Home Sport Note di calcio: l’ex Barcellona Prez dice che Mbappe ha “firmato” per...

Note di calcio: l’ex Barcellona Prez dice che Mbappe ha “firmato” per il Real Madrid, Troyes prende l’americano, altro

93
0

La finestra di trasferimento è ora chiusa fino all’estate, ma ciò non fermerà le speculazioni sul futuro di Kylian Mbappé e un potenziale trasferimento dal Paris Saint-Germain al Real Madrid. Altrove, una speranza dell’USMNT ha reso permanente un trasferimento in prestito, il Borussia Monchengladbach ha detto addio al suo direttore sportivo e Steve Bruce è tornato in gioco nel secondo livello dell’Inghilterra.

Questo e altro proprio qui.

Gaspart rivendica l’accordo Mbappé-Real

Secondo l’ex presidente del Barcellona Joan Gaspart, la superstar francese ha già “firmato” per il Real dal PSG e ha raccontato Marca di questa “esclusiva” quando ha detto: “Vi do lo scoop. Kylian ha già firmato per il Real. Ne sono sicuro. Conosco (presidente Real) Florentino (Perez) e ne sono certo”.

Perchè importa: Il futuro di Mbappe è stato oggetto di intense speculazioni e questo non servirà a spegnere quelle fiamme mentre ci avviciniamo all’incontro del PSG con il Real quando riprenderà la UEFA Champions League (su Paramount+ e CBS). Bild hanno già avuto le loro affermazioni lungo linee simili respinte dall’entourage del 23enne, quindi è improbabile che questa sia l’ultima volta che abbiamo sentito parlare di queste voci.

Troyes acquisisce Palmer-Brown

La squadra della Ligue 1 di proprietà del City Football Group si è trasferita per ingaggiare permanentemente il 24enne americano Erik Palmer-Brown dopo un periodo iniziale in prestito. Palmer-Brown era uno dei due soli candidati di proprietà del CFG rimasti nella rosa di Bruno Irles alla fine di gennaio.

Perchè importa: Dopo aver rimbalzato in vari club europei dal suo trasferimento dallo Sporting Kansas City, l’uomo di Napoleon, Ohio, ha finalmente un posto che può chiamare casa allo Stade de l’Aube. Come l’esperienza stop-start di Philippe Sandler come parte della pipeline di talenti del CFG prima di entrare nel Feyenoord, questo dovrebbe aumentare le speranze di Palmer-Brown nell’USMNT a lungo termine poiché finalmente ottiene la stabilità di cui ha bisogno per sviluppare.

Vedi anche:  Christian Eriksen torna in Premier League con il Brentford che ha firmato meno di un anno dopo il crollo dell'Euro

Eberl di Gladbach si fa da parte

La squadra della Bundesliga al momento è in tilt e ora deve affrontare il futuro senza il loro emblematico direttore sportivo che ha annunciato che si dimetterà con effetto immediato: “Questa è di gran lunga la conferenza stampa più difficile che ho dovuto tenere ai miei tempi come direttore sportivo del Borussia”, ha detto l’ex giocatore. “Sono esausto. Sono stanco. Non ho più le energie per continuare a ricoprire questo ruolo nel modo che il club merita.

“Dopo 23 anni, sto richiamando il tempo su quella che è diventata la mia vita. Il mio lavoro qui è sempre stato una gioia, ma ci sono cose dentro e intorno al lavoro che non sono più divertenti. Ho prolungato il mio contratto 13 mesi fa e non l’avrei mai fatto pensavo che sarei stato seduto qui oggi. Sono una persona che mette il 100% in tutto ciò che faccio. L’ho fatto per 13 anni come direttore sportivo”.

Perchè importa: Non solo Eberl è stato uno dei più longevi nel suo campo in Germania, è anche considerato uno dei migliori dopo aver giocato un ruolo significativo nel trasformare il Gladbach in un trampolino di lancio per una serie di grandi talenti europei, oltre a stabilirli come un presenza costante in Bundesliga in un momento in cui molti nomi tradizionali come Hamburger SV, Schalke 04 e Werder Brema sono passati tutti al secondo livello.

Bruce torna con Baggies

Il West Bromwich Albion ha nominato il 61enne sostituto di Valerien Ismael, che ha lasciato dopo una vittoria in sette partite. Bruce ha lasciato Newcastle in ottobre subito dopo la loro acquisizione saudita e l’ex boss dell’Aston Villa, Birmingham City, Sunderland e Hull City ha preso il posto degli Hawthorns con i Baggies al sesto posto.

Vedi anche:  Pronostici Champions League, quote: Manchester City-Atletico Madrid, esperti divisi su Chelsea-Real Madrid

“Sono lieto di avere l’opportunità di gestire un club che ha una storia e una tradizione così grandi”, ha detto Bruce. “Ovviamente è un club che conosco bene dai miei anni nelle Midlands, e sto già assaporando la sfida di portarlo avanti. Non pensavo di tornare alla dirigenza così rapidamente, ma una volta che ho ricevuto la telefonata di Ron, Sapevo di non poter resistere alla sfida di riportare questo club dove voleva essere. Arrivo con un obiettivo: portare l’Albion in Premier League”.

Perchè importa: Non solo Bruce è uno specialista in promozione e sopravvivenza, ma è anche una specie di esperto regionale delle West Midlands dopo i suoi incantesimi Villa and Blues, il che fa ben sperare per una squadra del West Brom che cerca di cambiare la propria forma vacillante per tornare alla contesa automatica per la promozione .

La comunità italiana piange Zamparini

L’ex presidente palermitano è morto all’età di 80 anni questa settimana e, nonostante fosse noto per essere un allenatore felice e spesso impulsivo, ha presieduto momenti importanti sia per i Rosanero che per il Venezia per scrivere se stesso nel folklore del Calcio.

“La famiglia del Palermo è unita nel dolore per la scomparsa di Zamparini”, si legge in un comunicato del club. “Il presidente più decorato della storia rosanero, che è sempre nel cuore di ogni tifoso”.

Zamparini ha portato il Palermo in Serie A dopo 31 anni di assenza, lo ha visto raggiungere una finale di Coppa Italia e affrontare diverse avventure europee tra il 2002-18. Ha anche guidato il Venezia dal quarto livello alla massima serie nel 1997, mentre era anche noto per aver portato alla luce gemme come Edinson Cavani, Paulo Dybala e Andrea Barzagli che hanno continuato a godere di carriere decorate.

Articolo precedenteLa Spagna ha consumato 50 milioni di antidepressivi l’anno scorso
Articolo successivoGli scambi di Wall Street sono contrastanti tra la follia tecnologica