Home Economia Perché bitcoin sta frenando il suo rally nonostante il celebre ordine di...

Perché bitcoin sta frenando il suo rally nonostante il celebre ordine di Biden su criptovalute e dollaro digitale?

56
0

Giovedì il bitcoin torna in calo, dopo il rally di mercoledì che ha portato la regina degli asset digitali a un massimo di quasi 42.500$. Anche il resto del mercato ha seguito le orme delle valute elettroniche più scambiate e grandi guadagni sono stati visti per alcuni gettoni come terra o valanga, ma oggi si tingono di rosso e ne rimane una media del 5% (il bitcoin perde quasi il 7%). Anche Ethereum, che ha raggiunto massimi di circa $ 2.800, corregge e la capitalizzazione totale si attesta a $ 1,75 trilioni.

La follia degli acquisti è stata sollevata dal mercato dopo aver appreso dei piani del presidente degli Stati Uniti Joe Biden sull’industria delle criptovalute. La casa Bianca emanato e firmato un ordine esecutivo con il quale ha commissionato a varie agenzie governative un approccio olistico che aiuta il governo della principale potenza mondiale a ordinare lo spazio crittografico. I partecipanti al mercato avevano previsto una posizione aggressiva e censura di Biden nei confronti del mercato, tuttavia, l’approccio è costruttivo e supporta sia bitcoin che un dollaro digitaleindicare gli esperti.

Vedi anche:  Acciona, in assoluto libero aumento, 'mostra la testa' al di sopra del canale rialzista

Il bitcoin è salito fino all’11% mercoledì in mezzo all’ottimismo sulla traiettoria della regolamentazione statunitense degli asset digitali. Questi guadagni si sono rivelati di breve durata poiché i trader hanno digerito la notizia, con il token scambiato vicino alla metà dell’intervallo in cui ha trascorso la maggior parte degli ultimi due mesi.

Il I futures S&P 500 e Nasdaq 100 sono diventati negativi più o meno nello stesso periodo del prezzo del bitcoin. La criptovaluta è stata relativamente correlata alle azioni statunitensi dall’inizio della pandemia di Covid-19, aumentando questo accoppiamento dalla scorsa estate.

“Dopo essersi riallineato con asset rischiosi, bitcoin sta cavalcando l’onda del rischio, in vero stile cripto”, afferma l’analista di Oanda Craig Erlam. L’ottimismo visto nei mercati mercoledì, in azioni, petrolio e metalli “sembra fragile, quindi mentre i trader di criptovalute potrebbero guardare con entusiasmo a $ 45.500 e chiedersi “cosa accadrebbe se”, siamo a un titolo dal fatto che questi guadagni vengano spazzati via rapidamente“, avverte l’esperto, il quale ricorda che “è così da settimane”.

Vedi anche:  La Cina sarà il principale catalizzatore positivo per ottenere il "salvataggio" dei mercati azionari europei?

Dal punto di vista dell’analisi tecnica, invece, il prezzo non è riuscito a mantenersi sopra i 40.000$ e, infatti, è stato rifiutato nell’area $ 42.500 – $ 42.700dove puoi vedere una resistenza sui grafici settimanali.

Per quanto riguarda il brevissimo termine, “abbiamo il prezzo del bitcoin nella zona di nessuno, un po’ lontano dal supporto e dalla resistenza chiave. C’è un supporto significativo sulla linea ascendente che unisce ciascuno dei successivi minimi crescenti dalla scorsa estate”, commenta José María Rodríguez, analista di Bolsamanía. “Per non parlare dei minimi di gennaio (32.855) e di febbraio (34.295). E sopra abbiamo gli ultimi massimi decrescenti con particolare rilevanza nei massimi di febbraio (45.905), aggiunge.

“C’è ancora tanto materiale da tagliare, ma non c’è dubbio che sopra i 46.000$ con facilità avremo un importante segnale di forza nel re delle criptovalute. Senza dubbio sarebbe un prima e un dopo. Allo stesso modo che la perforazione dei minimi di gennaio sarebbe una nuova brocca di acqua fredda”, conclude l’analista.

Articolo precedenteBarclays si bagna e scommette sulle borse: “Il rapporto rischio-rendimento convince”
Articolo successivoLa volatilità continua a regnare: lo Stambecco e l’Europa tornano in rosso dopo la follia di ieri