Il package BMW si dimostra ancora una volta dominante nel terzo appuntamento dell’IMSA iRacing Challenge, svoltosi sulla pista virtuale di Mid-Ohio.

La serie ancora una volta presentava un plateau di tutto rispetto con la bellezza di 49 piloti, tutti protagonisti delle serie IMSA, con predominanza del WeatherTech SportsCar Championship, a dividersi tra le quattro vetture GTLM: Ford, Ferrari, Porsche e BMW appunto.

La superiorità delle M8 GTE emergeva già dalle qualifiche, dove era il vincitore delle prime due tappe di Sebring e Laguna Seca, Bruno Spengler, ad aggiudicarsi la pole position davanti a Robbie Foley. Seconda fila per le Ford di Rodrigo Pflucker e Kenton Koch, mentre la migliore Porsche occupava la quarta fila, dietro ancora alle BMW di Nicky Catsburg e Connor de Philippi e alla Ford di Sebastian Priaulx. Più indietro ancora le Ferrari, con Alessandro Balzan 21mo ed il vincitore dell’ultima 24 Ore di Le Mans reale, James Calado, addirittura 10 piazzole più dietro.

Allo start subito out uno dei protagonisti, Kenton Koch, mentre Spengler manteneva il comando su Foley, Pflucker e Catsburg. I quattro presto si separavano dal resto del gruppo, dal quale emergeva il nostro Mirko Bortolotti, presto in top ten dal 15mo posto in griglia.

La battaglia fra i primi tre si faceva subito rovente, e a farne le spese era Foley, toccato dal peruviano campione in carica delle Prototype Challenge. Catsburg ringraziava, issandosi in seconda posizione. Pfuckler era anche l’unico a giocare la carta dell’undercut, anticipando la sosta obbligatoria dopo meno di un terzo di gara, ma la sua tattica veniva temporaneamente vanificata da una toccata da parte della Ford di Misha Goikhberg.

L’assalto di Catsburg alla leadership riusciva all’uscita dei box, dopo circa 40’ di gara. Alcuni piloti, tra cui Shane Van Gisbergen e Balzan giocavano la carta della sosta ridotta, atteso che presto sarebbe stata chiamata una “Competition caution”.

La neutralizzazione forzata veniva infatti chiamata, con poca fantasia, alla metà gara esatta, e i due, grazie ai minor tempo passato ai box, si trovavano in testa alla gara. Al restart però, mentre il kiwi manteneva il comando, Balzan si ritrovava invischiato in un mix pericoloso e veniva tamponato dal solito Goikhberg, vera mina vagante del circuito.

Al comando si formava quindi un pokerissimo BMW, condotto da van Gisebergen su Catsburg, Spengler, Foley e De Philippi, che reggeva fino al 64mo minuto di gara, allorquando Catsburg procurava una carambola che faceva perdere al neozelandese 11 posizioni.

Ma non era ancora finita, perché pochi istanti dopo, in un estemporaneo threewide in curva 1, anche Spengler era vittima di un sandwich tra i due compagni di marchio, che lo faceva precipitare in sesta posizione. Il canadese una decina di giri più tardi rimaneva pure vittima del contatto fra Priaulx e Pflucker, nel frattempo risalito fino al quinto posto, del quale faceva le spese anche Richard Westbrook.

Il ruolo di inseguitore del terzetto di testa passava quindi ad un’altra BMW, quella dai colori austriaci di Philipp Eng, risalito nientemeno che dalla 46ma piazzola. La battaglia per la vittoria andava però a Catsburg, il quale approfittava delle disavventure di Foley (un contatto ed un lungo nella battaglia col combattivo van Gisbergen, nel tentativo di sdoppiarsi da parte di quest’ultimo) per transitare davanti a tutti. Il newyorchese manteneva con le unghie e i denti la seconda piazza su De Philippi, che completava l’ennesimo podio tutto BMW.

A seguire Eng, Tincknell, migliore delle Ford, e Spengler. 16mo e 19mo posto per i nostri portacolori Bortolotti e Balzan, mentre Ayhancan Güven, senza dubbio anche oggi il migliore dei piloti Porsche, risalito sino alla sesta piazza, alla fine transiterà solamente 14mo.

Prossimo appuntamento con le gare virtuali dell’IMSA iRacing Pro Series, fra due settimane, giovedì 14 maggio a Road America.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Vittoria a Catsburg su Foley, De Philippi ed Eng

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2020/05/Cats-1024x576.jpg USCC – Bmw ancora sugli scudi nell’iRacing a Mid-Ohio