Home Sport Pronostici audaci Champions League: Juventus in semifinale; Riyad Mahrez recita mentre...

Pronostici audaci Champions League: Juventus in semifinale; Riyad Mahrez recita mentre il Manchester City vince tutto

95
0

La Champions League è tornata su CBS e Paramount+ e ora è il momento di dare il via al dramma. Ecco tre trame che terrò d’occhio durante le prossime settimane mentre la concorrenza si avvicina alla fine degli affari:

La Juventus fa una corsa profonda

È il grande cliché del sorteggio a eliminazione diretta di Champions League che i pareggi gettati in una luce a dicembre possono sembrare notevolmente diversi pochi mesi dopo. Ciò non è del tutto vero per lo scontro della Juventus con il Villarreal, che sembrava essere una battaglia serrata alla fine del 2021 ed è altrettanto complicato da prevedere pochi mesi dopo. Ciò che è cambiato è il modo in cui il vincitore di quella partita degli ottavi di finale sarebbe stato visto da coloro che li circondavano.

Era giusto chiedersi se Il Submarino Amarillo potrebbe entrare in queste partite con un nuovo allenatore, anche dopo che Unai Emery aveva rifiutato il Newcastle, tali erano le difficoltà della sua squadra. Ora hanno appena tenuto il Real Madrid a reti inviolate e sono saldamente nel mix per un posto tra i primi quattro nella Liga.

Nel frattempo, la Juventus è saldamente in gioco per la qualificazione alla Champions League la prossima stagione, qualcosa che sembrava uno scenario estremamente improbabile alla fine dell’anno scorso, almeno senza che loro vincessero effettivamente il torneo. Gli uomini di Massimiliano Allegri hanno perso una sola partita – la Supercoppa contro l’Inter – dalla doppietta inflitta loro da Chelsea e Atalanta a fine novembre e hanno scalato costantemente la classifica di Serie A. Sembrano una squadra notevolmente diversa da quella che stava faticando contro Sassuolo e Venezia, probabilmente non abbastanza per vincere il premio più grande d’Europa ma sicuramente abbastanza pericolosa da essere presa sul serio.

Al centro della loro rinascita c’è stata una difesa che sembra molto più Juventus della caotica retroguardia che ha iniziato la campagna. In coppia con Giorgio Chiellini o Leonardo Bonucci, Matthijs de Ligt sembra la giovane superstar difensiva ricercata da tutta l’Europa prima di scegliere Torino. Dietro il nazionale olandese Wojciech Szczesny sembra almeno un titolare utile dopo le sue urla di inizio stagione; da quella sconfitta contro l’Atalanta, il suo tasso di parata è aumentato di 10 punti percentuali all’81% con appena sei gol subiti in 11 partite di campionato ed europee. Ha ancora il potenziale per deviare drasticamente fuori dal copione – vedere un cartellino rosso vicino al sorteggio di domenica con La Dea — ma almeno stanno accadendo più raramente.

Desideri una copertura ancora maggiore del gioco mondiale? Ascolta sotto e segui ¡Qué Golazo! Un podcast di calcio quotidiano della CBS dove ti portiamo oltre il campo e in giro per il mondo per commenti, anteprime, riepiloghi e altro ancora.

Forse questo si spiega con una difesa che sembra essere molto più abile nel tenere la palla lontana dalla porta di Szczesny. Nelle 19 partite precedenti la sconfitta dell’Atalanta gli avversari hanno segnato una media di 11,8 tiri a partita, di cui 3,3 in porta e 1,1 gol previsti (xG). Quei numeri non sono certo disastrosi ma questa è la Juventus, dove l’eccellenza è il minimo indispensabile. Ora quei numeri stanno strisciando verso il basso, in particolare un avversario xG che è stato solo 0,8 a partita dal 28 novembre.

Questo potrebbe non essere il lato stellato degli anni passati, ma sembra che potrebbe essere efficace, caratterizzato da un centrocampo con pochi preziosi Pogbas e Pirlos ma molte parti mutevoli che possono consentire ad Allegri di adattare il suo approccio al suo avversario. In cima c’è un comprovato vincitore della partita in Paulo Dybala, magnificamente incisivo quando il Chelsea è stato battuto nella fase a gironi, e un prodotto intrigante sconosciuto ai massimi livelli. Se lo è Dusan Vlahovic esso — cosa che non dovrebbe essere data per scontata quando gran parte del suo catalogo di gol è arrivato contro i pesciolini di Serie A o dal dischetto — allora questa squadra ha molti degli ingredienti necessari per il successo in Champions League.

Dopotutto, una difesa robusta e un po’ di tagliente dall’altra parte sono stati tra gli ingredienti primari del Chelsea che ha vinto l’intera stagione la scorsa stagione. Che guarda oltre la Juventus, il cui centrocampo è più funzionale di N’Golo Kante, ma la loro formula potrebbe portarla in semifinale.

Vedi anche:  Il Liverpool raggiunge la finale di Champions League nel modo più duro, sopravvive allo spavento iniziale al Villarreal per vincere la gara di ritorno

Riyad Mahrez ottiene l’attenzione che merita

Per un giocatore che ha segnato tre dei quattro gol che hanno portato il Manchester City alla finale di Champions League, è stato curioso vedere come poche lodi siano state inghirlandate dal grande pubblico la scorsa stagione a Riyad Mahrez. Lo stesso è stato vero quest’anno, dove ha già stabilito un nuovo record personale di gol in una campagna del City ed è arrivato a una partita migliore contro il Norwich dall’eguagliare il record di Sergio Aguero di partite consecutive di gol per il club.

Forse non aiuta la sua causa il fatto che la sua carriera lo abbia portato dal giocatore preferito del neutrale nel club preferito del neutrale (Leicester City) a un altro costoso ingranaggio della macchina di Pep Guardiola. Giocare per una squadra con una manciata di avversari seri significa che pochi dei suoi 16 gol in tutte le competizioni in questa stagione sembrano davvero significativi. Certamente, il rifiuto del suo manager di parlare con lui non fa alcun favore a Mahrez.

Prima della vittoria di sabato sul Norwich, Guardiola è stato invitato a dire che questa era la migliore versione di Mahrez che avesse mai gestito. Non proprio. “No, la scorsa stagione è stato il momento migliore in cui ho trovato Riyad”, ha detto il boss del City. “Può fare di meglio in questa stagione per trovare il livello degli ultimi quattro, cinque, sei mesi della scorsa stagione. Può farlo.

“La qualità delle sue rifiniture, la personalità in area, quando è vicino, la sua tecnica, le gambe non sono forti, ma i suoi piedi sono la sua tecnica e qualità”. Quella tecnica potrebbe essere proprio ciò che lo rende il candidato più convincente da offrire nei momenti di frizione per il City, proprio come ha fatto contro il PSG la scorsa stagione. Di certo è per questo che gli viene affidato più di tutti per prendere i rigori per i campioni d’Inghilterra, il punto debole del loro attacco devastante.

Mahrez offre sicuramente in questa competizione. Sembra sapere come scegliere i suoi momenti. I suoi tiri ogni 90 minuti cadono leggermente sulla scena europea, ma ciò è compensato da una notevole ripresa nel suo xG senza rigore da 0,29 a 0,38. Allo stesso modo i suoi assist, sia previsti che effettivi, fanno un passo avanti quando la musica della Champions League gli risuona nelle orecchie. A sette anni dalla partenza della Ligue 2, Mahrez è tra i giocatori di cui ti puoi fidare di più per fare una partita importante tra i favoriti del City. Forse questo sarà l’anno che si farà notare.

Ajax e Antony brillano brillantemente e brevemente

Ecco che arriva, il momento che stavamo aspettando da tutta la stagione. L’Ajax agli ottavi di finale, pronto a prendere d’assalto i cancelli dell’élite ricca di soldi del calcio europeo, uccidendo lo strano Golia e attirando l’attenzione di un pubblico globale ancora più grande, il tipo che ha ignorato il Gruppo C a causa dell’assenza di super squadre affermate. Avrebbero fatto meglio a goderselo finché dura. Così come la notte segue il giorno, così fanno le superpotenze europee che spogliano gli sfavoriti per parti seguono un’impressionante corsa nelle ultime fasi da parte di un lato sconosciuto.

Puoi già vederlo accadere. Il terzino destro Noussair Mazraoui ha detto che c’è solo una possibilità del “cinque percento” che firmerà un’estensione di un contratto che scadrà alla fine della stagione. Il portiere di riserva Andre Onana, che sarebbe stato titolare se un anno fa non fosse stato squalificato per doping di nove mesi, dovrebbe unirsi all’Inter come free agent in estate. Nicolas Tagliafico voleva passare in prestito al Barcellona il mese scorso, mentre l’eccellente giovane difensore centrale Jurrien Timber è stato legato al Manchester City. Sebastien Haller potrebbe sopportare le cicatrici di 18 mesi nella zona fantasma dell’attaccante del West Ham, ma ha 10 gol in sei partite di Champions League, qualcuno potrebbe benissimo prendergli un volantino.

Il fiore all’occhiello potrebbe essere proprio Antony, ed è difficile vedere come l’Ajax mantenga il controllo del 21enne che eccelleva così tanto nella fase a gironi. Per 90 minuti la sua combinazione di xG e xA, secondo i dati Opta, era un vistoso 0,91. Il suo effettivo ritorno è stato ancora migliore, con una media di una mano diretta in un gol ogni 74 minuti. Contro avversari di alta qualità ha messo insieme una serie di prestazioni che lo collocano insieme a Bruno Fernandes, Jack Grealish e Kingsley Coman tra i migliori creatori della competizione finora.

Vedi anche:  Scelte d'angolo: le migliori scommesse della Champions League per Liverpool contro Inter, Bayern Monaco contro Salisburgo e altro ancora

In una serie di statistiche creative – grandi occasioni create, sfide, passaggi nell’ultimo terzo, assist – si è classificato nell’85° percentile di giocatori che hanno giocato più di 200 minuti della fase a gironi, spesso più vicino al 95°. Ciò che ha fatto risaltare Antony è che poi ha fatto lo stesso con i suoi numeri di tiro: tiri in porta a gioco aperto, goal aggiunti (una statistica che considera le prestazioni rispetto ai goal previsti), goal effettivi. Il Liverpool conosce attaccanti larghi che possono creare e segnare a volume. Il fatto che abbiano seguito il giovane di San Paolo anche prima che si trasferisse in Eredivisie è un’evidente conferma delle sue qualità.

Avrà sicuramente la piattaforma per mostrarli. Come può attestare il Barcellona, ​​il Benfica non è un’eliminazione facile, ma l’Ajax è fortemente favorito per raggiungere i quarti di finale per un motivo. Lì probabilmente otterranno il mega club che finora gli è sfuggito in questa stagione; se è quella giusta non c’è motivo per cui la squadra scaltra, preparata e fantasiosa di Erik ten Hag non possa vantare un’altra sorpresa come Real Madrid e Juventus tre anni fa. Se è così, aspettati ancora più club pronti a prendere chiunque possono da questa super squadra, a cominciare dal brillante giovane brasiliano sulla fascia destra.

Pronostico bonus: il Manchester City vince tutto

Lo sto nascondendo dalle principali previsioni in grassetto perché potrei raddoppiare il carattere, premere Ctrl + B e scriverlo tutto in maiuscolo e non sarebbe comunque molto audace. Ma cosa vuoi che dica? Questa squadra è la migliore d’Europa, quella che ha vinto tutte tranne una delle partite dalla fine della fase a gironi e che ha ogni tipo di arma d’attacco necessaria per spazzare via la concorrenza. Ci sono solo altre due squadre che si potrebbe realisticamente dire di essere nella stessa fascia in cui si trovano. Il Bayern Monaco, tuttavia, sembra più vulnerabile agli infortuni a centrocampo, mentre il Liverpool ha vincitori di partite ovunque tranne Mohamed Salah e Virgil van Dijk.

Uno potrebbe sostengono che Ruben Dias occupa un posto simile nei piani del City, ma a parte il difensore centrale portoghese, c’è qualcuno nella loro lista di giocatori senza i quali non potrebbero farcela? Dopotutto, hanno affrontato perfettamente senza Kevin De Bruyne nella maggior parte delle partite prima di Natale.

C’è ora una sensazione di invincibilità intorno al City, quella articolata da Guardiola in vista degli ottavi di finale con lo Sporting: “L’armonia in questo momento è eccezionale. Grazie ai capitani ea molte ragioni. È eccezionale.

“Ci conosciamo bene. Sono passate sei stagioni, ci conosciamo perfettamente. Accettiamo le cose belle, le cose cattive, per combattere e farne parte”.

Ovviamente essere la migliore squadra d’Europa non garantisce che finirai la stagione da campioni. Spesso sembra più che ti precluda tale eventualità. Ma quando una squadra è così brava, scegliere un altro vincitore della Champions League, specialmente uno diverso da Liverpool e Bayern, non è audace. Probabilmente ti sta solo preparando per una caduta.

Pronostico bonus extra: Sebastian Haller vince la scarpa d’oro

“Posso convincerti ad aggiungere una previsione dello stivale d’oro nelle tue previsioni bonus?” chiede l’editore. Vedo cosa sta facendo qui, incassando la miniera d’oro SEO che è la scarpa d’oro della Champions League. Ora tutte le persone in più potranno dirmi quanto mi sbagliavo a pensare che la Juventus potesse ricavare qualcosa dalla sua stagione. Questo piccolo angolo tranquillo di Internet sarà traboccante di fan di Cristiano Ronaldo e Lionel Messi che ansimaranno per le munizioni nella loro guerra senza fine tra loro. Bene.

Ad ogni modo, ricordi cosa ti dicevo prima su Antony che ha fatto tutte quelle possibilità? Indovina chi c’è alla fine di loro… e il volume ancora più alto creato da Dusan Tadic sul fianco opposto. Dal flop del West Ham al campione d’Europa, Haller aggiungerà più gol al suo bottino, forse abbastanza per tenere a bada Lewandowski.

Programma di trasmissione dell’UCL

Articolo precedenteInter vs Liverpool: live streaming Champions League, canale TV, come guardare online, notizie, quote
Articolo successivoUEFA Champions League: check da superstar di metà stagione del PSG, chi sono i successi e chi potrebbe finire con un flop?