La NBC, nuova proprietaria dei diritti televisivi della 500 Miglia di Indianapolis oltre che del resto dell’IndyCar Series, ha annunciato nei giorni scorsi una maggiore copertura televisiva per la stagione entrante.

Grazie anche a share in continua crescita, saranno infatti ben otto su diciassette le gare trasmesse in diretta sulla rete televisiva nazionale a stelle e strisce, oltre il 60% quindi rispetto alla scorsa stagione, mentre alla consociata NBCSN, al suo dodicesimo anno di partnership, andranno le rimanenti otto.

La rete del pavone coprirà, oltre la Indy 500, il Grand Prix di Indianapolis, il doubleheader di Detroit e gli iconici circuiti permanenti di Road America, Mid-Ohio e Laguna Seca, passando per il Portland International Raceway.

La programmazione italiana, con i diritti in mano al gruppo Sky almeno per un anno ancora, non dovrebbe subire mutamenti, grazie anche al sempre maggior seguito della serie nei nostri confini, e dovrebbe essere scongiurato un passaggio a DAZN come già avvenuto, con scarsi risultati, con altre perle dello sport professionistico americano.

Ma l’argomento che tiene più banco nell’immediato nella serie, a mercato praticamente già concluso, è la definizione del title sponsor. Dopo la lunga cavalcata (cinque anni) con Verizon, che ha contribuito anche a modernizzare le telecronache con una serie di mezzi tecnologici all’avanguardia, come per esempio le visor-cam, le aspettative del management della serie sono alte.

Da alcuni video promozionali sarebbe emerso il nome di NTT Data, già sponsor del team Ganassi, ma ci sono voci che riportano potrebbe essere la stessa NBC a rilevare il testimone dal network della telefonia.

L’annuncio ufficiale non tarderà comunque a mancare; nel frattempo si dovrà però attendere almeno sino all’8 e al 12 febbraio prossimi per rivedere pubblicamente in pista le monoposto più veloci del pianeta, con i test collettivi in programma a Laguna Seca e al Circuit of The Americas. Ulteriori test privati verranno invece svolti a Sebring in settimana.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Sarà NTT Data o addirittura la stessa NBC a dare il nome alla serie?

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2019/01/01-09-Scenic-COTA-TK-OnTrack.jpg IndyCar – In attesa del title sponsor, copertura televisiva sempre più ampia