Lanan Racing, all’inferno e ritorno (vincente). Dopo il terribile botto nelle prove di Barcelona ed il conseguente zero in classifica generale, Michael Benham e Duncan Tappy si sono presentati a Spa-Francorchamps con la speranza di mantenersi in lotta per il titolo della Le Mans Cup 2019.

Il quarto posto conquistato sotto la bandiera a scacchi si è trasformato in vittoria nel post-gara a causa di ben tre squalifiche che hanno colpito l’intero podio della LM P3. Ma andiamo per gradi.

Le prime fasi di gara sono state dominate dalla Norma del DKR Engineering, in pole con Francois Kirmann, che cedeva il comando dopo il pitstop al compagno Laurent Horr. Un drive-through assassino per aver fatto pattinare le ruote in pitlane costava però alla squadra battente bandiera lussemburghese la leadership, che passava, a 30’ dalla fine, all’altra M30 del Graff con Nicolas Schatz alla guida.

Il francese, con oltre 5” di vantaggio, portava a casa la vittoria in pista davanti ai duellanti Colin Noble del Nielsen Racing e allo stesso Horr, il quale nelle fasi finali tentava ripetutamente di avvicinarsi al pilota britannico senza successo.

In GT3, un contatto al via costava alla Ferrari del Luzich Racing in pole una sosta extra per una foratura ed il comando andava all’altra 488 GT3 di Sergio Pianezzola. Da dietro però rinveniva presto l’Aston Martin di Andrew Howard il quale, partito dal fondo dello schieramento per il cambio del motore, avanzava a larghe falcate sul resto del lotto.

Grazie anche all’intervento della safety car e a una successiva Full Course Yellow, il vantaggio della Ferrari svizzera, ora condotta da Giacomo Piccini, sulla Vantage GT3 con Ross Gunn in seconda posizione, si riduceva al lumicino, ma il pilota toscano resisteva agli attacchi, transitando sotto la bandiera a scacchi con 1”2 di vantaggio. Gradino basso del podio per l’altra Ferrari di Spirit Of Race condotta da Cristoph Ulrich e Maurizio Mediani.

Nel post gara il ribaltone che regalava la vittoria alla Norma del Lanan Racing, quarta al traguardo, a causa di irregolarità riscontrate sulle crash box di tutte e tre le vetture a podio (tutte Norma) che risultavano fissate con viti di lunghezza nettamente minore del previsto. Il podio finale si completa con le due Ligier di Motorsport98 e Spirit of Race.

Grazie a questi risultati, ora il Lanan Racing si presenterà a Portiamo il 27 ottobre per l’ultimo round in programma in testa alla classifica con 91 punti contro gli 84 dell’equipaggio del DKR, mentre Anthony Wells e Colin Noble devono abbandonare ogni speranza di successo finale a quota 61. Tra le GT3, il successo belga arride a Piccini e Pianezzola, ricordiamo campioni in carica della categoria, che si portano in testa a 105 punti contro i 96 di Fabien Lavergne e Mikkel Mac, sesti al traguardo.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo


Stop&Go Communcation

Il Kessel Racing con la terza vittoria diventa leader in classifica

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2019/09/Lanan-1024x683.jpeg Le Mans Cup – Spa: Il Lanan Racing ringrazia i commissari