La 104ma Indy 500 avrà il suo pubblico. Nella giornata di venerdì la conferma che l’edizione 2020 del Greatest spectacle in racing non si svolgerà a porte chiuse, come nelle aspettative del neoproprietario dell’Indianapolis Motor Speedway, Roger Penske.

La capienza dell’IMS dovrà però essere ridotta al 50%, e a tale scopo è stata attivata una campagna volta a chiedere ai possessori di biglietti (l’evento è praticamente sold out a priori da sempre) la conferma della volontà di presenziare a questa edizione, ricordiamo spostata al 23 agosto a causa del Coronavirus, dove verranno comunque messi in atto i necessari presidi per garantire una minore possibilità di contatto fra il pubblico.

Contestualmente verrà attuata una campagna di sensibilizzazione nei confronti dei soggetti più a rischio, anziani e portatori di patologie a rischio. Ricordiamo che la massima presenza di pubblico è stata registrata nell’edizione numero 100 del 2016 con circa 350.000 spettatori.

Nel frattempo l’IMS si prepara ad ospitare la seconda gara di questa martoriata stagione IndyCar con il Grand Prix del 4 luglio, in coabitazione con la NASCAR, rigorosamente a porte chiuse.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

In corso una campagna volta a confermare le presenze all’IMS per il 23 agosto

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2020/06/iMSBW-1024x512.jpg IndyCar – Indy 500 con metà pubblico