Come da previsioni una pista estremamente scivolosa ha atteso i 24 protagonisti dell’IndyCar Series a Barber Park per la prima giornata dell’Honda Indy Grand Prix of Alabama.

Entrambe le sessioni di prove libere non hanno infatti restituito appieno il senso delle forze in campo, specie su gomme red, e non si sono contate le uscite di strada, tutte senza conseguenze, di cui hanno fatto le spese anche piloti esperti quali Takuma Sato, Tony Kanaan e James Hinchcliffe.

Proprio il canadese alla fine è risultato il migliore della giornata, segnando il miglior tempo nelle fasi finali della seconda sessione con 1.08.9994, seguito dal recente vincitore di Austin, fresco 19enne, Colton Herta, e dall’altro rookie Santino Ferrucci, entrambi non immuni da escursioni fuori pista, con il ragazzo del Connecticut portatore dell’unica red flag del pomeriggio per aver colpito le barriere in curva 16.

Al mattino era stato l’altro rookie Felix Rosenqvist a primeggiare con 1.09.2296 in una sessione spezzata a metà dall’uscita di strada di Matheus Leist in curva 6 e chiusa in leggero anticipo per le uscite di strada di vari concorrenti, tra cui anche Spencer Pigot, tra i migliori con motore Chevy insieme a Pato O’Ward.

In generale infatti, fin qui sono state le vetture motorizzate Honda le protagoniste, conquistando l’intera top six sia al mattino che al pomeriggio. In ombra per ora le macchine del Team Penske, con Will Power, ancora alla ricerca della prima vittoria dopo due pole, solo P11 nel pomeriggio.

Il programma prosegue sabato con la terza ed ultima sessione di libere e le qualifiche, rispettivamente alle 10.45 AM e alle 3.00 PM locali.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 1

I risultati delle Libere 2


Stop&Go Communcation

La pista scivolosa non permette tempi di rilievo. Tante le uscite di strada

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2019/04/JGS_2019-BARBER-050912-1.jpg IndyCar – Barber, Libere 1 e 2: Hinchliffe al top non senza problemi