Home Economia Quanto appetito ci sarà per bitcoin se i tassi continueranno a salire?...

Quanto appetito ci sarà per bitcoin se i tassi continueranno a salire? Torna a 30.000

117
0

Il bitcoin è stato racchiuso in un range compreso tra i minimi di lunedì di 30.000$ e 32.000$, nel chiaro tentativo di consolidare il recente drain subito dall’asset digitale per eccellenza e dal mercato delle criptovalute nel suo insieme, che ha visto evaporare 400.000 milioni di dollari in cinque giorni. Nell’ultimo mese, tra i timori di una Federal Reserve (Fed) implacabile con rialzi dei tassi di interesse, le criptovalute hanno visto volare 800 miliardi di dollarida $ 2,2 trilioni di inizio aprile a $ 1,4 trilioni di valore totale di tutti i token digitali, secondo i dati di CoinMarketCap.

Si stanno creando l’aumento del prezzo di prestito del dollaro e l’abbandono di attività rischiose da parte degli investitori condizioni molto scomode per le criptovalute, che non hanno mai dovuto affrontare queste circostanze prima. “Quanto appetito ci sarà per strumenti come bitcoin se i tassi continueranno a salire?”, chiede Craig Erlam, analista di Oanda. “Va benissimo funzionare bene in un mondo di denaro a buon mercato apparentemente illimitato, ma la nuova realtà sarà molto più impegnativa”, afferma. “Un breakout di $ 30.000 potrebbe significare molto più dolore per bitcoin”, afferma l’esperto.

“Qualsiasi violazione di questo livello di prezzo potrebbe innescare una nuova ondata di vendite”, afferma Naeem Aslam, analista di Avatrade. Il prossimo supporto è a $ 25.000, mentre alcuni analisti affermano che la correzione potrebbe portare bitcoin a 22.000 dollari. Tuttavia, il livello di $ 30.000 è un punto di controllo di vitale importanza, poiché alcune balene sul mercato sono entrate a quel livello di prezzo all’inizio del 2021, guidate da Tesla e dal suo acquisto da $ 1,5 miliardi di Tesla, la criptovaluta, quindi si prevede che reggerà fortemente.

Vedi anche:  Il rischio di recessione negli USA nella prima metà del 2023 sfiora il 50%

D’altra parte, l’analisi dei movimenti della block chain, la cosiddetta analisi ‘on-chain’, rende evidente che gli investitori di lungo termine, i cosiddetti ‘HODlers’, non vendono e mantengono le loro posizioniil che fa sperare che la correzione abbia toccato il fondo.

In aggiunta a quanto sopra, il i trader di criptovaluta sono nervosi all’idea di ancorare il dollaro terrestre (UST) al dollaro, che è sceso sotto $ 0,70 all’inizio di questa settimana e continua a crollare in modalità apocalisse a $ 0,35. “Fondamentalmente, le stablecoin, che dovrebbero essere completamente supportate da una uguale quantità di fiat, sono tornate sotto i riflettori e i trader stanno ancora mostrando la loro ansia al riguardo”, spiega Aslam.

Terra, tramite la Luna Foundation Guard -che ha il compito di supportare l’UST-, ha acquistato bitcoin negli ultimi mesi, alzando le sue partecipazioni ben al di sopra di quelle di Tesla, poiché aveva accumulato 3.000 milioni di dollari nelle criptovalute. Il mercato ci crede avrebbe potuto vendere una grande quantità delle sue riserve per salvare l’ancoraggio della stablecoin al dollaro Stati Uniti, circa 1.500 milioni di dollari. “Ricorda, questa non è la prima volta che vediamo stablecoin perdere il loro valore rispetto al dollaro a un tasso di cambio 1:1, quindi nel complesso, se Terra può dimostrare di poter contenere il recente pullback, rafforzerebbe solo il mercato delle stablecoin .valuta stabile”, afferma Aslam.

Vedi anche:  Vendite eccezionali a Wall Street con focus sui rendimenti obbligazionari

YELLEN CHIEDE LA REGOLAMENTAZIONE DELLE STABLECOIN

Tutto questo caos ha riportato l’attenzione sul segmento di mercato cosiddetto ‘stablecoin’. La Fed ha messo in guardia sui propri rischi in numerose occasioni e, questo martedì, il segretario al Tesoro americano, Janet Yellen, ha chiesto promuovere una regolamentazione di questi token durante la sua apparizione annuale davanti alla commissione bancaria del Senato.

“Nuovi prodotti e tecnologie possono presentare opportunità per promuovere l’innovazione e aumentare l’efficienza”, ha affermato Yellen. “Tuttavia, le risorse digitali possono presentare rischi per il sistema finanziario e è necessaria un’attenzione normativa più coordinata“.

Rispondendo alle domande del senatore Pat Toomey e della senatrice Catherine Cortez Masto, Yellen ha affermato che sarebbe “molto appropriato” che la regolamentazione delle stablecoin avvenga entro la fine del 2022 perché ci sono “molti rischi associati alle criptovalute”.

Articolo precedente“La mia vita è la libertà vigilata”
Articolo successivoCiti ribadisce il proprio impegno nei confronti di Endesa: “Valore difensivo a prezzi ragionevoli”