Home Moda e bellezza Non sai cosa portare a mangiare in spiaggia? Dai un’occhiata a...

Non sai cosa portare a mangiare in spiaggia? Dai un’occhiata a queste ricette e non preoccuparti

144
0

Per gli amanti della spiaggia, trascorrere la giornata vicino al mare è una benedizione. Tuttavia, non è sempre facile trovarlo il menu perfetto poter mangiare nel sabbia. Ecco perché molti utenti scelgono di mangiare direttamente i bar sulla spiaggia ed evitare problemi di comfort.

Che sì, per chi vuole mangiare sotto l’ombrellone ci sono dei piatti che sono l’ideale per portarli in un piccolo frigorifero e gustarli con la spugna senza bisogno di spendere soldi. Alimenti facile da trasportaresenza molto tempo di preparazione e che illuminano la giornata a qualsiasi nuotatore.

Pertanto, ne proponiamo cinque ricette da gustare in una giornata al mare:

Il insalate Lo sono sempre scelte sagge per lui estatepoiché si possono mangiare senza riscaldarlisono facile da trasportare in un contenitore e sono solitamente Pasti leggeri sentirsi bene prima di fare una nuotata in spiaggia.

Nello specifico, il insalata di riso Può essere l’opzione perfetta per questi casi, poiché combina le proteine ​​del riso con il sapore delle diverse verdure. Gli ingredienti sono molto vari a seconda della ricetta, anche se per questa occasione consigliamo quanto segue: riso, pomodoro, tonno, bastoncini di granchio e peperoni arrostiti.

I passaggi sono molto semplici: cuocere il riso, farlo raffreddare e unire il resto degli ingredienti in modo che prenda sapore. Un piatto ideale per la spiaggia e anche da portare al lavoro.

Vedi anche:  Come pulire la tappezzeria dell'auto?

Il frittata è un classico dei menù da spiaggia. Può mangiare freddo Y indossare comodamente in un piccolo frigorifero, oltre che si presta ad abbinamenti con altre pietanze. Al di là dell’eterno dibattito su se avere la cipolla o noè un’opzione semplice che può essere molto valida purché vengano seguiti i passaggi appropriati.

Per questa lista opteremo per la ricetta dello chef Rafuel, per la quale sono necessari solo cinque ingredienti: uova, patate, sale, cipolla e olio d’oliva.

Come la tortilla, l’empanada è un’opzione che si adatta perfettamente alla spiaggia e alle temperature estive. La chiave, in questo caso, è ottenere il riempimento giusto. Un’ottima scelta è optare per un ripieno tonno, salsa di pomodoro, cipolla, pepe, olio d’oliva e sale.

Nel caso non vogliate preparare l’impasto ce ne sono diversi supermercati chi li vende già fattoanche se il nostro consiglio è di seguire i passaggi consigliati nella ricetta casalinga di EL PERIÓDICO.

Il panino al tonno È una ricetta ideale se non si vuole passare troppo tempo in cucina prima di passare al spiaggia. È un panino con una lunga storia ed è molto comune consumarlo ‘da asporto’, quindi ha le condizioni necessarie per poterlo portare comodamente nella borsa da spiaggia.

Vedi anche:  Il taglio di capelli antietà del 2022 per valorizzare il viso tra i 30 e i 60 anni

Inoltre, usa gli ingredienti. economico e facile da digerire. Una delle possibili combinazioni è: fette di pane, tonno, maionese, lattuga, pomodoro e carota grattugiata. Tuttavia, si potrebbero aggiungere anche altri alimenti in base ai gusti di ogni commensale, come le olive o le barbabietole.

Burrito di pollo al formaggio

Nel caso in cui non si voglia optare per il tipico panino, un’altra opzione da portare in spiaggia è il burrito di pollo. Facile da portare ovunque, gustoso e originale. puoi farlo con alcuni formaggio (ad esempio Manchego) e accompagnarlo con più ingredienti A seconda del gusto che vuoi ottenere.

I passaggi sono molto semplici: in primo luogo, devi taglia il pollo a pezzetti e cuoceteli in padella. Una volta che hanno finito, i pezzi sono mescolati con il resto degli ingredienti (formaggio, peperoni e cipolla, per esempio) in modo che i sapori si uniscano. Infine, devi solo arrotolare con l’impasto del burrito e sarà pronto da consumare.

Articolo precedenteSe hai una di queste auto, non sarai in grado di superare l’ITV questo 2022
Articolo successivo“C’è più rischio di recessione negli Stati Uniti che nell’economia globale”