Home Salute Qual è il tempo di incubazione per la variante XE di covid?

Qual è il tempo di incubazione per la variante XE di covid?

189
0

Secondo gli esperti, ogni 11 giorni emerge una nuova variante del covid-19, la maggior parte senza una maggiore incidenza in termini di salute pubblica rispetto ai loro predecessori. Ciò potrebbe cambiare con l’arrivo del sottovariante XE, risultante dal combinazione della variante originale di ómicron e della sottovariante dominante omicron furtivo o silenzioso. È ciò che viene estratto dal primi risultati di uno studio fatto dal Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA)), in quale monitorato 600 casi dei pazienti affetti dalla sottovariante XE.

La sottovariante XE non è ancora massiccia, ma ha già dimostrato di essere potenzialmente più contagiosa: a 10% in più trasmissibile rispetto a quello di altre recenti varianti, come indicato dall’art OMS.

Il tempo di incubazione della variante XE

Il sintomoche gli esperti sottolineano essere indicativi ma non determinanti per stabilire una diagnosi, sono i seguenti: affaticamento, mal di gola, mal di testa, dolori muscolari, naso che cola, starnuti, mal di schiena, sudorazione notturna, nausea, tosse, febbre e leggera perdita del gusto e dell’olfatto. La conclusione è che, in generale, sono sintomi simili a quelli che sono stati registrati dai pazienti con variante originale di omicron (BA.1) e la sottovariante dominante BA.2 (omicron silenzioso).

Vedi anche:  "Tutto è iniziato con una perdita dell'olfatto"

Nello stesso modo, il periodo di incubazione non è stato riportato essere diverso da quello delle varianti omicron e omicron silenziose, da cui è emerso l’XE, quindi continuerebbero ad essere circa tre giorni. Pertanto, un periodo di incubazione più breve rispetto a quello della variante Delta, stabilito tra i cinque ei sei giorni. che sono apparsi come il Delta di tutti quelli che sono emersi durante la pandemia.

Articolo precedenteCos’è la scarlattina, quali sono i suoi sintomi e come si diffonde?
Articolo successivoIl miglior igienizzante per la toilette che serve anche per cucinare