuino a salire alle stelle

Va notato che il tempo di incubazione può variare a seconda della persona colpita e di alcuni fattori come la carica virale o lo stato di salute del paziente. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CENTRO PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DELLE MALATTIEper il suo acronimo in inglese) fornisce una linea guida più ampia e segnala che i sintomi possono richiedere da 2 a 14 giorni dall’esposizione al virus.

La variante omicron riduce le scadenze

Proprio come ómicron ha leggermente modificato i sintomi delle varianti precedenti, anche il suo periodo di incubazione è diverso dalle altre mutazioni conosciute. Secondo diversi studi (il più profondo dei quali, sviluppato in Norvegia), ómicron è la variante del coronavirus con il periodo di incubazione più breve.

Pertanto, si stima che i sintomi in questi casi impieghino circa tre giorni per manifestarsi dal momento dell’infezione.

Vedi anche:  Le persone colpite dicono abbastanza: "Non lasciate che vi dicano che le mestruazioni dolorose sono normali"

Articolo precedenteIl Mobile World Congress si chiude con oltre 60.000 partecipanti
Articolo successivoI mutualistici dedicano più di mezzo milione di denaro pubblico agli investigatori per seguire i dipendenti malati