Tutto è pronto per l’edizione numero 64 della Trento – Bondone, la cronoscalata più attesa dai piloti del Civm, il campionato italiano di velocità in montagna.

L’edizione 2014, che annovera 204 iscritti (56 dei quali trentini), ci proporrà ancora una volta la grande sfida fra i due campioni degli anni Dieci del Duemila, Simone Faggioli e Christian Merli: il primo qui ha già vinto per cinque volte (nel 2006, 2010, 2011, 2012 e 2013), il secondo è ancora a caccia del suo primo acuto, sfiorato nel 2009, quando era in testa a poche curve dall’arrivo e poi venne piantato in asso dalle leva del cambio. Il driver trentino e quello fiorentino stanno dando vita ad un bel duello anche in questa edizione del Civm, tornato al girone unico nazionale.

Nella classifica assoluta del Civm al terzo posto troviamo il sardo Omar Magliona (Osella Pa 21/s Evo), che sta dando vita ad un duello equilibratissimo con Rosario Iaquinta (Osella Pa 21/s) nel gruppo CN: i due sono appaiati a quota 92,5 punti in questa graduatoria e quindi la gara trentina ci dirà chi dei due allungherà. Il pilota di casa Matteo Moratelli (Osella Pa 21) proverà a rompere loro le uova nel paniere, così come Domenico Scola (Osella Pa 21/s Evo), quarto in classifica generale. Un occhio particolare sarà riservato al trentino Adolfo Bottura (Lola B99/50), fondatore del Trentino Team, e al vecchio condottiero Franco Cinelli (stessa vettura) impostosi a Vason nel 2001 e nel 2004. Un altro trentino che vorrà e potrà dire la propria è Diego Degasperi, che quest’anno è al volante di una Radical, con la quale occupa il sesto posto nella classifica riservata al gruppo E2B ed il secondo nella classe fino a 1600 cc alle spalle di Achille Lombardi (Radical SR4).

nteresse desteranno al solito i bolidi delle categorie E1 e GT, “mostri” a ruote coperte capaci di tempi vicini a quelli delle “sport”. In quanto al gruppo A, al comando del campionato ad oggi c’è l’unico pilota che finora ha partecipato a tutte le gare, il catanese Salvatore D’Amico (Renault Clio RS), seguito dal bolzanino Rudi Bicciato (Mitsubishi Lancer Evo) e dal triestino Paolo Parlato (Honda Civic Type R). In questo gruppo domenica prossima, assente il leader, farà certamente la voce grossa il trentino Maurizio Pioner, che si presenterà al via con una potente Mitsubishi Evo 7 Gruppo A (oltre 3000 cc).

Nel gruppo N, popolato da moltissimi driver, nessuno dei quali, però, prende parte a un grande numero di gare a parte alcune eccezioni, troviamo davanti a tutti Cosimo Rea (Citroen Saxo Vts), con appena quattro lunghezze sull’altoatesino Armin Hafner (Mitsubishi Lancer Evo) e 4,5 su Luca Ligato (Peugeot 106 S16): i primi due figurano fra gli iscritti alla Trento – Bondone. Non mancheranno le vetture storiche!


Stop&Go Communcation

E’ stata presentata la 64ª Trento – Bondone

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/07/Trento_Bondone_1-1024x682.jpg Presentata la 64ª Trento – Bondone. Gli iscritti sopra quota 200, i trentini sono 56