Sono prontamente corsi ai riparti gli organizzatori del SuperGP, per porre rimedio all'annulamento della gara della A1GP a Surfers Paradise. Nel prossimo week-end, oltre allo svolgimento di 4 manches da 150 chilometri del V8 Supercars, ci sarà posto anche per un altro campionato nazionale: si tratta del Touring Car Masters, serie riservata a vetture turismo in salsa australiana prodotte a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta.

Il Touring Car Masters vede al via le vecchie Chevrolet Camaro, Ford XY, Ford Mustange, Holden HQ e pure alcune Porsche 911. Con piloti vere e proprie star nella terra dei canguri, le autorità locali sperano di poter offrire uno spettacolo all'altezza. "Dobbiamo lasciarci alle spalle la questione della A1GP, sistemare tutto e offrire il massimo al pubblico", ha dichiarato Phil Reeves, ministro per lo sport del Queensland. "In pochissimo tempo ci siamo assicurati alcuni tra i più grandi nomi e modelli nella storia delle competizioni in questo paese. Sarà una festa del motorsport australiano".

Estremamente positive le reazioni dei protagonisti (team e piloti coinvolti), sintentizzate da Greg Hooton, responsabile dell'evento: "Vogliamo rendere felici gli appassionati". Ci sarà spazio inoltre per una celebrazione a Jack Brabham, nel cinquantenario della conquista del suo primo titolo iridato in Formula 1, datato 1959. Brabham, accompagnato dal figlio Geoff (vincitore a Le Mans nel 1993) e dal nipote Matthew, vedrà esposte alcune delle macchine guidate durante la propria carriera, pronte inoltre a saggiare l'asfalto di Surfers Paradise per qualche giro celebrativo.

"Sarà qualcosa di speciale"
, ha sottolineato Hooton. La situazione in Australia è in ogni caso tutt'altro che priva di risvolti polemici: il partito liberale del Queensland, attualmente all'opposizione, ha chiesto alla premier Anna Bligh di rimuovere dal proprio incarico il ministro per lo sport Reeves.

"La miglior maniera per incoraggiare la gente a seguire il V8 Supercars nel prossimo fine settimana è mostrate la porta a chi ha causato questo pasticcio"
, ha affermato John Paul Langbroek, leader dei liberali. Non viene infatti perdonato l'investimento di denaro pubblico di quasi 12 milioni di dollari australiani destinato all'edizione 2009 della corsa sulla Gold Coast, dei quali 1.8 versati alla A1GP. La World Cup of Motorsport ha però promesso la restituzione di tale cifra. I tifosi che lo vorranno, infine, potranno ottenere il risarcimento del biglietto.

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Sono prontamente corsi ai riparti gli organizzatori del SuperGP, per porre rimedio all'annulamento della gara della A1GP a Surfers Paradise. […]

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/a1gpa1gp-181009-01.jpg Il Touring Car Masters riempirà il “buco” lasciato dalla A1GP nel fine settimana di Surfers Paradise