Home Salute Oriol Mitjà avverte: il 30% della popolazione potrebbe essere infettato da ómicron...

Oriol Mitjà avverte: il 30% della popolazione potrebbe essere infettato da ómicron nelle prossime settimane

31
0

l’epidemiologo Oriol Mitja lo avverte 30% della popolazione potrei essere infettato nelle prossime settimane di variante omicron di covid. In un thread di Twitter basato sulle ultime evidenze scientifiche, il medico ha sottolineato che la probabilità che l’incidenza aumenti è “alta”.

Mitjà ha spiegato che ómicron è una variante”con perdita di vaccino con il potenziale di infettare fino al 60-70% della popolazione”. Tuttavia, si tiene conto che circa il 30% era già stato contagiato a Natale e che un altro 30% in più si libererà del contagio.

Il restante 30% è quello che ora potrebbe essere infettato, ed è “colui che si preoccupa”, poiché tale percentuale sarebbe composta da persone vulnerabili che non sono stati contagiati dal covid e non l’hanno ottenuto immunità naturale che è essenziale nel caso di omicron; poiché i vaccini sono inefficaci con esso.

“L’infezione naturale da Ómicron è ciò che protegge meglio dalla reinfezione da Ómicron. Il Persone con più di 60 anni hanno avuto molte meno infezioni naturali rispetto a bambini e giovani. Le persone anziane potrebbero averlo più rischio“, ha sottolineato l’epidemiologo.

Vedi anche:  La virologa Margarita del Val, dopo la rimozione delle mascherine: "Ora la cosa più importante è la ventilazione"

A questo possibile aumento dei contagi da covid bisogna aggiungere il attuale assenza di misure di controlloDal momento che il maschera non è più obbligatorio nella maggior parte degli spazi e non vengono applicate nemmeno altre restrizioni come i confinamenti. Per questo Mitjà chiede “un po’ prudenza le prossime tre settimane”.

casi non rilevati

L’epidemiologo ha spiegato che l’attuale incidenza di covid a 14 giorni nelle persone di età superiore ai 60 anni è 700 e che 25% dei test che vengono eseguiti stanno dando risultati positivo. Ciò significa che l’incidenza effettiva è da tre a quattro volte superiore di quella che abbiamo rilevato”, ha ricordato.

Mitjà ha anche sottolineato l’importanza di ripetere il test dell’antigene in caso di esito negativo: “Attualmente, il sintomo inizia prima che il test sia positivo” ha detto, e ha anche sottolineato: “Mentre scende l’influenza, sale il Covid, ma ci sono tanti contagi che non stiamo rilevando”.

Vedi anche:  Cosa significa che la linea T di un test dell'antigene è molto sbiadita?

Articolo precedenteCon questo cespuglio puoi profumare la tua casa in modo naturale
Articolo successivoLa sanità privata chiede che i loro medici possano prescrivere l’antivirale di Pfizer contro il covid