Finale di stagione davvero da cardiopalma sull’asfalto bagnato di Barcellona. Ad aggiudicarsi la vittoria di una splendida corsa è stato un perfetto Esteban Guerrieri, partito dalla pole e vittorioso con un vantaggio imbarazzante sui propri colleghi. Gli occhi del pubblico, però, sono stati tutti puntati sullo splendido duello per il titolo tra Mikhail Aleshin e Daniel Ricciardo.

Presentatisi all’ultimo round in parità di punteggio, i due driver si sono da subito beccati in pista ritrovandosi uno davanti all’altro dopo il valzer delle soste ai box. La coppia Ricciardo – Aleshin ha proseguito in quest’ordine divisi da solo un secondo per gran parte della corsa. Nei giri finali il duello ha cominciato a prendere una piega più spettacolare, con traversi e controsterzi sull’acqua culminati nell’undicesima tornata da un attacco a vuoto da parte del russo, che va lungo e perde tre secondi.

Lenta e al limite la rimonta disperata dell’alfiere della Carlin, capace di riagguantare l’antagonista targato Tech 1 a tre giri dalla fine e superarlo con un sopraffino incrocio di traiettoria all’uscita dell’ottava curva. Niente da fare per Ricciardo, che ha cominciato a perdere terreno ed addirittura finire in testacoda nella chicane all’ultimo giro in un orgoglioso tentativo di recupero. Deliziato il pubblico presente, con Aleshin vincitore dell’edizione 2010 della World Series by Renault e con una significativa e sportiva stretta di mano tra i due sotto il podio.

Per il resto della gara, a giungere sul traguardo alle spalle di Guerrieri ci ha pensato un concretissimo Jean Eric Vergne, sempre più concreto anche se distante ventiquattro secondi dall’argentino. Abissali i distacchi a ridosso della zona podio, con Stefano Coletti, Nelson Panciatici ed Anton Nebylitskiy rispettivamente quinto, sesto e settimo. La top ten è stata completata da Jan Charouz, Jon Lancaster ed Albert Costa, con i primi due protagonisti di un duello mozzafiato.

A seguire Jake Rosenzweig e Nathanael Berthon, mentre è stata una giornata sfortunata per Daniel Zampieri, ritiratosi mentre era quarto a causa di un testacoda, con la vettura intrappolata su un cordolo. Quindicesimo Federico Leo.

Innumerevoli i fuoripista e gli insabbiamenti causati dall’asfalto scivoloso, con ben cinque ritirati. Da segnalare che la direzione gara ha deciso di far svolgere la partenza sotto regime di Safety Car.

Griglia di Partenza Gara 2 (clicca qui per il pdf ufficiale)

Classifica Gara 2 (clicca qui per il pdf ufficiale)

Classifica Campionato (clicca qui)

Nella foto, il campione 2010 Mikail Aleshin in azione

Antonio Mancini


Stop&Go Communcation

Finale di stagione davvero da cardiopalma sull’asfalto bagnato di Barcellona. Ad aggiudicarsi la vittoria di una splendida corsa è stato […]

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/lr_03110809_088_ALESHIN.jpg Barcellona, Gara 2: Guerrieri domina incontrastato. Aleshin vince il titolo 2010 dopo un duello mozzafiato con Ricciardo