Gli svedesi hanno sicuramente destato attenzione nel weekend di St.Petersburg. I due rookies, Felix Rosenqvist e Marcus Ericsson, oltre ad attirare nuovi fan (tante le magliette giallo-blu tra i ben 140.000 presenti), hanno fornito prestazioni di alto livello già al debutto.

Rosenqvist, quarto al traguardo dopo una gara tutta d’attacco, si è appreso aver disputato gli ultimi 40 giri con una mano sola, a causa di un nervo accavallato che gli ha impedito di gestire propriamente il braccio destro.

Per Ericsson invece (foto sotto), al ritiro in gara è seguita la consolazione nientemeno che di una chiamata in Formula 1 dall’Alfa Romeo-Sauber, che ha richiesto i servigi del pilota dell’SPM quale pilota di riserva. Il team di Sam Schmidt non si è opposto ed il pilota sta ora volando alla volta di Melbourne.

Un altro pilota che ha subito conseguenze dalla prima trasferta stagionale è stato Ed Jones. Il pilota di Scuderia Corsa, nello schianto che ha posto fine alla sua gara in curva 9, ha rimediato una frattura alla mano sinistra. Jones è stato operato a Miami e, con le dovute protezioni, dovrebbe essere della partita fra due settimane, al Circuit Of The Americas.

Il season opener della Florida è stato spesso punto di attrazione delle discussioni sull’espansione della serie in America latina. Nel weekend si è appreso dei contatti dei vertici IndyCar, Mark Miles in testa, coi rappresentanti del circuito argentino di San Juan Villicum, il Grupo OSD, per una gara già la prossima stagione.

Il tracciato, di recente costruzione, ha ospitato lo scorso ottobre per la prima volta la World SBK; un primo ostacolo però, almeno per ora, all’organizzazione della gara, l’attuale assenza di copertura televisiva in Argentina, argomento su cui entrambe le parti in causa dovranno necessariamente lavorare.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Polso rotto per Ed Jones, ma al COTA ci sarà. Presenza di 140.000 nel weekend, mentre la serie pensa all’Argentina

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2019/03/PL59722-1024x682.jpg IndyCar – Svedesi sugli scudi a a St.Petersburg: Rosenqvist stoico, Ericsson riserva Alfa-Sauber in F1