Ed Jones e Scuderia Corsa vogliono lasciare il segno su questa Indy 500 e, dopo le buone prestazioni nelle prime due sessioni, capeggiano la lista dei tempi nella terza giornata di prove libere, sia con la media assoluta (227.843 mph), ancorchè lontana dalla migliore prestazione di Will Power di martedì, che nella graduatoria senza rimorchio (no tow) con 224.957 mph.

La top five prosegue con il vincitore 2017, Takuma Sato, Zach Veach, Sebastien Bourdais e Colton Herta, ancora una volta il migliore dei rookie.

Un altro rookie invece ha toccato con mano le barriere di curva 2 dopo Rosenqvist: si tratta di Pato O’Ward, che ha perso la vettura in entrata, schiantandosi all’esterno e quasi prendendo il volo. La 20enne rivelazione messicana è uscita incolume dallo spaventoso incidente e, con tutta calma, tornato ai box si è aperto una RedBull, in omaggio al nuovo sponsor che campeggia ora sul suo casco.

Il Team Carlin, qui con tre macchine a motore Chevy anche per Charlie Kimball e Max Chilton, ha preparato l’assemblaggio della prima vettura di riserva. Vettura di riserva che non è stata completata in tempo invece per Fernando Alonso, unico a non girare dei 36 piloti, sorpreso dalla pioggia che ha accorciato la giornata di test.

Le prove proseguiranno oggi, il cosiddetto Fast Friday, dove riceveranno una potenza extra di circa 50 HP per abituarsi alle qualifiche. Il cielo dell’Indiana dovrebbe permettere un regolare svolgimento delle attività in pista fino a sabato, mentre per domenica mattina, in occasione dell’assegnazione della Last Row e della Fast Nine al momento si prevede pioggia in quantità.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 3


Stop&Go Communcation

O’Ward quasi decolla, Alonso non gira

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2019/05/19_MDF_IN_2-1066.jpg IndyCar – Indy 500, Libere 3: Jones e Scuderia Corsa su tutti