Cala la sera sul circuito di Sakhir per la seconda tornata di prove libere della 8 Ore WEC e come previsto, complice anche – ma non solo – la temperatura più fresca, sono scesi vertiginosamente i tempi delle LM P1.

Bruno Senna con l’unica Rebellion iscritta ha presto fissato il limite di 1.42.471, vale a dire 2” meglio del best crono del mattino di Ben Hanley e oltre 4” della migliore prestazione ottenuta fin qui dalla R13-Gibson.

A 1”4 la migliore delle Ginetta con Charlie Robertson, mentre l’altro prototipo inglese ha effettuato solo 10 tornate, il minimo tra le 31 vetture iscritte. Nel mezzo non solo le due Toyota rallentate dal Success Handicap, ma anche l’Oreca del Jackie Chan DC Racing, migliore tra le LM P2 con 1.46.147.

Grazie ai 24 gradi in pista le gomme Goodyear hanno preso il sopravvento, occupando anche la terza piazza della categoria con High Class Racing – che domenica proverà un rookie d’eccezione, nientemeno che Jan Magnussen – dietro la Aurus 01 di Jean-Eric Vergne, che presto si è adattato alle Michelin (ricordiamo che nella ELMS l’Oreca ribattezzata col nome del costruttore russo vestiva invece Dunlop).

Chiude le fila della categoria la Dallara del Cetilar Racing di Giorgio Sernagiotto, Andrea Belicchi e Roberto Lacorte.

Cambio della guardia in GTE-Pro, con le due Aston Martin davanti con Alex Lynn autore di 1.55.696, mezzo secondo meglio del compagno di squadra Marco Sorensen. A seguire le Porsche di Kevin Estre e la versione 2018 di Matteo Cairoli, al top in GTE-Am col tempo di 1.56.510, 6 decimi meglio di Thomas Preining con l’altra Porsche del Dempsey-Proton.

P4 tra i Pro per James Calado con la migliore delle Ferrari, vittima nel finale di sessione una defaillance elettronica risolta senza l’intervento della vettura di servizio, e P4 tra le AM per Giancarlo Fisichella, migliore tra le Ferrari con la 488 di Spirit of Race.

Domani il programma prevede il terzo ed ultimo turno di libere, dalle 11.15 locali e le qualifiche, come sempre suddivise tra GT e prototipi, a partire dalle 16.40.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 2


Stop&Go Communcation

Aston Martin prevale in GTE-Pro. Cairoli svetta tra gli Am

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2019/12/PL56556-1024x682.jpg WEC – Bahrain, Libere 2: Rebellion svela il vero potenziale